Sabato 16 Febbraio 2019 | 21:17

NEWS DALLA SEZIONE

Il premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
La denuncia sui social
Teppisti a Triggiano, lanciano sasso con fionda e colpiscono una donna

Teppisti a Triggiano, lanciano sasso con fionda e colpiscono una donna

 
Serie B
Foggia, finisce 1-1 con il Padova: sfuma al 90esimo il match salvezza

Foggia-Padova, 1-1 al 90esimo: tifoso ferito

 
La manifestazione
Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

 
Controlli
Corato, chiuso il Jubilee di Corato: problemi con i Vigili del fuoco

Chiuso il Jubilee di Corato: problemi con i Vigili del fuoco

 
Incontri d'autore
Ex-Otago ospiti della «Gazzetta del Mezzogiorno»: segui la diretta

Ex-Otago ospiti della «Gazzetta»: rivedi la diretta

 
Il processo
Acque reflue a Torre Guaceto, assolti dirigenti Regione e Aqp

Acque reflue a Torre Guaceto, assolti dirigenti Regione e Aqp

 
L'annuncio
Tolo Tolo, il nuovo film di Checco Zalone nelle sale a Natale 2019

«Tolo Tolo», il nuovo film di Checco Zalone nelle sale a Natale 2019

 
Il caso
Autonomia, M5S Puglia: «Guai a creare cittadini di serie A e B»

Autonomia, M5S Puglia: «Guai a creare cittadini di serie A e B»

 
Controlli Nas e Asl
Lecce, farmaci e dispositivi medici scaduti in ospedale: due denunciati

Lecce, farmaci e dispositivi medici scaduti in ospedale: due denunciati

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Verso il voto

Regionali, Emiliano: «In Puglia nasce alleanza contro il salvinismo»

La dichiarazione durante la oresentazione associazione politico-culturale 'Senso Civico'

michele emiliano

BARI - «Quasi il 70% del popolo italiano non ha una rappresentanza e non ha un punto di riferimento. È evidente la necessità di costruire una grande alleanza contro il neoautoritarismo. 'Senso Civicò nasce per tenere insieme pezzi di popolo che hanno bisogno di riferimenti». Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, intervenendo alla presentazione della nuova associazione politico-culturale "Senso Civico» costituita dai consigliere regionali Leo Di Gioia e Sabino Zinni (Emiliano sindaco di Puglia), Paolo Pellegrino, Alfonso Pisicchio e Giuseppe Turco (La Puglia con Emiliano) e Pino Romano (Gruppo Misto).
«Questa grande alleanza contro il neoautoritarismo - ha detto Emiliano - non viene gestita dai partiti tradizionali per motivi storici, personali, e anche di debolezza strutturale. Una ipotesi del genere mira a far ricredere l’elettorato del M5S che sta svendendo quasi tutte le sue principali battaglie in una alleanza sfibrante e devastante anche dal punto di vista elettorale». Emiliano ha spiegato che «si stanno delineando le componenti del centrosinistra che si stanno schierando in questo ultimo anno di amministrazione», da «Italia in Comune, con la quale abbiamo trovato una buona intesa sulla battaglia per il riequilibrio delle risorse tra Nord e Sud», ai «Verdi pugliesi, dai quali abbiamo ricevuto sostegno alle politiche ambientali» e oggi "Senso Civico, che è una associazione culturale che mira a presentarsi anche come un riferimento nei Comuni, radicandosi sul territorio».
«Devo guidare una coalizione molto più ampia e complessa, - ha concluso Emiliano - la devo guidare nel Governo della Regione e nella pacificazione dei vari rivoli e rivoletti di tutto quello che non è il salvinismo, un guazzabuglio in salsa nordista che a livello locale ha bisogno di buon senso, di gente attrezzata, esperta, come quella seduta a questo tavolo».

Per Emiliano le «questioni di merito» saranno al centro dell’attività di questa nuova associazione, dalla «giustizia sociale» alla «questione ambientale», dai temi della sanità e dell’immigrazione, «che è una risorsa e non una debolezza», a quelli per il rilancio del «Mezzogiorno».
«Questa è la regione del reddito di cittadinanza che funziona per 30 mila persone - ha detto Emiliano - noi lo chiamiamo reddito di dignità ma abbiamo capito che il reddito di cittadinanza è uguale, è una politica attiva del lavoro e non poteva essere diversamente. L’unica cosa sulla quale non siamo d’accordo è che il processo della gestione del reddito di cittadinanza passi per i centri per il lavoro. Questa cosa non funzionerà mai, i centri per il lavoro non funzionano. Il nostro Red passa dai Comune e dall’INPS e ha funzionato benissimo».
«Nel dna di Senso Civico - ha aggiunto - c'è la centralità della questione ambientale. Siccome abbiamo parlato per anni di decarbonizzazione, adesso ne parlano Enel, Eni, Mittal, l’unico che ha smesso di parlarne o non ha mai voluto parlarne è Di Maio. Senso Civico nasce per spingere processi di innovazione tecnologica che in qualche maniera accelerino la transizione verso forme di energia che non determinano il riscaldamento terrestre e polluzione».

EMILIANO SULL'AUTONOMIA: GRANDE OCCASIONE MA PER ORA DICO STOP -  «Io rimango delle mie idee sulla autonomia, poteva essere una grande occasione» ma «siccome non è nel programma di Governo della Regione Puglia, e per noi il programma è sacro, questa cosa è stoppata». Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, a margine della presentazione dell’associazione politico-culturale 'Senso Civico'.
«Se tutte le Regioni italiane avessero proposto la stessa cosa sulla autonomia differenziata - ha aggiunto Emiliano - noi avremmo potuto ridiscutere quella che è una ingiustizia profondissima e che noi dobbiamo risolvere, cioè il fatto che il Nord nei finanziamenti ordinari, esclusi cioè i piani straordinari, vede allocate molte più risorse che il Sud».
«Su questa cosa - ha ribadito Emiliano - si rischia di fare solo polemica, e siccome non è nel programma di Governo della Regione Puglia, e per noi il programma è sacro, questa cosa è stoppata». «Nel senso che - ha concluso - salvo che le forze politiche presenti in Consiglio regionale non abbiano voglia di chiedere al presidente di interessarsi di questa cosa e promuoverla, io non farò più nulla».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400