Mercoledì 19 Dicembre 2018 | 09:35

NEWS DALLA SEZIONE

Il consiglio nazionale
Gazzetta, Fnsi a commissari: rispettare il mandato della Procura

Gazzetta, Fnsi a commissari: rispettare il mandato della Procura su lavoro e rilancio Vd

 
Il 28 dicembre
Gazzetta del Mezzogiorno, Emiliano convoca i commissari alla Regione

Gazzetta del Mezzogiorno, Emiliano convoca i commissari alla Regione il 28

 
La decisione
Mafia e scommesse online, ai domiciliari i presunti capi clan

Mafia e scommesse online, ai domiciliari i presunti capi clan

 
La decisione
Policlinico Bari, Migliore annuncia: «stop alcune autorizzazioni intramoenia»

Policlinico Bari, Migliore annuncia: «stop alcune autorizzazioni intramoenia»

 
SERIE D
Bari, il bomber di scorta Di Cesare col vizio del gol

Bari, il bomber di scorta Di Cesare col vizio del gol

 
L'evento
Raf e Umberto Tozzi si raccontano: segui la diretta

Raf e Umberto Tozzi, la strana coppia si racconta alla Gazzetta Rivedi la diretta

 
Il congresso
Bari, summit nazionale dei penalisti: «La riforma è un errore»

Bari, summit nazionale dei penalisti: «La riforma è un errore»

 
I dati
Turismo in Puglia, il settore cresce: +6,8% di strutture ricettive

Turismo in Puglia, il settore continua a crescere: +6,8% di strutture ricettive

 
La decisione del gip
Omicidio Noemi, disposte nuove indagini su madre e padre fidanzato killer

Omicidio Noemi, disposte nuove indagini su madre e padre fidanzato killer

 
Morti bianche
Lucera, operaio di Altamura muore schiacciato da pala meccanica

Lucera, operaio di Altamura muore schiacciato da una pala meccanica

 
Sanità
Policlinico Bari, tra 180 giorni arriva il nuovo pronto soccorso

Policlinico Bari, tra 180 giorni arriva il nuovo pronto soccorso

 

L'indagine

Qualità della vita, Bari scende al 103esimo posto, Potenza perde 20 posizioni

Fanalino di coda Vibo Valentia, in Calabria. Crollano Roma, Bari, Firenze e Venezia, che perdono circa 20 posizioni. Ma in generale nel 2018 si vive meglio che negli anni precedenti. Treviso la provincia più sicura.

«La mia infanzia tra le onde e i gabbiani della Muraglia»

BARI - È Bolzano la provincia dove si vive meglio in Italia, seguita da Trento e Belluno. Balzo indietro della capitale: Roma retrocede di 22 posizioni. Male anche Venezia. Stabili Napoli (in terzultima posizione) e Palermo (al 106 posto).  

Fanalino di coda Vibo Valentia. Insomma la provincia altoatesina, come era stato nel 2017, si conferma luogo del miglior vivere. Si evince dall'indagine sulla Qualità della vita nelle province italiane realizzata da Italia Oggi (in edicola domani) con l'Università La Sapienza di Roma, giunta alla 20esima edizione. 

La ricerca fotografa modelli virtuosi, criticità e cambiamenti in atto nelle province e nelle principali aree del Paese. Sono nove le griglie dell'analisi: affari e lavoro, ambiente, criminalità, disagio sociale e personale, popolazione, servizi finanziari e scolastici, sistema salute, tempo libero e tenore di vita, con 21 sotto dimensioni e 84 indicatori di base. 

Dalla quarta alla decima posizione si trovano tutte città che hanno recuperato rispetto all'anno scorso, salvo una, Treviso, che è passata dalla sesta alla nona posizione. Al quarto posto Siena, che ha recuperato sette posizioni (era undicesima), seguita da Pordenone, che passa dalla nona alla quinta, e da Parma, che ha guadagnato una posizione rispetto al 2017 (era settima).  In forte ascesa Aosta e Sondrio, rispettivamente al settimo e ottavo posto, partendo dal diciottesimo e dal sedicesimo della passata edizione. Decima Cuneo, che ha guadagnato tre posizioni.

Il 2018 è l'anno delle conferme, sia di alcune performance sia di alcune tendenze emerse nelle precedenti indagini: dallo sfumare del contrasto Nord-Sud in termini di buona qualità di vita legata al benessere economico, all'acuirsi del divario fra piccoli centri (in cui si vive meglio) e grandi centri urbani, in cui la vita è invece sempre un po' più difficoltosa. Fenomeno testimoniato, fra l'altro, dal brusco scivolone della capitale, scesa dal 67mo all'85mo posto della classifica. Elevato il calo anche a Bari (dal 96mo al 103mo posto) e a Firenze (dal 37mo al 54mo posto). 

Tendenzialmente, comunque, nei capoluoghi di regione la qualità della vita è aumentata, salvo che in sette città. Oltre che a Bari e a Firenze, a Catanzaro (dal 92mo al 95mo posto), all'Aquila (dal 68mo al 72mo), a Potenza, che ha perso 20 posizioni (ora è 64esima), arretramento simile a Venezia (al 62mo dal 41mo posto). Di Roma si è già detto, Torino ha perso una posizione, ed è 78esima. Stabile invece la qualità della vita a Napoli (108) e a Palermo (106), che si mantengono sui medesimi livelli del 2017. 

Come si vive in Italia? Nell'insieme, un po' meglio: nel 2018 sono infatti 59 su 110 le province in cui la qualità della vita è risultata buona o accettabile, rispetto alle 56 del 2016 e del 2017: si tratta del migliore dato registrato negli ultimi cinque anni. Stabile la situazione del Nord Ovest e del Mezzogiorno, in netto miglioramento quella del Nord Est e del Centro (Roma a parte). Le migliori performance sono delle piccole città: ottime le posizioni di Siena, Pordenone, Parma, Aosta, Sondrio, Treviso e Cuneo. Treviso, in particolare, risulta la provincia più sicura d'Italia. Trento, Bolzano e Bologna le realtà più positive per affari e lavoro. Parma, Siena, Trento e Piacenza quelle con la migliore offerta finanziaria e scolastica; Isernia, Pisa, Ancona, Siena e Milano quelle con il più efficiente «sistema salute».  

Maglia nera alla calabrese Vibo Valentia, in coda alla classifica in compagnia di Catania, Napoli, Siracusa e Palermo: cinque province ricche di bellezze architettoniche e naturali che tuttavia non riescono a fare il salto di qualità.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eleba

    19 Novembre 2018 - 11:11

    Omertà fra i media,le istituzioni locali ed i cittadini.Tutti felici per la corsa verso l'ultimo posto della classifica,tutti in ossequioso silenzio.Ha vinto la delinquenza,i rom,le buche ,la sporcizia,le piste inutili,i rondò canyons,tutto l'orrore che in 10 anni prima Emiliano e poi De Caro hanno inflitto ai cittadini facendo felici gli sporcaccioni ben più numerosi dei civili

    Rispondi