Domenica 07 Marzo 2021 | 01:42

NEWS DALLA SEZIONE

Lo show
Masterchef 10, Aquila vincitore con i profumi della Murgia

Masterchef 10, Aquila vincitore con i profumi della Murgia

 
Sanremo
Loredana la tigre e nonna Orietta due lezioni in vista dell’8 marzo

Loredana la tigre e nonna Orietta due lezioni in vista dell’8 marzo

 
il festival
Sangiorgi canta a Sanremo: «4 marzo ‘43 mi ricorda mio padre»

Sangiorgi canta a Sanremo: «4 marzo ‘43 mi ricorda mio padre»

 
Il commento
Sanremo, ci vorrebbe un colpo d’ala

Sanremo, ci vorrebbe un colpo d’ala

 
Spettacoli
L'Elisir d'amore prodotto dal teatro Petruzzelli va in onda su Rai5

L'Elisir d'amore prodotto dal teatro Petruzzelli va in onda su Rai5

 
Il ricordo
Aspettando Sanremo, Fiorello: amarcord della naja in Puglia

Aspettando Sanremo, Fiorello: amarcord della naja in Puglia

 
L'addio
È morto il dj Claudio Coccoluto

È morto il dj Claudio Coccoluto

 
Nel Foggiano
Isole Tremiti, set per film su Lucio Dalla a dieci anni dalla scomparsa

Isole Tremiti, set per film su Lucio Dalla a dieci anni dalla scomparsa

 
La cerimonia in streaming
«Io sì», Laura Pausini vince Golden Globe con la colonna sonora del film girato a Bari

«Io sì», Laura Pausini vince Golden Globe con la colonna sonora del film girato a Bari

 
Il riconoscimento
Un «Nastro di platino» per Sophia Loren nel film girato in Puglia

Un «Nastro di platino» per Sophia Loren nel film girato in Puglia

 
Parla il manager
«Puglia, radici e famiglia ecco l’Achille Lauro privato»

«Puglia, radici e famiglia ecco l’Achille Lauro privato»

 

Il Biancorosso

Serie C
Alla vigilia di bari-Potenza, mister Carrera: «Non sottovaluto i lucani»

Alla vigilia di Bari-Potenza, mister Carrera: «Non sottovaluto i lucani»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Bari, bimbo di 18 mesi muore investito dall'auto del padre durante manovra

Bari, bimbo di 18 mesi muore investito dall'auto del padre durante manovra

 
Battutela ambiente
Bisceglie, opere abusive in due nuovi stabilimenti balneari: sequestrata area di 3mila mq

Bisceglie, opere abusive in due nuovi lidi: sequestrata area di 3mila mq

 
GdM.TVTragedia sfiorata
Potenza, terreno frana sulla Sp 32 riaperta da pochi giorni: disagi per gli automobilisti

Potenza, terreno frana sulla Sp 32 riaperta da pochi giorni: disagi per gli automobilisti

 
Foggianel foggiano
Coronavirus, assembramenti sul Gargano: multati 28 giovani

Coronavirus, assembramenti sul Gargano: multati 28 giovani

 
LecceDia
Lecce, droga dall'Albania da spacciare in tutta Italia: sequestrati beni per 900mila euro e 50kg di sostanze

Lecce, droga dall'Albania da spacciare in tutta Italia: sequestrati beni per 900mila euro e 50kg di sostanze

 
TarantoLa storia
Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

 
Brindisiil blitz
Brindisi, riciclaggio e appropriazione indebita: 10 arresti all'alba

Ostuni, scacco a clan per riciclaggio e appropriazione indebita: 9 ordinanze Vd

 
MateraIl caso
Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

 

i più letti

L'intervista

«L'ultimo Paradiso», un angelo ribelle tra rabbia e amore: parla Scamarcio

Il film girato in Puglia dal 5 febbraio su Netflix

«L'ultimo Paradiso», un angelo ribelle tra rabbia e amore: parla Scamarcio

«I veri paradisi sono quelli perduti», diceva Marcel Proust. E poi ci sono gli inferni in terra, quelli ben visibili e inevitabili. Lo sanno bene i personaggi de «L’ultimo Paradiso», film diretto dal lucano Rocco Ricciardulli, con protagonisti Riccardo Scamarcio (in veste anche di produttore e cosceneggiatore insieme al regista), Gaia Bermani Amaral, Antonio Gerardi e Valentina Cervi. Il lungometraggio, girato in Puglia tra ottobre e dicembre 2019 nelle città di Bari e soprattutto Gravina in Puglia (con qualche set pure in Campania e a Trieste), è un film originale Netflix, piattaforma sulla quale sarà visibile da venerdì 5 febbraio. Realizzato in associazione con Mediaset, prodotto da Lebowski e Silver Productions, si è avvalso del contributo dell’Apulian Film Fund di Regione Puglia e il sostegno di Apulia Film Commission.

Ed è tra inferno e paradiso, che si muove il Sud brullo della Murgia al confine tra Puglia e Basilicata, in un mondo quasi arcaico e immutato nel tempo. Dove però ribollono sentimenti repressi e aspirazioni mai sopite. Tratto da una storia vera, L’ultimo Paradiso è ambientato nel 1958: Ciccio (Scamarcio) è un contadino di 40 anni, sposato con Lucia (Cervi) e padre di un figlio di 7 anni. Sogna di cambiare le cose e lotta con i suoi compaesani contro chi da sempre abusa dei più deboli. Ed è segretamente innamorato di Bianca (Bermani Amaral), la figlia di Cumpà Schettino (Gerardi), un perfido proprietario terriero che sfrutta la manovalanza. Ciccio vorrebbe fuggire insieme a lei, ma non appena Cumpà Schettino scoprirà della loro relazione, una serie di eventi inizierà a sconvolgere la vita di tutti.

«In una storia come questa - ha spiegato Scamarcio, alla presentazione on line del film, insieme al regista e alle due attrici principali - ho trovato che due elementi fossero i migliori spunti di narrazione: lo sfruttamento del lavoro e la voglia di emancipazione, tra chi è rimasto al paesello e sogna di andar via, e chi è partito ma sente forte il richiamo nostalgico della propria terra. Mi piace il cinema che riesce a creare personaggi tridimensionali, e che non procede per stereotipi. È il caso del film. E l’essere produttore, in questa circostanza, riflette la voglia di tornare sempre nei “miei” luoghi».
Gravina in Puglia, estesa in parte sulle sponde di un profondo crepaccio, è infatti un elemento metaforico decisivo, in una simile «cavalleria rusticana». Città nella quale, tra l’altro, lo stesso Scamarcio ritrova parte delle sue origini familiari (dal ramo materno). Nel cast di un film corale, dalla sceneggiatura atipica e con diversi colpi di scena sino alla fine, non mancano altre attrici pugliesi di talento come Federica Torchetti e Nicoletta Carbonara (in ruoli minori, tra i tanti, anche Antonello Loiacono ed Elisabetta Aloia) e il lucano Erminio Truncellito; completano il cast Anna Maria De Luca, Mimmo Mignemi, Donato Demita, Matteo Scaltrito.

«Riaprendo una pagina di un passato che mi appartiene - ha affermato il regista -, attraverso le immagini ho cercato di dar voce a fatti rimasti sepolti nel tempo. L’idea è stata quella di ritrarre il meridione raccontatomi. Un Sud aspro e bellissimo che assiste con indifferenza ai drammi della sua gente, sovrastandola con i silenzi. Ciccio e Bianca vogliono cambiare la propria condizione a qualunque costo, e sono pronti a sfidare il loro destino. È la nobiltà del “contadino” che si esprime in loro, che lascia trasparire una forza e una dignità ormai perduta».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie