Giovedì 21 Febbraio 2019 | 03:27

NEWS DALLA SEZIONE

Guerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
Il caso
Parcheggiatore abusivo racimola 18 euro, prende multa di 871

Parcheggiatore abusivo racimola 18 euro, prende multa di 871

 
A Foggia
Borgo Mezzanone: sequestrati immobili abusivi nel ghetto dei migranti

Migranti, giù le baracche abusive di Borgo Mezzanone FT/VD
Salvini: «La pacchia è finita»

 
La storia
«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

 
Lotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 
La mobilitazione
Borgo Mezzanone, in 50 bloccano strade per protesta: «Crollano le case»

Borgo Mezzanone, bloccano strade con cassonetti per protesta: «Crollano le case»

 
La denuncia
Foggia, allarme cinghiali: raddoppiati negli ultimi dieci anni

Foggia, allarme cinghiali: raddoppiati negli ultimi dieci anni

 
Lite sulle elezioni
San Severo, scazzottata nella sede della Lega per il candidato sindaco. Due espulsi, arriva il commissario

San Severo, rissa nella sede della Lega per il candidato sindaco. Il partito li caccia

 
Nella notte
Foggia, a fuoco auto di un noto avvocato

Foggia, a fuoco auto di un noto avvocato

 
Sfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 
In via Manfredonia
Foggia, auto contro pilone, 76enne muore sul colpo

Foggia, auto contro pilone, 76enne muore sul colpo

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

 
HomeLa decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
HomeDurante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
BatIl caso
Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

 
TarantoDecide il giudice del lavoro
Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

 
BrindisiIl caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
FoggiaGuerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
MateraUn 21enne materano
Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

 

Cantieri e assunzioni

Foggia, per Emiliano: «il Policlinico sarà primo ospedale in Puglia»

La scommessa del Governatore «Qui verranno a curarsi in charter»

Foggia, per Emiliano: «il Policlinico sarà primo ospedale in Puglia»

FOGGIA - «A Foggia arriveranno con i charter per curarsi», il presidente della Regione, Michele Emiliano, in poche parole mette le mani su due eterne incompiute, aeroporto e sanità, luogo comune preferito nelle rivendicazioni non sempre condivisibili dei foggiani: il Gino Lisa che non vola è sempre là che attende i lavori per l’allungamento della pista, mentre sull’assistenza sanitaria parlano i circa 60 milioni di euro l’anno che il sistema pugliese riversa nelle casse delle regioni del Centro-Nord per i pazienti che alimentano la mobilità passiva. I viaggi della speranza sono ancora il tallone d’Achille della nostra sanità, ma anche il punto d’onore dal quale la sanità di Emiliano è ripartita in Puglia: «In tre anni e mezzo - ha detto ieri il governatore a Foggia - siamo quasi usciti dal piano operativo (blocco di assunzioni e investimenti: ndr) e sui Lea (livelli essenziali di assistenza: ndr) i nostri ospedali sono ai vertici nazionali». Una sfida tuttavia non ancora vinta, anzi si prospettano nuovi ostacoli: «Il 13 (domani: ndr) andremo al ministero per discutere la ripartizione del fondo sanitario regionale: il calcolo vogliono farlo sulla mobilità passiva, a queste condizioni il riequilibrio tra le regioni non ci sarà mai. Noi chiediamo invece cinque anni per rimettere le cose a posto, siamo già sulla buona strada. Ma continuare a erogare più soldi a chi già ne ha di più non sarebbe giusto». La sanità foggiana per Emiliano ha tutte le condizioni per diventare «la migliore di Puglia». «La posizione geografica è senza dubbio la migliore - sottolinea il governatore - lo sapevano anche gli Alleati durante l’ultima guerra che infatti presero questa provincia a bersaglio per i loro bombardamenti. Il policlinico di Foggia può diventare punto di riferimento non soltanto per la popolazione foggiana, ma per l’intero circondario e anche dalle regioni limitrofe». Perciò il riferimento all’aeroporto non è un caso nelle parole di Emiliano, ma anche qui una precisazione: «Voglio ricordare a chi continua ad accusare di immobilismo la Regione che la pratica è nelle mani dello Stupefatto ministro Toninelli (da novembre: ndr), stiamo aspettando anche noi i tempi del ministero delle Infrastrutture e Trasporti». La partita si gioca sulla sostenibilità delle Regioni, la sanità è un campo minato in vista dei futuri assetti e per la Puglia più che mai diventa questione strategica. Emiliano assicura che la sfida è già in essere, i primi segnali sono ben visibili: «Stiamo diventando minacciosi per gli altri, ora ci stiamo riprendendo anche i nostri medici che un tempo andavano a studiare e poi rimanevano altrove: a Bari abbiamo appena ultimato dieci concorsi. E con i medici in più possiamo abbattere le liste d’attesa, altrimenti senza personale come facciamo?».

La questione è economica, va a finire sul piano inclinato dell’autonomia richiesta da Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna: «In questi anni ci hanno portato via tante cose - aggiunge Emiliano - se la Puglia raggiunge il pareggio di bilancio sulla mobilità passiva significa che avrà tolto risorse importanti ad altre regioni. Abbiamo 800 milioni e 15mila addetti in meno dell’Emilia Romagna, regione simile alla nostra per estensione territoriale. Sul piano di riordino ospedaliero abbiamo preso sputi dappertutto, ma a parte il fatto che non abbiamo chiuso alcun ospedale voglio ricordare che oggi quelle strutture riconvertite ospitano degenze di cronicità e riabilitazione». È un Emiliano di lotta e di governo, come al solito: nella campagna elettorale è già dentro la contesa quando ricorda di «non avere partiti», prendendo formalmente le distanze dal Pd al 10% di consensi. «I partiti sono dei mezzi per arrivare a fare gli interessi della gente. Ho il sangue agli occhi per questa regione - puntualizza - finchè avrò forza e salute per andare avanti nessuno mi potrà fermare».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400