Venerdì 26 Febbraio 2021 | 08:28

NEWS DALLA SEZIONE

In via Crispi
Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

 
Il sindaco
San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

 
L'incontro al Mise
Vaccini, ipotesi sede produzione in Puglia: ma per i bioreattori servono almeno 4 mesi

Vaccini, ipotesi sede produzione in Puglia: ma per i bioreattori servono almeno 4 mesi

 
Il progetto
Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

 
il bollettino
Coronavirus, in Italia crescono i positivi, quasi 20mila, ma record di test, 443mila. Anche 308 vittime

Coronavirus, in Italia crescono i positivi, quasi 20mila, ma record di test, 443mila. Anche 308 vittime

 
La motivazione
Legionella al Policlinico, i giudici sul no all'interdizione: «le linee guida non sono leggi»

Legionella al Policlinico, i giudici sul no all'interdizione: «le linee guida non sono leggi»

 
Serie C
Troppi casi di Covid nella Cavese: rinviata gara col Potenza

Troppi casi di Covid nella Cavese: rinviata gara col Potenza

 
Covid
Puglia, regione rimborsa affitto casa a studenti fuorisede dopo pandemia

Puglia, regione rimborsa affitto casa a studenti fuorisede dopo pandemia

 
il bollettino
Coronavirus, in Puglia 1154 casi su 10mila tamponi, su il tasso di positività all'11,2%. Altre 27 vittime

Covid, in Puglia 1154 casi su 10mila tamponi. Altre 27 vittime. «Ma verso conferma zona gialla»

 
L'intervista
«Sulle nomine altra figuraccia dei partiti: da ora si accontenteranno dell'ordinario»

«Sulle nomine altra figuraccia dei partiti: da ora si accontenteranno dell'ordinario»

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIn via Crispi
Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

 
LecceNella notte
Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

 
FoggiaIl sindaco
San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

 
PotenzaL'incidente
San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

 
BariIl progetto
Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

 
BatNella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 

i più letti

quadretti selvaggi

Noi figli del cinema
chiamato Marilòn

sede ex cinema porno marilon

di ALBERTO SELVAGGI

Soltanto da alcuni anni i grandi studiosi, soprattutto nelle università americane, hanno compreso e analizzano l’impatto enorme del porno sulla vita quotidiana: altro che letteratura, altro che psicologia, scienza e filosofia. Ma noi, fratelli, in nome di Le Ore, Supersex, Jacula, Caballero, Cicciolina, sappiamo di essere figli del Marilòn (Màrilon) da sempre.
Il primo e più famoso cinema a luci rosse della storia cittadina, all’alba dei Novanta passato a altra vita, non nacque né fu per la maggioranza della sua esistenza ciò che lo ha eternato come tempio d’idoli. Ecco la sua storia, come nessuno ve l’ha raccontata.
Il 6 giugno 1953 la signora Maria Scannicchio, moglie di Luigi Lonigro, titolare di un oleificio e di un saponificio nella zona industriale, tagliò il nastro del Marilon (Mari-a Lon-igro), su via Trani (oggi via Carafa 61/B), vicino al Policlinico, rione Picone in piena espansione con i suoi 12.000 abitanti. Sindaco, ressa elegante attorno a una straordinaria pioniera della cinematografia dell’età aurea, titolare anche del Supercinema e dell’Arena Giardino. Un locale dall’acustica bilanciata, battezzato con «Da quando sei mia», protagonista Mario Lanza, progettato da Felice Battisti Laforgia con le migliori maestranze. Senza dimenticare il balconcino-palco che dall’attigua abitazione dei proprietari, sul tetto mobile lamellare di 120 metri quadrati, si protendeva direttamente in sala sui crani degli 800 seduti, e spesso 1100 paganti invasati.

Lady Maria, la cui bandiera sventola ancora oggi tra le mani dei nipoti Patrizia, ad della Class Cinematografica di Bari, e Luigi Lonigro, direttore generale della 01 Distribution di Rai Cinema, soci del Galleria, sfornò programmazioni con la sua Internazional Film di via Melo 173. Finché, nel 1973, cedé i 3000 metri quadrati del Marilon, con le sue fioriere stilizzate, i lampadari d’arte di Michele Cimarrusti, le poltrone «Doro», l’ampia cabina con macchina Prevost.
I Pellegrino e i Pinto (niente a che fare con Bartolomeo e Ferdinando), società Ariston, seguirono la rotta dell’ex proprietaria. Dopo i film cinesi d’arti marziali, prima della commedia sexy e dei western in caduta libera, fecero conoscere a Bari Wenders, Fassbinder (Il matrimonio di Maria Braun), Herzog. Ma l’avanzata delle tivù private «iniziò a scavare la fossa ai cinema», ricorda Pasquale Pellegrino, con Salvatore una delle anime del Marilon nei Settanta e Ottanta, oggi factotum al Coviello di Bitonto.

E così nel ’79 il Marilon, cinema di quarta e quinta visione come l’Adriatico (Ambasciatori) e il Lucciola (Royal), non di terza come Armenise e Supercinema, né di seconda come Odeon e Nuovo Palazzo, non di prima come Impero, Galleria, Petruzzelli, Oriente e Kursaal Santalucia, divenne il «Marilòn» o «lu Marilone» che conosciamo: rimasto in mano ai soli Pellegrino.
Insegna giallo rossa che occhieggia ancora oggi fra i brandelli sull’ingresso, portone in anticorodal bronzato con la grande M, montato nel 1975 e rimosso – sacrilegio - un mese fa, poltrone imbottite verdi (ridotte a 550) al posto delle più smilze in legno, talvolta con macchie aggrumate che non erano ricami di sartine di Santeramo, pareti tinto tek, cessi piastrellati d’osceno, il «Grugnitore» in fondo sala, lardoso dal pelame di bestia che emetteva versi, baveri alzati vergognevoli, 15enni arrapati brutto con belle barbe finte, il vecchio Paolo alla biglietteria, Pietro la maschera: «Fai vedere la carta di identità, li tieni 18 anni?», e poco dopo dall’ultima fila, «ou uagnùn, ci iè che teneva probbléimi di identità?!». La LP e Pellegrino Cinematografica, negli spettacoli dalle 15 alle 23, fecero grondare lo schermo di dive svedesi, puttanone francesi, Marina Frajese, Moana bella di giorno, cioè la Pozzi prima dei ritocchi estetici, annunciata da manifestini presi a prestito dalla rivista porno Le Ore, fino a Ramba sfida la bestia, anno di grazia ‘87. Non un cinema hard: mitologia. I ricchi, i poveri, soldataglia e illustri medici, «uè, pure tu qui?», «mudù, sta l’amico di mio padre», «ou silenzio che la signorina sta parlando al microfono!». Ciò che abbiamo visto, ciò che abbiamo sognato, fratelli, ciò che ci ha accecato. Ciò che ci ha fatti ieri, oggi, domani, figli del Marilòn.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie