Mercoledì 12 Maggio 2021 | 07:40

NEWS DALLA SEZIONE

Buone notizie
Trani, dopo il tam tam sui social ritrovato il furgone rubato a Nazionale calcio in carrozzina

Trani, dopo il tam tam sui social ritrovato il furgone rubato a Nazionale calcio in carrozzina

 
La decisione
Basilicata gialla ma 4 comuni in zona rossa: l'ordinanza di Bardi

Basilicata gialla ma 5 comuni in zona rossa: l'ordinanza di Bardi

 
L'operazione di recupero
Taranto, 64enne cade in un dirupo: salvato da un elicottero dell’Aeronautica

Taranto, 64enne cade in un dirupo: salvato da un elicottero dell’Aeronautica

 
Lotta al virus
Vaccini in Puglia, domani toccherà a 59enni e 58enni: saranno in 1.600

Vaccini in Puglia, domani toccherà a 59enni e 58enni: saranno in 1.600

 
Editoria
Aiuti alle  società editrici, l'odg dei senatori forzisti

Aiuti alle  società editrici, l'odg dei senatori forzisti

 
La novità
Svolta per gli specializzandi in Puglia: sì a legge per «trattenere» i giovani medici

Svolta per gli specializzandi in Puglia: sì a legge per «trattenere» i giovani medici

 
Il bollettino nazionale
Covid in Italia, 6.946 nuovi casi e 251 morti nelle ultime 24 ore

Covid in Italia, 6.946 nuovi casi e 251 morti nelle ultime 24 ore

 
l'abbinamento
La Guida al Modello 730 giovedì in edicola con la Gazzetta

La Guida al Modello 730 giovedì in edicola con la Gazzetta

 
L'impatto
Scontro tra furgone e auto sulla A16 Napoli-Canosa: un morto e 2 feriti

Scontro tra furgone e auto sulla A16 Napoli-Canosa: un morto e 2 feriti

 
L'iniziativa
Università di Bari, in arrivo la seconda edizione dell’European Crowdfunding Festival

Università di Bari, in arrivo la seconda edizione dell’European Crowdfunding Festival

 
editoria
«E finalmente la Gazzetta riprende il suo cammino»

«E finalmente la Gazzetta riprende il suo cammino»

 

Il Biancorosso

La novità
Bari, il difensore Alessandro Minelli fermo per tre mesi

Bari, il difensore Alessandro Minelli fermo per tre mesi

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatBuone notizie
Trani, dopo il tam tam sui social ritrovato il furgone rubato a Nazionale calcio in carrozzina

Trani, dopo il tam tam sui social ritrovato il furgone rubato a Nazionale calcio in carrozzina

 
BariSpettacoli
Bari, al Teatro Petruzzelli torna il pubblico: via a concerti e visite guidate

Bari, al Teatro Petruzzelli torna il pubblico: via a concerti e visite guidate

 
Covid news h 24La decisione
Basilicata gialla ma 4 comuni in zona rossa: l'ordinanza di Bardi

Basilicata gialla ma 5 comuni in zona rossa: l'ordinanza di Bardi

 
MateraIl caso
Motociclista morto nel 2019, prosciolto l'ex sindaco di Matera

Motociclista morto nel 2019, prosciolto l'ex sindaco di Matera

 
GdM.TVL'operazione di recupero
Taranto, 64enne cade in un dirupo: salvato da un elicottero dell’Aeronautica

Taranto, 64enne cade in un dirupo: salvato da un elicottero dell’Aeronautica

 
NewsweekL'idea
Salento, anche la Sirenetta si è innamorata della pizzica

Salento, anche la Sirenetta si è innamorata della pizzica

 
Italia TVIl video
Smantellato cartello della droga: 13 arresti tra Roma e Brindisi

Smantellato cartello della droga: 13 arresti tra Roma e Brindisi

 

i più letti

Politica

Michele Emiliano e Antonio Decaro, sfida tra i «big» della sinistra

Una corrente di Decaro nella civica di Emiliano «Con»?

Michele Emiliano e Antonio Decaro, sfida tra i «big» della sinistra

Le «vite parallele» dei progressisti pugliesi come un classico di Plutarco. La sinistra regionale, vittoriosa dal 2004, ha sempre vissuto di dicotomie: l’ultima è quella tra i due leader Michele Emiliano e Antonio Decaro, il primo governatore con una coalizione che supera i confini del tradizionale centrosinistra e il secondo, sindaco di Bari e presidente Anci, con un amplissimo consenso trasversale e giovanile che ribalta gli stereotipi antipopolari sul Pd, «partito della Ztl».
Dalla Regione smentiscono attriti, ma i dualismi a sinistra sono ricorrenti dal 2004: prima Nichi Vendola contro Francesco Boccia, poi il conflitto a bassa intensità tra lo stesso Vendola e Michele Emiliano, con le spigolature (inevitabili) superate dai successi senza pause ottenuti dalle alleanze irregolari costruite in questi lustri. Dal dualismo alla contrapposizione il passo potrebbe essere breve, ma non è il caso di Emiliano e Decaro. I due, infatti, vivono simbioticamente dal 2004: il primo cooptò il secondo come assessore alla Mobilità urbana e al traffico nella prima giunta barese, e poi ne ha accompagnato la crescita come consigliere regionale, deputato e sindaco. Hanno un rapporto franco, qualche dissenso (più acuto ai tempi del renzismo in auge), ma tutto si ricompone grazie a una sintonia rara in politica, coniugata a una amicizia autentica, vissuta con la giusta distanza.

Nelle ultime regionali, però, i due amici si sono contati sulle candidature nel Pd: Decaro, che ha sostenuto su tutto il territorio con la rete dei municipi Emiliano, ha candidato il suo vicecapo di gabinetto, Francesco Paolicelli, risultato il più votato in Puglia - 25mila preferenze -, mentre il governatore ha investito sul giovane dirigente Domenico De Santis, suo consigliere (arrivato quarto, entrerà in Consiglio a luglio, dopo aver vinto il ricorso amministrativo). Alla fine, ancora una volta, la contesa non ha registrato sconfitti.
Le vite parallele di Michele e Antonio potrebbero però registrare una divaricazione negli scenari futuri: Emiliano ha dichiarato di puntare al terzo mandato come presidente della Regione, chiudendo così la strada a un possibile obiettivo del sindaco di Bari. Ma Decaro ha altre possibilità: negli ultimi anni, ha consolidato una autorevolezza nazionale con la presidenza Anci, è riuscito ad avere un proficuo filo diretto con Palazzo Chigi nel Conte uno, nel Conte due e anche con Mario Draghi. A livello romano dem è espressione della «sinistra municipale», un’area non formalizzata composta da una miriade di primi cittadini progressisti che in giro per l’Italia lo riconoscono come front-man di una estrazione amministrativa, dal referendum del 1993 diventata la prima linea della politica, mai intaccata dalle sirene dell’anticasta. Il suo prossimo bivio (post Comune di Bari) sarà - al momento - tra Roma (il ritorno in parlamento) o l’approdo a Bruxelles come eurodeputato.

Nel magma del centrosinistra pugliese, tramontata la stella del nuovo partito di Giuseppe Conte (ripiegato nel progetto ostico della rifondazione 5S), in tanti sono alla ricerca di «riferimenti». E così fa notizia la visita dei consiglieri regionali di «Con» Antonio Tutolo (ex sindaco di Lucera) e Alessandro Leoci a Palazzo di Città da Decaro. Le indiscrezioni su una possibile fronda o corrente decariana in formazione alla Regione sono definite «prive di fondamento» dall'entourage del sindaco, ma è innegabile come in una fase convulsa della politica nazionale e locale, il presidente Anci sia considerato una risorsa ancora non pienamente utilizzata, qualcuno lo definisce addirittura «uno degli assi della manica» della sinistra, insieme agli amministratori nordisti Giorgio Gori e Stefano Bonaccini. E di questo ne è sicuro anche il segretario Enrico Letta, con cui i contatti sono frequenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie