Mercoledì 20 Febbraio 2019 | 18:59

NEWS DALLA SEZIONE

Durante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
Serie B
Lecce calcio, formalizzato l'acquisto di Zan Majer

Lecce calcio, formalizzato l'acquisto di Zan Majer

 
Dopo gli arresti
Trani, nuova accusa per Savasta: «Inventò indagine per colpire imprenditore»

Trani, nuova accusa per Savasta: «Inventò indagine per colpire imprenditore»

 
Regione
Sanità, Puglia fuori dal commissariamento, slittata a marzo decisione del ministero

Sanità, Puglia fuori dal commissariamento, slittata a marzo decisione del ministero

 
Guerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
A taranto
Romeno aggredisce coppia appartata in casolare vicino stazione: arrestato

Romeno aggredisce coppia appartata in casolare vicino stazione: arrestato

 
A taranto
Frode fiscale: sequestrati beni per 1,5 milioni di euro a impresa settore telefonia

Frode fiscale: sequestrati beni per 1,5 milioni di euro a impresa settore telefonia

 
Nel Tarantino
Palagiano: abusa di una minorenne e la perseguita, in manette un 65enne

Palagiano: abusa di minorenne e la perseguita, in manette 65enne

 
Nel Barese
Rutigliano, l'agguato a fuoco per vendicare debito di droga fallì, identificati 5 responsabili

Rutigliano, l'agguato a fuoco per vendicare debito di droga fallì, identificati 5 responsabili

 
A Foggia
Borgo Mezzanone: sequestrati immobili abusivi nel ghetto dei migranti

Migranti, giù le baracche abusive di Borgo Mezzanone FT/VD
Salvini: «La pacchia è finita»

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeDurante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
AnalisiL'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
BatIl caso
Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

 
TarantoDecide il giudice del lavoro
Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

 
LecceNel mirino della criminalità
Lecce, nuova «sfida» al prete antimafia Don Coluccia

Lecce, nuova «sfida» al prete antimafia Don Coluccia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
FoggiaGuerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
MateraUn 21enne materano
Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

 

lotta allo spaccio

Droga ed estorsioni
10 arresti nel Brindisino

BRINDISI - Trasportavano la droga in auto su un carro attrezzi per eludere i controlli e si occupavano, secondo gli investigatori, dello smistamento della merce nelle piazze del Brindisino e del Leccese, i 48 indagati dell’inchiesta della Dda di Lecce, dieci dei quali sono stati arrestati stamani dai carabinieri in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale di Lecce. Otto persone sono state condotte in carcere, due sono ai domiciliari.

L’attività investigativa, nel corso della quale sono stati sequestrati svariati quantitativi di cocaina e marijuana provenienti prevalentemente dal nord barese e documentati oltre 600 episodi di spaccio, ha consentito di smantellare quella che è stata ritenuta una associazione dedita al traffico di sostanze stupefacenti con sede operativa nel comune brindisino di Torchiarolo (Brindisi) ed attiva nelle province di Brindisi e Lecce.

La maggior parte degli indagati è di Torchiarolo (Brindisi), piccolo centro al confine tra le province di Brindisi e Lecce che da qualche tempo, come confermato dal procuratore di Lecce, Cataldo Motta, viene tenuto in particolare considerazione quale crocevia di traffici illeciti di vario tipo. Le accuse a carico degli indagati sono, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e di plurime cessioni continuate di droga, nonché di estorsione commessa con l’aggravante delle finalità mafiose.

L’inchiesta è stata avviata dopo l’arresto in flagranza per spaccio di droga di Angelo Lobuono, avvenuto il 24 maggio 2012. Nell’occasione, l’arrestato venne trovato in possesso di 13 grammi di cocaina, un bilancino di precisione, duemila euro in contanti e una pistola a salve con quattro cartucce. Le successive intercettazioni telefoniche e ambientali, oltre a pedinamenti e riscontri, hanno portato a delineare la struttura di una presunta organizzazione criminale, in possesso di una considerevole disponibilità economica e di armi, dedita al traffico di cocaina e marijuana, che sarebbe stata capeggiata da Giuseppe Perrone, soprannominato 'Barabba'. Due le donne indagate. Nel corso delle indagini, oltre al sequestro complessivo di tre chili e mezzo di droga tra cocaina e marijuana, sono stati documentati più di 600 episodi di cessione di sostanze stupefacenti e individuati 350 assuntori di droga.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400