Lunedì 30 Marzo 2020 | 06:37

NEWS DALLA SEZIONE

pene inasprite
Rivolta in carcere Foggia: nuove misure per 4 detenuti

Rivolta in carcere Foggia: nuove misure per 4 detenuti

 
cultura
Le Isole Tremiti in tv su «National Geographic»

Le Isole Tremiti in tv su «National Geographic»

 
Nel Foggiano
Fiamme in baracca migranti a Borgo Mezzanone nella notte

Incendio nella notte a Borgo Mezzanone, almeno 30 baracche distrutte

 
emergenza coronavirus
Cerignola, raffiche di controlli e 300 denunciati per violazione obblighi anti-contagio

Cerignola, raffiche di controlli e 300 denunce per violazione obblighi anti-contagio

 
l'allarme
Coronavirus, a Foggia muore operatore del 118: aveva 48 anni

Coronavirus, a Foggia muore operatore del 118: aveva 48 anni

 
le dichiarazioni
Confindustria Foggia lancia allarme: «Tutto fermo, imprese al collasso»

Confindustria Foggia lancia allarme: «Tutto fermo, imprese al collasso»

 
La decisione
Coronavirus, sindaco di Foggia dona sua indennità a bisognosi

Coronavirus, sindaco di Foggia dona sua indennità a bisognosi

 
Virus
Covid 19 a Foggia, positivi due operatori di una casa di riposo per anziani

Covid 19 a Foggia, positivi due operatori di una casa di riposo per anziani

 
nel foggiano
Peschici, attentato incendiario contro segretario cittadino Lega

Peschici, attentato incendiario contro segretario cittadino Lega

 
nel foggiano
Troia, 22 positivi al Coronavirus in residenza per anziani

Troia, 22 positivi al Coronavirus in residenza per anziani

 

Il Biancorosso

le dichiarazioni
Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Lecceal vito fazzi
Lecce, inno d'Italia e sirene spiegate: le forze dell'ordine davanti all'ospedale ringraziano i medici

Lecce, inno d'Italia e sirene spiegate: le forze dell'ordine davanti all'ospedale ringraziano i medici

 
BariIl virus
Covid 19, altri 4 casi in una Rsa di Noicattaro: circa 30 persone a rischio. Casi positivi anche a Rutigliano

Covid 19, altri 4 casi in una Rssa di Noicattaro: circa 30 persone a rischio. Casi positivi anche a Rutigliano

 
TarantoIl personaggio
Camillo Pace esorcizza il Covid 19:  con contrabbasso e jazz nell’anima di cantautore

Camillo Pace esorcizza il Covid 19: con contrabbasso e jazz nell’anima di cantautore

 
PotenzaIl virus
Tolve, paese blindato per Coronavirus: la spesa si fa in ordine alfabetico

Tolve, paese blindato per Coronavirus: la spesa si fa in ordine alfabetico

 
Foggiapene inasprite
Rivolta in carcere Foggia: nuove misure per 4 detenuti

Rivolta in carcere Foggia: nuove misure per 4 detenuti

 
Batnuoto
«Stop Olimpiadi, ma penso positivo», parla la biscegliese Elena Di Liddo

«Stop Olimpiadi, ma penso positivo», parla la biscegliese Elena Di Liddo

 
Brindisiemergenza coronavirus
Brindisi, sirene e applausi dei vigili del fuoco ai sanitari del «Perrino»

Brindisi, sirene e applausi dei vigili del fuoco ai sanitari del «Perrino»

 
Potenzaregione basilicata
Coronavirus, ordinanza di Bardi chiude i comuni di Tricarico, Irsina e Grassano

Coronavirus, ordinanza di Bardi chiude i comuni di Tricarico, Irsina e Grassano

 

i più letti

caccia all'uomo

Foggia, dopo l'evasione dal carcere, 3 ancora i ricercati

Il 9 marzo scorso fu il giorno della rivolta nel penitenziario dauno con diverse decine di detenuti in fuga. Dei latitanti, è Cristoforo Aghilar di Orta Nova il più pericoloso

Foggia, fuga da film dal carcere: 80 evadono, 34 ancora ricercati. Caccia all'uomo in Molise .

FOGGIA - Sono ancora 3 gli uomini in fuga dopo l’evasione di massa di lunedì 9 marzo di 72 degli oltre 600 detenuti de carcere di Foggia.

Il ricercato principale è Cristoforo Aghilar, classe ‘83 di Orta Nova, in cella dal 29 ottobre e in attesa di giudizio per l’omicidio aggravato di Filomena Bruno. Fu uccisa a coltellate in casa il 28 ottobre 2019 a Orta Nova: era la madre dell’ex compagna del latitante. All’epoca del delitto Aghilar era già ricercato dal 29 settembre 2019 per essere evaso dai domiciliari, cui si trovava dal maggio precedente, perché accusato di un tentato assalto ad un bancomat in provincia di Chieti. Peraltro 48 ore prima dell’omicidio, il pomeriggio del 26 ottobre, il presunto assassino avrebbe fatto irruzione in un bar di Orta Nova, minacciando con la pistola la Bruno per sapere dove fosse la figlia che lo aveva lasciato. Aghilar venne catturato a Carapelle il pomeriggio del 29 ottobre scorso, 24 ore dopo l’omicidio, e trasferito in carcere a Foggia. Ha confessato l’omicidio della Bruno, sostenendo però d’aver agito in un momento di rabbia e confusione dopo essersi recato nell’abitazione della vittima sua vicina di casa, soltanto - dice lui, la Procura non gli crede tanto da contestargli la premeditazione - per chiederle di metterlo in contatto con la figlia, dalla quale voleva sapere perché lo a avesse lasciato dopo la fuga insieme in Germania in occasione dell’evasione dai domiciliari di fine settembre.

L’altro ricercato è Francesco Scirpoli, classe ‘82 di Mattinata, più volte arrestato negli anni e ritenuto legato a un clan garganico anche se mai accusato in tal senso, in cella ci tornò il 25 gennaio 2019 su ordinanza del gip di MIlano che dispose l’arresto di 7 persone tra Gargano, basso Tavoliere e nord Barese per un assalto a due portavalori che trasportavano gioielli per 4 milioni di euro, avvenuto a Bollate nell’ottobre 2016. Processo in corso davanti al gup di Milano, prossima udienza a fine mese: Scirpoli si dice innocente.

Il terzo evaso ancora in fuga è Angelo Bonsanto, classe ‘89, nato a San Severo e residente a Lesina, che era detenuto a Foggia per scontare una vecchia condanna a 2 anni e 8 mesi per una rapina commessa da minorenne. Bonsanto fu arrestato dai carabinieri per armi e ricettazioni l’11 agosto 2017 dai carabinieri che fecero irruzione in un garage di Torremaggiore bloccando 4 foggiani, sequestrando tre pistole, un’auto e uno scooter rubati: i carabinieri dissero in conferenza stampa che i 4 arrestati stavano per entrare in azione per uccidere una persona (il che non è mai stato oggetto di contestazione). Il processo di primo grado per armi e ricettazione si è concluso il 12 ottobre del 2018 davanti al gup di Bari con 4 condanne: 4 anni inflitti a Bonsanto (processo d’appello in corso) che per questo procedimento è virtualmente libero dallo scorso autunno. Come è «virtualmente» libero per un’ulteriore accusa di possesso illegale di pistole per la quale gli fu notifcata in cella un’ordinanza cautelare il 26 novembre del 2017 con condanna a 4 anni; e per quella di spaccio di droga, per la quale fu arrestato il 27 luglio 2018 con condanna in primo grado a 5 anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie