Sabato 25 Giugno 2022 | 13:41

In Puglia e Basilicata

Il caso

Foggia, ritardi nello smaltimento: il ciclo dei rifiuti torna in affanno

Foggia, camion rifiuti Amiu

File di camion in attesa di smaltire i rifiuti

Camion in attesa per ore davanti l'impianto di Passo Breccioso, silenzio di Amiu

22 Giugno 2022

Redazione Foggia

FOGGIA - Ciclo dei rifiuti di nuovo in affanno in provincia di Foggia. Ieri mattina quindici camion sono rimasti in attesa «diverse ore» prima di poter conferire i rifiuti nell’impianto di Passo Breccioso. Per evitare che lo stop avesse ripercussioni sulla raccolta dell’immondizia a Foggia, gli addetti lasciavano passare un Tir proveniente dalla città più popolosa ogni quattro dalla provincia. «Alle ore 10,30 - informa un autista - ha scaricato un camion del nord Gargano dopo un'attesa di cinque ore, altri camion carichi di rifiuti sono rimasti in attesa dalle 7 fino al tardo pomeriggio».

Qualcosa non va nelle procedure di smaltimento, i lavoratori di Amiu lo dicono senza mezzi termini. «Nell’impianto Tmb di Foggia e Bari (nel senso che arrivano anche i rifiuti del capoluogo pugliese: ndr) c’è una situazione catastrofica - si legge in una nota della segreteria regionale dell’Ugl - oltre ad avere le celle di lavorazione piene persiste una gravosa condizione lavorativa igienico-sanitaria al limite prevista dalle norme della sicurezza del lavoro. Amiu cosa fa per risolvere il problema? L’Ugl lo chiede da tempo, vista anche la mancanza di personale e l’inizio del periodo di ferie. Quali soluzioni per sopperire alla mancanza di personale? Purtroppo - conclude il sindacato - sono saltate tutte le relazioni industriali con Amiu, nonostante l’invito del prefetto nell’ultimo incontro di gennaio alla ripresa dei contatti».

La situazione rifiuti a Foggia e nel resto della provincia resta caotica, i cassonetti sono sporchi e maleodoranti. Il caos riguarda anche il ritiro della differenziata: al Villaggio artigiani cartoni e imballaggi sono abbandonati per giorni a fianco ai cassonetti. 

«Eppure non ci sono problemi in apparenza - afferma Giorgio Cislaghi delegato per l’ambiente Acli della provincia di Foggia - ma la puzza si sente avvicinandosi all’impianto di biostabilizzazione di Foggia e all’impianto di Passo Breccioso, vuoi per la fila di camion in attesa ore sotto il sole, vuoi per i rifiuti che fuoriescono dai locali di lavorazione. Non ci sono problemi segnalati di disservizio dell’impianto TMB di passo Breccioso gestito da Amiu Puglia come non ci sono problemi dell’impianto TMB di Bari. L’impianto TMB di Progetto Ambiente che prepara i rifiuti per l’inceneritore di Borgo Tressanti - informa Cislaghi - assicura una capacità di trattamento pari a 500 tonnellate al giorno e dagli impianti di Foggia e Bari ne dovrebbero arrivare al massimo 350 tonnellate. Quindi non dovrebbero esserci problemi nella gestione dello smaltimento ma invece i problemi ci sono, purtroppo. Ager e Amiu Puglia sono tenute a fornire spiegazioni su quanto sta accadendo confidando che i corpi di tutela ambientale delle varie polizie, i NOE in primo luogo ma anche il nucleo di Polizia Ambientale della Polizia Locale, accertino se tutto procede nel rispetto delle autorizzazioni e nella tutela della salute pubblica».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -

BAT

 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725