Lunedì 25 Gennaio 2021 | 15:51

NEWS DALLA SEZIONE

Il dramma
Coronavirus, a Foggia padre e figlio avvocati muoiono a una settimana di distanza

Coronavirus, a Foggia padre e figlio avvocati muoiono a una settimana di distanza

 
Il caso
Taranto, coppia ruba in un market e investe un dipendente: fermati

Taranto, coppia ruba in un market e investe un dipendente: fermati

 
L'intervista
Flavia Pennetta cuore di Puglia, ogni ritorno un brivido

Flavia Pennetta cuore di Puglia, ogni ritorno un brivido

 
il bollettino
Coronavirus, in Basilicata nel weekend 124 nuovi casi su 1110 tamponi. 7 decessi

Coronavirus, in Basilicata nel weekend 124 nuovi casi su 1110 tamponi. 7 decessi

 
nel Barese
Conversano, scempio in gravina: i bracconieri fanno strage di alberi

Conversano, scempio in gravina: i bracconieri fanno strage di alberi

 
Grandi manovre
I contiani di Puglia? Pronti alle urne

I contiani di Puglia? Pronti alle urne

 
L'intervista
Don Fortunato Di Noto: «Tik Tok è un social molto invasivo L’errore sul web è cedere privacy e identità»

Don Fortunato Di Noto: «Tik Tok è un social molto invasivo L’errore sul web è cedere privacy e identità»

 
Il caso
Foggia, ore d'ansia per un 29enne scomparso: l'appello sui social

Foggia, ore d'ansia per un 29enne scomparso: l'appello sui social

 
nel Tarantino
Massafra, in 4 aggrediscono e rapinano un 21enne: arrestati braccianti

Massafra, in 4 aggrediscono e rapinano un 21enne: arrestati braccianti

 
alla guida dell'arcidiocesi
Bari, è il giorno di Monsignor Satriano: alle 17 la prima messa in Cattedrale

Bari, è il giorno di Monsignor Satriano: alle 17 la prima messa in Cattedrale

 

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiacontrolli antidroga
Foggia, tenta di disfarsi dello stupefacente alla vista dei carabinieri: arrestato pusher 18enne

Foggia, tenta di disfarsi dello stupefacente alla vista dei carabinieri: arrestato pusher 18enne

 
TarantoIl caso
Taranto, coppia ruba in un market e investe un dipendente: fermati

Taranto, coppia ruba in un market e investe un dipendente: fermati

 
Barinel Barese
Conversano, scempio in gravina: i bracconieri fanno strage di alberi

Conversano, scempio in gravina: i bracconieri fanno strage di alberi

 
LecceL'iniziativa
«Io Posso»: il progetto solidale salentino compie 6 anni e festeggia con una tombolata social

«Io Posso»: il progetto solidale salentino compie 6 anni e festeggia con una tombolata social

 
PotenzaNel lagonegrese
In 9 col reddito di cittadinanza senza averne diritto: denunce nel Potentino, giocavano anche d'azzardo

In 9 col reddito di cittadinanza senza averne diritto: denunce nel Potentino, giocavano anche d'azzardo

 
Materanel Materano
Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

 
Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 

i più letti

L'inchiesta

Truffe alla Regione: dopo gli avvocati, nel mirino della Procura i giudici di pace

I procedimenti-fotocopia e la truffa da 23 milioni

toga

BARI - Dopo gli avvocati del libero foro accusati di aver truffato la Regione per 23 milioni di euro, adesso potrebbe toccare ai giudici di pace. E a chiunque altro abbia agevolato il gruppo che, per dieci anni, avrebbe drenato denaro dalle casse pubbliche attraverso migliaia di procedimenti-fotocopia passati sempre indisturbati.

L’inchiesta della Procura di Bari che mercoledì ha portato ai domiciliari sei persone (tra cui gli avvocati Michele Primavera, Oronzo Panebianco e Assunta Iorio, la cancelliera Giuliana Tarantini ed Enrico Primavera, figlio di Michele) sta infatti andando avanti: la Regione, che ha fatto aprire l’inchiesta a maggio 2018, ha presentato numerose altre denunce.

La Finanza, su ordine del pm Francesco Bretone e del procuratore facente funzioni Roberto Rossi, sta infatti esaminando un’altra serie di «coincidenze». Tra cui ci sarebbero i provvedimenti emessi da alcuni giudici di pace di circoscrizioni giudiziarie diverse da quella di Bari: decreti ingiuntivi concessi senza indicazione del titolo cui si riferiscono, oppure senza i dati anagrafici del debitore. Ingiunzioni che, in alcuni casi, gli stessi giudici di pace hanno revocato a molti mesi di distanza senza che nessuno lo chiedesse.

Dei sospetti della Procura di Bari si trova traccia nell’ordinanza firmata mercoledì dal gip Giovanni Abbattista, che ha rigettato la richiesta di sequestro preventivo – definito «impeditivo» - «di tutti i fascicoli relativi alle cause pendenti, presso tutti i Tribunali d’Italia, tra gli indagati e la Regione Puglia». È una mossa che la Procura ha fatto per provare a bloccare il «giochino» (definito così dal gip Abbattista) con cui gli avvocati, partendo dalle indennità agricole mai corrisposte negli anni ’90, riuscivano a ottenere piccole somme (2-300 euro alla volta, migliaia di volte) a titolo di mora e spese legali. Un «giochino» andato avanti anche dopo le perquisizioni ordinate nel 2018. Il gip ha detto no al sequestro dei fascicoli perché «avallerebbe una sorta di delega in bianco al sequestro di qualunque fascicolo esistente sul territorio nazionale», ma ha dato atto che la Procura può, in ogni momento, eseguire un sequestro probatorio.

Per i 23 milioni ottenuti nel corso degli anni dalla Regione, a carico di Primavera, Panebianco, Iorio, dell’avvocato Francesca Fiore (interdetta per sei mesi), di Renzo Pedico (pure lui ai domiciliari), della Tarantini, di altre due cancelliere del Tribunale di Bari e altre nove persone il gip ha riconosciuto l’esistenza dei gravi indizi del reato di truffa aggravata

Ieri intanto Michele e Enrico Primavera e Oronzo Panebianco (i primi due difesi dagli avvocati Nicola Quaranta e Francesco Ruggero, il terzo dal solo Quaranta) sono comparsi davanti al gip per l’interrogatorio di garanzia: hanno tutti scelto di non rispondere in considerazione del poco tempo a disposizione per esaminare le accuse. Oggi saranno sentiti gli altri tre arrestati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie