Domenica 01 Agosto 2021 | 21:55

NEWS DALLA SEZIONE

nel foggiano
I carabinieri salvato il gatto dal fuoco

I carabinieri salvano il gatto dal fuoco

 
le indagini
Rapine a Foggia, due fratelli a domiciliari e terzo in cella

Rapine a Foggia, due fratelli a domiciliari e terzo in cella

 
Serie C
Calcio: giocatore positivo al Covid nel Foggia

Calcio: giocatore positivo al Covid nel Foggia: ritiro blindato

 
Indagini in corso
Foggia, migranti: nigeriano muore dopo una coltellata al braccio

Foggia, migranti: nigeriano muore dopo una coltellata al braccio

 
Istanza al ministero
Foggia, Ufficio del Giudice di Pace di Rodi Garganico: rappresentate le istanze del territorio

Foggia, Ufficio del Giudice di Pace di Rodi Garganico: rappresentate le istanze del territorio

 
L'Irccs di San Giovanni Rotondo
Firmato a Roma il nuovo Protocollo Regione Puglia - Casa Sollievo

Firmato a Roma il nuovo Protocollo Regione Puglia - Casa Sollievo

 
Sicurezza
Aggredito autista bus a Foggia, colpito con una bottiglia

Aggredito autista bus a Foggia, colpito con una bottiglia

 
La nomina
Gargano e Pollino: 8mila ettari delle foreste italiane diventano patrimonio umanità

Gargano e Pollino: 8mila ettari delle foreste italiane diventano patrimonio umanità

 
Il caso
Pendolare della droga arrestato sull'intercity Milano-Lecce

Pendolare della droga arrestato sull'intercity Milano-Lecce

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

 
PotenzaLa curiosità
È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

 
MateraEditoria
Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

 
TarantoEditoria
Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

 
BariIl caso
Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

 
Homeeditoria
Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

 
Foggianel foggiano
I carabinieri salvato il gatto dal fuoco

I carabinieri salvano il gatto dal fuoco

 
Batcontrolli sul litorale
Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

 

i più letti

La sentenza

Mafia foggiana e banconote false, tre condanne in appello

Blitz svelò affari tra i Casalesi e la mafia foggiana

Appello alla gente  «La corte d'appello  è un diritto di Foggia»

FOGGIA -  Tre condanne e quattro assoluzioni. E' la sentenza d’appello del processo celebrato a Bari chiamato 'filigranà dall’omonimo blitz della Guardia di Finanza che nel marzo 2012 portò all’arresto di 10 persone, ovvero un casertano e nove foggiani, compresi esponenti della criminalità organizzata della Capitanata. Due i filoni di indagini: il primo per la ricettazione e contraffazione di banconote da 20 euro con carta filigranata rubata nelle Cartiere Fabriano; il secondo riguardava un maxi furto di rame da un deposito delle Ferrovie dello Stato di Foggia. Nel corso delle indagini, coordinate dalla Dda di Bari, i militari accertarono rapporti d’affari fra gli esponenti del clan dei Casalesi e la mafia foggiana.

Secondo l’accusa i foggiani ebbero in appaltò l’attività di stampa delle banconote per conto dei Casalesi per poi rendersi autonomi nell’attività illecita. Il giudice ha condannato a 4 anni e 11 mesi Savino Ariostini 52 anni esponente della mafia foggiana ricercato da novembre scorso nell’ambito dell’operazione «Decima Bis», quella contro i clan foggiani.

È stato condannato per la ricettazione della carta filigranata e il furto di rame, assolto invece dal reato di contraffazione. Massimiliano Cassitti, 46 anni, anche lui considerato esponente della mafia foggiana, è stato condannato a tre anni di carcere per ricettazione e assolto per la contraffazione. Infine Pietro Stramacchio 45 anni condannato a tre anni e 5 mesi per ricettazione e furto di rame.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie