Martedì 28 Gennaio 2020 | 23:46

NEWS DALLA SEZIONE

L'incidente a Japigia
Bari, investe con l'auto un motociclista in via Caldarola e fugge: beccato dalla polizia

Bari, investe con l'auto un motociclista in via Caldarola e fugge: beccato dalla polizia

 
La terra trema
Terremoto in Albania, scossa di magnitudo 5.0 a Durazzo: avvertita anche in Puglia

Terremoto in Albania, scossa di magnitudo 5.0 a Durazzo: avvertita anche in Puglia

 
Serie A
Lecce calcio, Riccardi prolunga fino a giugno 2022

Lecce calcio, Riccardi prolunga fino a giugno 2022

 
La decisione
Puglia, approvata in Consiglio regionale nuova legge per tutela animali

Puglia, approvata in Consiglio regionale nuova legge per tutela animali. Veterinario gratis per chi adotta

 
Serie C
Bari calcio, Costa: «Da ora per noi ogni gara è una finale»

Bari calcio, Costa: «Da ora per noi ogni gara è una finale»

 
Il caso
Taranto, frantumavano la costa per prendere i datteri di mare: 49 indagati

Taranto, frantumavano la costa per prendere i datteri di mare: 49 indagati

 
Il caso
Bari, inchiesta palazzina della 'morte' a Japigia, indagato l'ex sindaco Francesco De Lucia

Bari, inchiesta palazzina della 'morte' a Japigia: indagato l'ex sindaco De Lucia.
La replica: «Colpe altrove»

 
Processo Pandora
Mafia a Bari, 90 condanne ai clan Diomede, Mercante e Capriati. La sentenza

Mafia ultimi 15 anni a Bari, 90 condanne ai clan Diomede, Mercante e Capriati.
Risarcito il Comune. La sentenza

 
La vertenza
Arif, stop sciopero, ma è guerra tra sindacati. Csa: stabilizzare tutti i lavoratori non pochi «privilegiati»

Arif, stop sciopero, ma è guerra tra sindacati. Csa: stabilizzare tutti i lavoratori non pochi «privilegiati»

 
Il caso
Manduria, anziano pestato a morte: messa alla prova per altri 11 minori

Manduria, anziano pestato a morte: messa alla prova per altri 11 minori

 
Il processo
Mafia, chiesti 16 anni a pregiudicato per 2 tentati omicidi nel Nord Barese

Mafia, chiesti 16 anni a pregiudicato per 2 tentati omicidi nel Nord Barese

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Costa: «Da ora per noi ogni gara è una finale»

Bari calcio, Costa: «Da ora per noi ogni gara è una finale»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'incidente a Japigia
Bari, investe con l'auto un motociclista in via Caldarola e fugge: beccato dalla polizia

Bari, investe con l'auto un motociclista in via Caldarola e fugge: beccato dalla polizia

 
FoggiaIl caso
Attentati a Foggia, sequestrate 6 bombe carta e munizioni: arrestata intera famiglia

Attentati a Foggia, sequestrate 6 bombe carta e munizioni: arrestata intera famiglia

 
BatIl processo
Mafia, chiesti 16 anni a pregiudicato per 2 tentati omicidi nel Nord Barese

Mafia, chiesti 16 anni a pregiudicato per 2 tentati omicidi nel Nord Barese

 
PotenzaIl caso
Potenza, adescano un 70enne e gli rubano i soldi: denunciate 2 donne

Potenza, adescano un 70enne e gli rubano i soldi: denunciate 2 donne

 
HomeIl fenomeno
Morbillo, allarme in Salento 40 casi in un mese: anche 4 bimbi, due figli di «no vax»

Morbillo, in Salento due casi al giorno, coinvolti adulti e bimbi: anche figli di «no vax»

 
BrindisiOperazione dei Cc
Droga, tre arresti nel Brindisino: preso 18enne vicino a scuola a Ostuni

Droga, tre arresti nel Brindisino: preso 18enne vicino scuola a Ostuni

 
MateraIl caso
Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

 

i più letti

La nota

Saicaf, Confindustria Bari: no chiusura ma rinnovamento, da sindacati notizie allarmistiche

Per Confindustria l'allarme dei sindacati rischia di compromettere i rapporti con i consumatori, con i fornitori, con le banche, causando danni all'azienda

Bari, addio alla Saicaf: chiude la storica torrefazione

«Saicaf, la storica industria barese del caffè, come ogni impresa che vuole restare al passo coi tempi, è impegnata in una operazione di riorganizzazione che mira a conseguire maggiore efficienza e competitività, cominciando dall’acquisizione di una sede più adatta alla produzione». Lo precisa Confindustria Bari BAT spiegando che per Saicaf «non siamo affatto di fronte a un caso di chiusura ma di rinnovamento aziendale».
L’Associazione degli Industriali interviene dopo la denuncia dei sindacati Flai e Uila che due giorni fa hanno riferito sulla decisione dell’azienda di chiudere il reparto produzione mettendo a rischio il posto di lavoro di 40 operai di quel reparto. Notizia smentita a stretto giro da Saicaf che ha parlato invece di trasferimento e riorganizzazione dell’attività produttiva.

Sulla vertenza Saicaf, Confindustria Bari-Bat esprime «preoccupazione per gli effetti dannosi che si possono generare a seguito degli interventi allarmistici pubblicati nei giorni scorsi sulla stampa su iniziativa di alcuni sindacati, che rischiano di compromettere i rapporti con i consumatori, con i fornitori, con le banche, generando ricadute negative sull'attività aziendale e sui lavoratori». Confindustria interviene così dopo la denuncia dei sindacati Flai e Uila che due giorni fa hanno riferito sulla decisione dell’azienda di chiudere il reparto produzione mettendo a rischio il posto di lavoro di 40 operai di quel reparto. Notizia smentita a stretto giro da Saicaf che ha parlato invece di trasferimento e riorganizzazione dell’attività produttiva.
«Non è il caso di creare allarmismi, perché non siamo affatto di fronte a un caso di chiusura ma di rinnovamento aziendale. Questo oggi è un percorso obbligato per le imprese che competono in un mercato globale in rapida evoluzione: rinnovarsi sempre, senza sosta - dichiara il presidente di Confindustria Bari BAT Sergio Fontana -. Saggiamente, questo è ciò che sta facendo Saicaf, che sta agendo correttamente, confrontandosi con i sindacati nell’auspicio di giungere ad un progetto condiviso». «Quando si parla del futuro di un’azienda e dei suoi lavoratori occorre usare la massima prudenza - conclude Fontana - e valutare ogni possibile ripercussione».

LA RISPOSTA DEI SINDACATI - E’ polemica tra sindacati da una parte e azienda e Confindustria Bari-Bat dall’altra sulla presunta chiusura dello storico stabilimento Saicaf di Bari. Flai Cgil e Uila Uil ribadiscono in una nota che l’azienda, nell’incontro sindacale del 6 agosto, ha dichiarato «la cessazione della produzione del caffè nello stabilimento barese con relativa cessione del terreno ove ora insiste l’opificio di proprietà Saicaf ed il conseguente spostamento dei soli uffici in via Oberdan che avrebbe riguardato il personale impiegatizio. Nessuna garanzia era stata data per gli addetti del reparto produzione e magazzino che dà occupazione a circa 15 persone». Flai e Uila replicano così a Confindustria Bari-Bat che oggi ha accusato i sindacati di aver diffuso notizie allarmistiche sulla chiusura dello stabilimento. Secondo Confindustria, invece, non si tratta di «un caso di chiusura ma di rinnovamento aziendale" con «l'acquisizione di una sede più adatta alla produzione».
I sindacati, nonostante le smentite di azienda e Confindustria, si dicono «allarmati dalla situazione venutasi a creare: non siamo ancora riusciti a comprende né dall’azienda né dai comunicati diffusi a mezzo stampa, se i 15 lavoratori avranno un futuro in Saicaf ed in cosa si estrinsechi la riorganizzazione aziendale e quali siano i tempi di un possibile varo di un nuovo o rilevato insediamento produttivo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie