Mercoledì 19 Dicembre 2018 | 13:15

NEWS DALLA SEZIONE

Assenteismo nel Foggiano
Foggia, furbetti del cartellino al comune: in dieci in manette

Carpino, stop ai furbetti del cartellino: in arresto metà dei dipendenti comunali

 
La sentenza
Strage treni, oggi si decide sul rinvio a giudizio: 18 gli imputati

Strage treni, oggi si decide sul rinvio a giudizio: 18 gli imputati

 
l’emergenza in Puglia
Lotta alla Xylella, cunette nel mirino

Lotta alla Xylella, cunette nel mirino

 
Riabilitazione sociale
Lucera, i detenuti ristrutturano la palestra del carcere

Lucera, i detenuti ristrutturano la palestra del carcere

 
il bilancio della regione
Puglia, sanità in ordine ma i tagli continuano

Puglia, sanità in ordine ma i tagli continuano: ospedali più piccoli verso chiusura

 
chiesa e politica
Il forum dei Vescovi a Molfetta: «Bari e la Puglia laboratorio per la pace nel Mediterraneo»

Il forum dei Vescovi a Molfetta: «La Puglia baricentro di pace»

 
Il consiglio nazionale
Gazzetta, Fnsi a commissari: rispettare il mandato della Procura

Gazzetta, Fnsi a commissari: rispettare il mandato della Procura su lavoro e rilancio Vd

 
Il 28 dicembre
Gazzetta del Mezzogiorno, Emiliano convoca i commissari alla Regione

Gazzetta del Mezzogiorno, Emiliano convoca i commissari alla Regione il 28

 
La decisione
Mafia e scommesse online, ai domiciliari i presunti capi clan

Mafia e scommesse online, ai domiciliari i presunti capi clan

 
La decisione
Policlinico Bari, Migliore annuncia: «stop alcune autorizzazioni intramoenia»

Policlinico Bari, Migliore annuncia: «stop alcune autorizzazioni intramoenia»

 
SERIE D
Bari, il bomber di scorta Di Cesare col vizio del gol

Bari, il bomber di scorta Di Cesare col vizio del gol

 

Basilicata, spunta legge Tre articoli, un obiettivo sistemare «portaborse»

di ANTONELLA INCISO
POTENZA - Una leggina estiva. Tre articoli di poco più di mezza pagina, presentati dai consiglieri Francesco Mollica (Udc) ed Ernesto Navazio (Scelta civica), da far approvare ed inserire nell’ assestamento di bilancio. Per sistemare amici e parenti. Per piazzare, prima della fine della legislatura, i collaboratori di gruppi e singoli consiglieri. In un emendamento prevista la creazione di una long list per i collaboratori dei gruppi
Basilicata, spunta legge Tre articoli, un obiettivo sistemare «portaborse»
di Antonella Inciso

POTENZA - Una leggina estiva. Tre articoli di poco più di mezza pagina, presentati dai consiglieri Francesco Mollica (Udc) ed Ernesto Navazio (Scelta civica), da far approvare ed inserire nell’assestamento di bilancio. Per sistemare amici e parenti. Per piazzare, prima della fine della legislatura, i collaboratori di gruppi e singoli consiglieri. La nona consiliatura sta per finire, il destino degli esponenti politici è appeso al filo del voto, ma nell’incertezza su quello che accadrà i consiglieri si affidano ad un emendamento per «sistemare definitivamente» i loro collaboratori e quelli dei gruppi. Come? Con un «ruolo speciale a cui potranno accedere tutti i soggetti operanti alla data dell’approvazione della legge e che ne facciano regolare domanda nei 60 giorni successivi alla data di pubblicazione dell’avviso».

Traduzione: una long list a cui potranno iscriversi solo quei soggetti che operano in Regione al momento dell’approvazione della legge, ossia nella settimana compresa tra 30 luglio ed il primo agosto, giorni in cui dovrebbe - secondo il calendario ufficiale - essere approvato l’assestamento di bilancio. E considerato che la garanzia del ritorno negli scranni del Consiglio regionale non l’ha nessuno, ecco che viene previsto che dovranno essere i consiglieri regionali delle prossime consiliature a doversi avvalere - nell’organizzare le segreterie - dei collaboratori scelti dalle long list utilizzando «almeno il 50 per cento del plafond economico» assegnato con il contributo spese per i gruppi consiliari. E la fiducia dietro cui i consiglieri si trinceravano quando qualcuno chiedeva loro i criteri di scelta dei collaboratori? E la necessaria affidabilità evocata di fronte alle critiche? Evidentemente poco o nulla deve valere per i futuri consiglieri che si troveranno costretti o a fare a meno dei collaboratori o a pescare nella long list.

Insomma, una legge estiva che rischia di diventare un nuovo boomerang contro la «casta». Perchè se è vero che, ad oggi, è solo una proposta (bisogna attendere per capire se il Consiglio l’approverà o meno) è altrettanto vero che se dovesse passare non potrebbe non correre il rischio di apparire come «un’operazione clientelare». L’ultima operazione di un Consiglio che ha già le valige pronte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400