Mercoledì 29 Gennaio 2020 | 05:59

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Attentati a Foggia, sequestrate 6 bombe carta e munizioni: arrestata intera famiglia

Attentati a Foggia, sequestrate 6 bombe carta e munizioni: arrestata intera famiglia

 
Il caso
San Severo, incendio ditta rifiuti, l'azienda: «Colpa di un dipendente? Si indaga»

San Severo, incendio ditta rifiuti, l'azienda: «Colpa di un dipendente? Si indaga»

 
Operazione dei Cc
Foggia, nel casale bunker 7 chili di droga e 6 bombe artigianali: 4 arresti

Foggia, nel casale bunker 7 chili di droga e 6 bombe artigianali: 4 arresti

 
In viale Virgilio
Foggia, fiamme in hotel abbandonato: clochard salvato dalla Polizia, era svenuto

Foggia, fiamme in hotel abbandonato: clochard salvato dalla Polizia, era svenuto

 
Una 37enne
Foggia, ruba a casa del cognato per procurarsi droga: arrestata una donna

Foggia, ruba a casa del cognato per procurarsi droga: arrestata una donna

 
L'intervento
San Severo, riprende la raccolta rifuti dopo l'incendio dei mezzi della Buttol

San Severo, riprende la raccolta rifuti dopo l'incendio dei mezzi della Buttol

 
L'operazione
Banda di trafficanti sgominata nel casertano: c'è anche un foggiano

Banda di trafficanti sgominata nel casertano: c'è anche un foggiano

 
Il caso
Omicidio boss Raduano, chieste due condanne a 18 anni per agguato a Vieste

Omicidio boss Raduano, chieste due condanne a 18 anni per agguato a Vieste

 
Per atti osceni
San Severo, 19enne si masturba su una panchina vicino una scuola: denunciato

San Severo, 19enne si masturba su una panchina vicino una scuola: denunciato

 
L'operazione dei cc
Evasione, furti e rapine: arrestate 6 persone tra Cerignola, Trinitapoli e Ascoli Satriano

Evasione, furti e rapine: arrestate 6 persone tra Cerignola, Trinitapoli e Ascoli Satriano

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Costa: «Da ora per noi ogni gara è una finale»

Bari calcio, Costa: «Da ora per noi ogni gara è una finale»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'incidente a Japigia
Bari, investe con l'auto un motociclista in via Caldarola e fugge: beccato dalla polizia

Bari, investe con l'auto un motociclista in via Caldarola e fugge: beccato dalla polizia

 
FoggiaIl caso
Attentati a Foggia, sequestrate 6 bombe carta e munizioni: arrestata intera famiglia

Attentati a Foggia, sequestrate 6 bombe carta e munizioni: arrestata intera famiglia

 
BatIl processo
Mafia, chiesti 16 anni a pregiudicato per 2 tentati omicidi nel Nord Barese

Mafia, chiesti 16 anni a pregiudicato per 2 tentati omicidi nel Nord Barese

 
PotenzaIl caso
Potenza, adescano un 70enne e gli rubano i soldi: denunciate 2 donne

Potenza, adescano un 70enne e gli rubano i soldi: denunciate 2 donne

 
HomeIl fenomeno
Morbillo, allarme in Salento 40 casi in un mese: anche 4 bimbi, due figli di «no vax»

Morbillo, in Salento due casi al giorno, coinvolti adulti e bimbi: anche figli di «no vax»

 
BrindisiOperazione dei Cc
Droga, tre arresti nel Brindisino: preso 18enne vicino a scuola a Ostuni

Droga, tre arresti nel Brindisino: preso 18enne vicino scuola a Ostuni

 
MateraIl caso
Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

 

i più letti

L’operazione

Foggia, colpo al «Clan dei Montanari»: 24 arresti da polizia e GdF

Per droga e armi: si parla anche di ingenti sequestri. In 13 sono finiti in carcere e in 11 ai domiciliari

Foggia, colpo al «Clan dei Montanari»: 24 misure cautelari da polizia e GdF

Duro colpo al «Clan dei Montanari» di Foggia da parte di polizia e Guardia di Finanza, che dalle primissime ore dell'alba stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Bari nei confronti di 24 soggetti, per armi e droga. Le indagini sono coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari. Ingenti sequestri di beni in collaborazione con lo SCICO delle Fiamme Gialle.

C'è anche il capo dell’omonimo clan Enzo Miucci, 36 anni, sorvegliato speciale, tra i 24 indagati coinvolti nel blitz eseguito all’alba dagli agenti della Squadra mobile di Foggia e dalla Guardia di Finanza. Dei 24 indagati, 13 sono finiti in carcere e 11 ai domiciliari; sono accusati, a vario titolo, di reati legati ad armi e droga.
Le indagini si sono concentrate in un primo momento sul clan Papa attivo nella zona di Lucera (Foggia) e hanno permesso di accertare contatti nel modo dello spaccio di stupefacenti, soprattutto cocaina, con il clan dei «Montanari», ovvero i Li Bergolis-Miucci.

DUE ORGANIZZAZIONI CRIMINALI - Tra i destinatari del provvedimento restrittivo, nove sono appartenenti a due distinte organizzazioni criminali dell’area garganica: il clan Li Bergolis, oggi capeggiato da Enzo Miucci, detto “u criatur”, e il clan lucerino Bayan/Papa/Ricci, il cui elemento di spicco è il 61enne Alfredo Papa. Arrestati anche due soggetti vicini alla “ndrina” calabrese facente capo alle famiglie Pesce/Bellocco, a Rosarno (RC) e Torino, che erano in stretti rapporti d'affari con l'organizzazione criminale di Monte Sant’Angelo per la compravendita di partite di droga e la fornitura di armi.

Rapporti con Camorra e 'Ndrangheta sono stati accertati nell’indagine della Dda di Bari su due gruppi criminali dell’area garganica che ha portato oggi all’arresto di 24 persone, 13 in carcere e 11 ai domiciliari per associazione per delinquere finalizzata al traffico di droga e armi e spaccio.
Le indagini del Gico della Guardia di Finanza di Bari e della Squadra Mobile di Foggia, coordinata dai pm Lidia Giorgio, Giuseppe Gatti e Ettore Cardinali, hanno documentato l’alleanza per la gestione dei traffici illeciti tra il clan Li Bergolis di Monte Sant'Angelo, capeggiato da Enzo Miucci, e il clan lucerino Bayan-Papa-Ricci con a capo Alfredo Papa, entrambi arrestati. I due gruppi criminali sono risultati in rapporti di affari, per l'approvvigionamento della droga e delle armi, rispettivamente con la ndrina calabrese facente capo alle famiglie Pesce-Bellocco operanti a Rosarno (RC) e Torino e con le organizzazioni camorristiche di Castellammare di Stabia e Pompei. Delle 24 persone arrestate tra Puglia, Calabria, Abruzzo, Molise, Lazio e Piemonte, nove apparterrebbero ai due clan garganici, due alla 'Ndrangheta calabrese, Benito Palaia e Luca Fedele, e 13 sarebbero i clienti-pusher dell’organizzazione.

L’inchiesta ha rivelato anche l’abitudine dei sodali di ricorrere alla collaborazione di incensurati per custodire la droga all’interno delle loro case. Uno dei luoghi di stoccaggio dello stupefacente era il campo sportivo comunale di Monte Sant'Angelo, le cui chiavi erano nella disponibilità di uno degli indagati, mentre i summit mafiosi avveniva all’interno di masserie intestate a familiari dei sodali. La droga, acquistata dalla Calabria, dalla Campania e da Cerignola veniva poi venduta, tramite una fitta rete di pusher, sulle piazze di Foggia, del Molise e dell’Abruzzo.
A copertura dell’attività di spaccio c'era, stando alle indagini, quella di compravendita di auto. Contestualmente agli arresti, infatti, sono state sottoposte a sequestro anche due concessionarie, oltre a 10 immobili, 3 auto e 63 rapporti finanziari per un valore complessivo di 2 milioni di euro. I fatti contestati risalgono agli anni 2015-2016. L’inchiesta, grazie a videoriprese, droni, intercettazioni e pedinamenti, ha documentato anche un agguato in diretta e «una sorta di apprendistato» del figlio 14enne del boss Miucci, come evidenziato dalla Procura, utilizzato per sabotare una delle telecamere nascoste installate dagli investigatori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie