Giovedì 21 Marzo 2019 | 15:25

NEWS DALLA SEZIONE

È diretto a Gerusalemme
Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

 
Il caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

 
Il confronto
Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

Giornata Memoria vittime mafia a Bari, Rita Dalla Chiesa: «Ho speranza nei giovani»

 
In 5mila al corteo
Emiliano a manifestazione Libera: «Lottiamo con i ragazzi»

Marcia Libera, Emiliano a Brindisi «Approvata legge pugliese sulla legalità» VD

 
L'aggressione
Monopoli, lancia scrivania contro i medici del pronto soccorso: arrestato 44enne

Monopoli, lancia scrivania contro i medici del pronto soccorso: arrestato 44enne

 
Università
Puglia, sì a due lauree in contemporanea: l'idea della Lega che piace a Uricchio

Puglia, sì a due lauree in contemporanea: l'idea della Lega che piace a Uricchio

 
È intervenuta la polizia
Barletta, tenta di uccidere il fratello accoltellandolo dopo lite, 53enne in cella

Barletta, tenta di uccidere il fratello accoltellandolo dopo lite, 53enne in cella

 
Nel Leccese
Presicce, bimbo dimenticato sullo scuolabus, salvato dopo 5 ore

Presicce, bimbo dimenticato sullo scuolabus, salvato dopo 5 ore

 
Preso nel Bresciano
Bari, preparava sequestro-rapina in Toscana: arrestato Leone «u'astat»

Bari, preparava sequestro-rapina in Toscana: arrestato Leone «u'astat»

 
Il caso
Puglia, le liste d'attesa infiammanoil Consiglio. Passa la «linea» stataleMedici verso sciopero intramoenia

Puglia, le liste d'attesa infiammano il Consiglio. Passa la «linea» statale

 
Il fatto nel 2015
Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariÈ diretto a Gerusalemme
Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

 
HomeIl caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

 
Materail «diplomificio» dello jonio
Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

 
LecceNel Leccese
Trepuzzi: furto al Comune nella notte, rubati 7 computer

Trepuzzi: furto al Comune nella notte, rubati 7 computer

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 
FoggiaCieli aperti
Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

 
TarantoNel tarantino
Castellaneta Marina, sequestrato ristorante sulla spiaggia completamente abusivo

Castellaneta Marina, sequestrato ristorante in spiaggia abusivo

 

potenza

Calcio, clan delle combine
10 persone sotto processo

Calcio, clan delle combine10 persone sotto processo

Il gup di Potenza, Amerigo Palma, ha rinviato a giudizio dieci persone - accusate a vario titolo di associazione per delinquere, associazione di tipo mafioso, truffa, usura, violenza e danneggiamento - nell’ambito dell’inchiesta della Procura su presunte scommesse e «combine" legate alle partite giocate dal Potenza Calcio in Lega Pro tra il 2007 e il 2009: la prima udienza si svolgerà il prossimo 10 giugno.
L’inchiesta, condotta dal pm di Potenza Francesco Basentini, portò nel 2009 all’arresto dell’allora presidente del Potenza Calcio, Giuseppe Postiglione, e di altre otto persone: alcuni degli indagati optarono per il rito abbreviato mentre per altri, dodici in totale, la Dda presentò un ricorso (accolto dalla Corte d’Appello) contro la sentenza del gup, Rosa Larocca, che li aveva rinviati a giudizio per associazione per delinquere, facendo così cadere quella più grave di associazione mafiosa.
Con la sentenza di oggi, quindi, ritorna l’ipotesi dell’associazione mafiosa per quattro degli indagati, e il concorso esterno in associazione mafiosa per un altro: per Paolo Spada e Giorgio Nobile (indagati per violazione sulla legge del 1989 sulle scommesse sportive) è invece scattata la prescrizione.
Secondo gli investigatori - le indagini sono iniziate nel 2007 - era stato realizzato un giro di scommesse, tra cui una partita di serie B e alcune di Prima divisione (in cui militava il Potenza Calcio, poi denominata Lega Pro), anche grazie al legame con un clan mafioso potentino. Postiglione, attivo in un gruppo editoriale, rilevò il Potenza in C2 (girone C) nel 2006, a 24 anni, conquistando il titolo di presidente più giovane d’Italia e, un anno dopo, una promozione in C1. Oltre a Postiglione sono stati rinviati a giudizio Aldo Fanizzi, Pasquale Giuzio, Luca Evangelisti, l’ex consigliere regionale della Basilicata Luigi Scaglione, attualmente con incarichi nel Centro democratico, Raffaele De Vita, Cesare Montesano, Ettore Todaro, Donato Lapolla e Antonio Di Pasquale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400