Mercoledì 22 Maggio 2019 | 15:11

NEWS DALLA SEZIONE

Il giallo
Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

 
È in prognosi riservata
Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

 
nel foggiano
mattinata

Mattinata, amministrazione giudiziaria per ditta allevamento, sospetta agevolazione mafiosa

 
Giustizia svenduta
Magistrati arrestati, Savasta sapeva dell'arresto: «Decisi di non scappare»

Trani, Savasta sapeva dell'arresto: «Decisi di non scappare»

 
Regione
Sanità in Puglia, buco da 140mln per le protesi nelle Asl

Sanità in Puglia, buco da 140mln per le protesi nelle Asl

 
Nel foggiano
Volturara Appula, a 49 anni si taglia con motosega: trovato morto

Volturara Appula, a 49 anni si taglia con motosega: trovato morto

 
La storia
Bari, anziano a digiuno per giorni, picchiato e isolato in casa: arrestata badante

Bari, anziano a digiuno per giorni, picchiato e isolato in casa: arrestata badante

 
L'intervista
Salvini a la Gazzetta: «Voglio un leghista candidato alla Regione»

Salvini alla Gazzetta: «Un leghista candidato alla presidenza della Regione»

 
L'incidente
Montescaglioso, contro tra auto e moto: un morto

Montescaglioso, scontro tra auto e moto: muore un 30enne

 
La decisione
Bari, figlio di 2 donne: giudice dà l'ok alla trascrizione dell'atto di nascita

Bari, figlio di 2 donne, i giudici: «Ok a trascrizione atto di nascita»

 
La visita del vicepremier
Salvini contestato da Lecce a Bari: «Dacci indietro i 49 mln» «Noi lavoriamo voi fischiate»

Salvini in Puglia: contestazioni e applausi. Oggi in piazza a Putignano 
Lecce:«Fascista» VD Bari, Zorro in corteo

 

Il Biancorosso

IL PAGELLONE
Di Cesare e Floriano campionato topPiovanello l'under più in palla

Di Cesare e Floriano campionato top
Piovanello l'under più in palla

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl giallo
Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

Santeramo, ritrovata la statua di Sant’Erasmo: abbandonata in un casolare

 
MateraL'idea
Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

Matera 2019: mille studenti in marcia per la «Cultura»

 
LecceÈ in prognosi riservata
Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

 
TarantoIl caso
Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

Taranto, furti nei supermercati del centro: 5 denunce

 
Foggianel foggiano
mattinata

Mattinata, amministrazione giudiziaria per ditta allevamento, sospetta agevolazione mafiosa

 
BrindisiDopo la denuncia
Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

Erchie, picchia e minaccia la moglie per anni: arrestato

 
PotenzaL'operazione
GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

 
BatSanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 

i più letti

Lunedì 20 maggio

Xylella, ministro Centinaio sorvolerà in elicottero zona infetta in Salento
Parla Martelli: «Bisogna distruggere il vettore»

Insieme al presidente nazionale di Coldiretti Ettore Prandini

ulivi colpiti da xylella

Il ministro delle Politiche Agricole, Gian Marco Centinaio, e il presidente nazionale di Coldiretti, Ettore Prandini, sorvoleranno in elicottero lunedì prossimo l'area infetta da Xylella, per verificare dall’alto la strage di ulivi che ha cambiato il volto e il paesaggio del Salento. Lo annuncia Coldiretti.
Il sopralluogo aereo partirà dall’aeroporto di Brindisi alle ore 10:45 e terminerà a Lecce, dove la delegazione di Coldiretti accompagnerà Centinaio all’assemblea di agricoltori che si terrà in città alle 12:00 presso il Teatro Politeama Greco.
«Dopo i gravi ritardi accumulati negli anni - spiega Coldiretti Puglia -, l’iniziativa segna l’importante cambio di passo che si avvia con l’approvazione del Decreto emergenze, con interventi decisivi per tutelare l’ambiente, far ripartire l'attività produttiva e fermare il contagio, che si è esteso ad una velocità di due chilometri al mese».

L'INTERVISTA ALL'ESPERTO GIOVANNI MARTELLI (di Graziana Capurso) - Il professor Giovanni Martelli, emerito di Agraria all’Università di Bari, commenta con noi il parere dell’Efsa sulla Xylella.

Dunque, per il batterio killer non c’è cura?
«È un dato di fatto, non serviva il parere dell’Europa. Per il batterio della Xylella fastidiosa la cura non c’è e lo comprovano secoli di studi e infinite ricerche scientifiche».

Nonostante sia un problema conclamato però, c’è un certo scetticismo di fondo.
«Lo scetticismo va bene, ma bisogna dare delle risposte altrimenti questi signori farebbero bene una volta per tutte a tacere. Poi se hanno la soluzione in tasca, è tanto di guadagnato, ma non ci sono cure alternative, bisogna ascoltare chi ha esperienza sul tema».

Ci sono soluzioni per contrastare questa piaga?
«È un virus maledetto che si insedia nei vasi legnosi delle piante e diventa difficile da raggiungere, diffondendosi non tramite vie naturali, ma attraverso i vettori. Se non si fermano quelli la malattia continuerà ad avanzare. Tuttavia esistono dei trattamenti sperimentali da adottare, già spiegati nel Piano Silletti, che purtroppo è stato accantonato dalla Regione, che possono dare dei buoni risultati a lungo termine: basta intervenire in primavera sulle erbe infestanti per eliminare gli stadi giovanili, dopodichè occorrono interventi sulle piante d’ulivo con insetticidi nel periodo di maggio e giugno. Solo così si può arginare, non risolvere, l’avanzata del batterio».

E il ruolo dell’Europa?
«Più di insistere e di dirci di applicare le norme preventive, non può fare. Deve partire tutto dai bravi olivicoltori.

C’è speranza di salvare gli ulivi infetti?
«Se l’epidemia dovesse risalire, anche altre zone italiane piangeranno questo problema. Il Salento è ormai danneggiato, ma potrà riprendersi se si seguirà la via “genetica” con l’innesto di varietà di piante resistenti al batterio. Purtroppo siamo destinati a convivere con questa piaga, la Xylella quando arriva in un ambiente climatico favorevole può colpire una vasta gamma di ospiti. Sono 500 le specie di piante a rischio e siccome non si può distruggere tutta la flora mediterranea, l’unica soluzione è la prevenzione, l’applicazione di pratiche agricole virtuose e una lotta spietata al vettore. Se si blocca quello si blocca la malattia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400