Giovedì 21 Febbraio 2019 | 08:18

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

 
La decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
Durante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
Serie B
Lecce calcio, formalizzato l'acquisto di Zan Majer

Lecce calcio, formalizzato l'acquisto di Zan Majer

 
Dopo gli arresti
Trani, nuova accusa per Savasta: «Inventò indagine per colpire imprenditore»

Trani, nuova accusa per Savasta: «Inventò indagine per colpire imprenditore»

 
Regione
Sanità, Puglia fuori dal commissariamento, slittata a marzo decisione del ministero

Sanità, Puglia fuori dal commissariamento, slittata a marzo decisione del ministero

 
Guerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
A taranto
Romeno aggredisce coppia appartata in casolare vicino stazione: arrestato

Romeno aggredisce coppia appartata in casolare vicino stazione: arrestato

 
A taranto
Frode fiscale: sequestrati beni per 1,5 milioni di euro a impresa settore telefonia

Frode fiscale: sequestrati beni per 1,5 milioni di euro a impresa settore telefonia

 
Nel Tarantino
Palagiano: abusa di una minorenne e la perseguita, in manette un 65enne

Palagiano: abusa di minorenne e la perseguita, in manette 65enne

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

 
HomeLa decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
HomeDurante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
BatIl caso
Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

 
TarantoDecide il giudice del lavoro
Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

 
BrindisiIl caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
FoggiaGuerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
MateraUn 21enne materano
Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

 

L'inchiesta

«Cloro sporco» in Puglia, interdetti due funzionari di Aqp

Dopo gli arresti dell'imprenditore d'Agostino titolare dell'omonima industria chimica e del responsabile del laboratorio della società

Aqp e la truffa del cloro «Siamo parte offesa»

BARI - Due funzionari di Acquedotto Pugliese (Aqp), Nicola Troccoli e Marco Scannicchio, sono stati interdetti dal servizio per sei mesi nell’ambito dell’indagine della Procura di Bari che lo scorso 8 gennaio ha portato agli arresti domiciliari Donato D’Agostino, amministratore unico e rappresentante legale della 'Chimica D’Agostinò, e Francesco Loliva, responsabile del laboratorio interno della società. I due sono accusati, a vario titolo, in concorso con i funzionari, di turbata libertà degli incanti aggravata continuata, frode nelle pubbliche forniture continuata e truffa aggravata continuata in danno di Aqp.

L’inchiesta riguarda nove presunte gare truccate risalenti agli anni 2012-2016 per la fornitura di ipoclorito di sodio destinato alla potabilizzazione dell’acqua. Contestualmente all’esecuzione delle misure cautelari degli arresti domiciliari, i pm Luciana Silvestris e Claudio Pinto avevano chiesto l'interdizione di tre funzionari e un dirigente. All’esito degli interrogatori che si sono conclusi ieri, il gip del Tribunale di Bari Giovanni Abbattista ha accolto le richieste per Troccoli e Scannicchio, ha rigettato per Vincenzo Introna per carenza di esigenze cautelari essendo i fatti a lui contestati risalenti 2012 (tutti e tre di volta in volta presidente o componente delle commissioni di gara), e ha dichiarato il non luogo a provvedere per il dirigente Maurizio Cianci, perché la stessa Procura ha chiesto la revoca della richiesta di interdizione. L'indagine della Guardia di Finanza ha accertato irregolarità nelle procedure di gara con la falsificazione della documentazione e delle analisi di laboratorio e fornendo in alcuni casi un prodotto con una concentrazione di cloro al di sotto di quella prevista dalla norma. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400