Mercoledì 24 Ottobre 2018 | 02:54

NEWS DALLA SEZIONE

Sanità
Cerignola, muore a 38 anni in ospedale: i familiari vogliono chiarezza

Cerignola, muore a 38 anni in ospedale: i familiari vogliono chiarezza

 
Tutela ambientale
Il ministro Costa «laurea» l'Ateneo di Foggia: è il primo «plastic free»

Il ministro Costa «laurea» l'Ateneo di Foggia: è il primo «plastic free»

 
Il caso
Lucera, tenta di estorcere 5500 euro a una suora della Caritas: arrestato

Lucera, tenta di estorcere 5500 euro a una suora della Caritas: arrestato

 
A Foggia
Blogger e influencer raccontano il cibo: ecco la social dinner

Blogger e influencer raccontano il cibo: ecco la social dinner

 
Indaga la Polizia
Foggia, grave un ragazzo 18 anni«Pestato da buttafuori discoteca»

Foggia, grave un ragazzo 18 anni: «Pestato da buttafuori discoteca»

 
A Cerignola
Rigenerazione urbana: street art nel rione Torricelli

Rigenerazione urbana: street art nel rione Torricelli

 
Blitz della Polizia
Foggia, catturata banda di rapinatori: colpi in negozi e gioiellerie, 5 arresti

Cerignola, catturata banda di rapinatori con la «mazzuola» Vd

 
Sanità
Foggia, stabilizzati 105 precariall'Asl dopo più di 10 anni

Foggia, stabilizzati 105 precari
all'Asl dopo più di 10 anni

 
A Foggia
Perseguitava l'ex compagna e i suoi genitori: non potrà più avvicinarsi

Perseguitava l'ex compagna e i suoi genitori: non potrà più avvicinarsi

 
Trasporti
Foggia, seconda stazione, per il sindaco: «Si farà»

Foggia, seconda stazione, per il sindaco: «Si farà»

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

San Giovanni Rotondo

Polacco morto, non è incidente ma omicidio: due fermi dei Cc

Il 34enne fu trovato morto mercoledì nella sua baracca con alcune lesioni. Dopo 30 ore di indagini il primo fermo (convalidato) e questa mattina il secondo.

«La bracciante morta a Ginosa era stata ingaggiata in nero»

SAN GIOVANNI ROTONDO  (Foggia) - Artur Dawid Prefeta, 34enne bracciante agricolo di nazionalità polacca, era stato trovato ormai cadavere nel cuore della notte di mercoledi scorso, ai piedi della branda dell'alloggio di fortuna che occupava all'interno dell'azienda agricola per cui lavorava a San Giovanni Rotondo. Le lesioni sul suo volto erano state da subito notate dai Carabinieri che erano intervenuti sul posto, anche se non erano apparse di gravità tale da aver provocato il decesso. Anche il medico legale, fatto anch'egli accorrere sul luogo, da un primo esame esterno aveva rappresentato alcune perplessità, evidenziando la necessità di esami più approfonditi. Come da prassi, quindi, anche di fronte al dubbio, la Procura della Repubblica di Foggia e i Carabinieri, evitando di dare alcunché per scontato, si sono subito attivati come se ci si fosse chiaramente trovati di fronte ad un delitto.

I numerosissimi interrogatori di persone (conoscenti o chiunque potesse avere informazioni) hanno quindi messo Magistrato e Carabinieri nelle condizioni di cogliere le contraddizioni e i celati timori che qualcuno aveva involontariamente lasciato intravedere, aprendo così la strada al convincimento che non si fosse trattato né di una morte naturale né di un incidente. I successivi approfondimenti medico-legali hanno poi rafforzato tale convincimento, pur nella dichiarata necessità di un esame autoptico, che sarà effettuato nei prossimi giorni.

Alle tre di giovedi notte, dopo ormai 24 ore di ininterrotto lavoro è arrivata la prima svolta. Il pm ha disposto un fermo, convalidato dal gip, cui ha fatto seguito - questa mattina - un altro provvedimento che ha portato in carcere una seconda persona

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400