Venerdì 02 Ottobre 2020 | 00:49

NEWS DALLA SEZIONE

tra carapelle e orta nova
Frontale fra due auto nel Foggiano: 7 feriti, alcuni in gravi condizioni

Frontale fra due auto nel Foggiano: 8 feriti, alcuni in gravi condizioni

 
Il provvedimento
Coronavirus, a Foggia contagi record: mascherine all'aperto non solo nel weekend

Coronavirus, a Foggia contagi record: vietato bere e mangiare all'aperto

 
In viale Europa
Foggia, sparatoria in periferia: tiro al bersaglio contro auto

Foggia, sparatoria in periferia: tiro al bersaglio contro auto

 
Nel Foggiano
Paura a Peschici: 47enne sparito nel nulla da 5 giorni, ha lasciato il cellulare a casa

Peschici, 47enne sparito nel nulla da giorni, parla la madre preoccupata

 
nel foggiano
San Giovanni Rotondo, positivi 5 alunni: chiuse due scuole

San Giovanni Rotondo, positivi 5 alunni: chiuse due scuole

 
Il caso
Partecipano a festa di Prima Comunione: 20 contagi nel Foggiano

Partecipano a festa di Prima Comunione: 20 contagi nel Foggiano

 
Il fatto
Foggia, palpeggia sedere a una ragazza per strada e la schiaffeggia: arrestato

Foggia, palpeggia sedere a una ragazza per strada e la schiaffeggia: arrestato

 
all'istituto parisi-de sanctis
Foggia, trovata pistola rapinata a finanziere di turno al seggio elettorale

Foggia, trovata pistola rapinata a finanziere di turno al seggio elettorale

 
Il caso
Foggia, ricatti a prete con video hot: il sacerdote era stato indagato per violenza sessuale

Foggia, ricatti a prete con video hot: il sacerdote era stato indagato per violenza sessuale

 
Coronavirus
Asl Foggia, contagiato dal Covid operatore sanitario: tamponi urgenti

Asl Foggia, contagiato dal Covid operatore sanitario: tamponi urgenti

 
il fatto
Filmano prete in atteggiamenti hot: «Paga o mandiamo video alle Iene», 2 foggiani indagati per estorsione

Foggia, ricatti a prete per video mentre fa sesso, due indagati. Legale sacerdote: lui unica vittima

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, la Coppa Italia finisce a Ferrara: 11 metri amari ma si torna a testa alta

Bari, la Coppa Italia finisce a Ferrara: 11 metri amari ma si torna a testa alta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIL processo
Omicidio Valente a Bisceglie, 30 anni al killer assolto il boss Capriati ritenuto mandante

Omicidio Valente a Bisceglie, 30 anni al killer assolto il boss Capriati ritenuto mandante

 
PotenzaI dati
Covid, la Basilicata supera il Veneto: in alcuni comuni tamponi al 40% della popolazione

Covid, la Basilicata supera il Veneto: in alcuni comuni tamponi al 40% della popolazione

 
TarantoTaranto
Ex Ilva, i sindacati dopo incontro al Mise: restano i nodi irrisolti

Ex Ilva, i sindacati dopo incontro al Mise: restano i nodi irrisolti

 
LecceNel Salento
Galatina, nasce l'albo delle baby-sitter: sospiro di sollievo per i genitori

Galatina, nasce l'albo delle baby-sitter: sospiro di sollievo per i genitori

 
BatIl virus
Coronavirus, contatto con un positivo: chiuso Tribunale Trani per sanificazione

Coronavirus, contatto con un positivo: chiuso Tribunale Trani per sanificazione

 
Foggiatra carapelle e orta nova
Frontale fra due auto nel Foggiano: 7 feriti, alcuni in gravi condizioni

Frontale fra due auto nel Foggiano: 8 feriti, alcuni in gravi condizioni

 
Materadalla polizia
Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

Matera, 81enne minaccia con fucile moglie, figlia e nipote di 12 anni: arrestato

 
BrindisiLa vicenda
Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

Ostuni, calunniò la dottoressa che aveva salvato la vita al padre

 

i più letti

Agricoltura

Foggia, ci sono pochi braccianti: allarme lavoro nelle campagne

La Cia: «Il Covid tiene a casa bulgari e romeni, permessi di soggiorno da prorogare»

pomodoro

FOGGIA - Ci risiamo, non c’è sufficiente manodopera per le campagne, la seconda ondata del Covid tiene alla larga dai campi soprattutto bulgari e romeni. E le organizzazioni agricole chiedono che si corra ai ripari: «È necessario modificare al più presto l’attuale strumento del lavoro accessorio, bisogna consentire alle aziende agricole di reperire manodopera in tempi brevi», chiede la Cia Agricoltori italiani. Una semplificazione del lavoro occasionale invocata a maggior ragione ora che gli arrivi in Italia degli stagionali scarseggiano, dopo un primo intervento tampone da parte del governo risultato inutile (la sanatoria ha regolarizzato badanti per l’85%).

Pertanto, viste le difficoltà di ingresso di nuovi lavoratori extracomunitari, Cia chiede di prorogare al 31 dicembre 2020 tutti i permessi di soggiorno stagionali, assicurando ai tanti lavoratori extracomunitari presenti sul territorio italiano di continuare a svolgere l’attività nelle aziende agricole nel rispetto della legalità.
Occorre incentivare e promuovere il ricorso alla manodopera italiana nei campi, questo chiedono le organizzazioni agricole. Oggi il sistema produttivo nazionale è in seria difficoltà (8 milioni di cassaintegrati e 1,5 milioni di disoccupati) - riferisce la Cia.

L’organizzazione denuncia anche altro genere di difficoltà per quanto concerne i reclutamenti: con il fisco 4.0 e lo smart working degli uffici territoriali dell’Agenzia delle Entrate, oggi servono 15 giorni per dotare di codice fiscale i lavoratori stranieri da contrattualizzare per la vendemmia.

«Negli anni passati - viene rilevato - bastava un’ora per sbrigare la pratica. Le imprese agricole dopo aver presentato via e-mail la modulistica precompilata devono aspettare tempi troppo lunghi per il rilascio del codice, essenziale all’assunzione dei braccianti esteri per un regolare rapporto di lavoro. La lunga procedura - sottolinea l’associazione agricola - non ha riscontri con il passato e suscita molti dubbi sull’efficienza delle piattaforme digitali della Pubblica Amministrazione, che in tempi di crisi come questo dovrebbero, invece, velocizzare le pratiche burocratiche per agevolare il rilancio dell’economia del Paese. Rispetto all’era pre-Covid, la digitalizzazione della richiesta dovrebbe essere persino più snella per gli uffici territoriali dell’Agenzia delle Entrate, perché permette di bypassare ogni difficoltà di incomprensione linguistica con il lavoratore straniero, che prima era costretto a recarsi personalmente a eseguire la pratica».

Ma non è finita con il rosario delle recriminazione da parte degli agricoltori. «Un altro problema per le aziende - aggiunge la Cia - riguarda l’indicazione degli sportelli digitali di non effettuare richieste di codici fiscali cumulativi: massimo dieci per singola e-mail. Cia ricorda come questi ostacoli si aggiungano alla difficoltà di reclutamento di manodopera straniera dopo l’esplosione della pandemia. Ci auguriamo - conclude l’organizzazione agricola - che la Pubblica amministrazione in smart working riesca a meglio utilizzare le risorse offerte dalla tecnologia, per dare un servizio davvero efficiente alle imprese agricole e vitivinicole italiane».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie