Sabato 12 Giugno 2021 | 14:12

NEWS DALLA SEZIONE

Cinema
Cortometraggi, torna il Festival Salento Finibus Terrae

Cortometraggi, torna il Festival Salento Finibus Terrae

 
La novità
Musica: il Matera festival 2021 celebra Piazzolla e Battiato

Musica: il Matera festival 2021 celebra Piazzolla e Battiato

 
Spettacoli
Max Pezzali

Lecce, Max Pezzali all'Oversound Music Festival

 
Il commento
«Finalmente torna la musica suonata mi commuove»

«Finalmente torna la musica suonata: mi commuove»

 
Televisione
Linea Verde: tappa in Basilicata alla scoperta di Venosa

Linea Verde: tappa in Basilicata alla scoperta di Venosa

 
Televisione
Solaika Marrocco, la chef salentina ospite di Play Mag, su RaiPlay

Solaika Marrocco, la chef salentina ospite di Play Mag, su RaiPlay

 
WASHINGTON
Fiocco rosa per il principe Harry e Meghan Markle: la piccola si chiama come la Regina Elisabetta

Fiocco rosa per il principe Harry e Meghan Markle: la piccola si chiama come la Regina Elisabetta

 
L’addio
È morto Daniele Durante, il genio della pizzica salentina

È morto Daniele Durante, il genio della pizzica salentina. Il cordoglio dal mondo della Cultura

 
TV
Bell’Italia: ritorna il viaggio tra le bellezze e le tradizioni di Puglia e Lazio

Bell’Italia: ritorna il viaggio tra le bellezze e le tradizioni di Puglia e Lazio

 

Il Biancorosso

La novità
Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barigiustizia svenduta
Bari, «Il milione nascosto negli zainetti? Erano gli onorari del mio lavoro»

Bari, avvocato Chiariello: «Il milione nascosto negli zainetti? Erano gli onorari del mio lavoro»

 
Potenzalavori pubblici
Potenza, Ponte Musmeci, restauro alla Fhecor Ingenieros

Potenza, Ponte Musmeci, restauro alla Fhecor Ingenieros

 
MateraVaccini
Matera, immediata sospensione Astrazeneca sugli under 60

Matera, immediata sospensione Astrazeneca sugli under 60 Il bollettino odierno

 
TarantoLa tragedia
Taranto, Infortunio mortale alla foce del Tara

Taranto, Infortunio mortale alla foce del Tara

 
Brindisila campagna
Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

 
LecceLa novità
Lecce, festa di Sant’Oronzo non si farà la processione

Lecce, festa di Sant’Oronzo non si farà la processione

 

i più letti

l'intervista

Stasera in onda in prima tv il docufilm sul barese «Varichina»: le parole del regista

Parla Antonio Palumbo che ha diretto il film con protagonista Totò Onnis

Stasera in onda in prima tv il docufilm sul barese «Varichina»: le parole del regista

Stasera alle 21.20 Telenorba trasmetterà, in prima televisiva, il docufilm Varichina – La vera storia della finta vita di Lorenzo De Santis, sul «rivoluzionario» gay barese, di Mariangela Barbanente e Antonio Palumbo. In occasione dell’evento abbiamo rivolto qualche domanda al regista, che ci ha risposto dalla sua abitazione a Roma.

«Varichina» oggi su Telenorba: è un’iniziativa che nasce da voi registi o dalle richieste dei tanti che volevano vedere il vostro lavoro?
«Circa un anno fa, la Ismaele Film che detiene i diritti di distribuzione del film, ha inserito nel piano strategico la vendita dell’opera ad alcune piattaforme quali Amazon, Chili, Netflix e Sky. Dieci giorni fa, il distributore mi ha avvisato della messa in onda, a sorpresa. Un bel regalo per i tanti che ci chiedono ancora di poter vedere o rivedere il film».

È vero che il film verrà distribuito in dvd?
«Il progetto del dvd è pronto da mesi ma ci sono state beghe tra distributore, concessionari ed editori».

Come è nata l’idea di fare un film su un personaggio così locale, sguaiato?
«L’idea è nata grazie al vostro giornale. Mia sorella mi girò un articolo a firma di Alberto Selvaggi su Varichina, un’inchiesta biografica in cui si raccontava il personaggio chiedendo provocatoriamente nel finale un busto per celebrare "Il mito diverso". Ho chiamato Mariangela Barbanente e le ho chiesto se le andava di sviluppare un soggetto su questa irresistibile “anima pop”. L’idea del sottotitolo è sua: la vera storia della finta vita».

Quindi il vostro film è un po’ figlio della «Gazzetta».
«Assolutamente sì. Anzi, colgo l’occasione per abbracciare tutti voi della “Gazzetta” in questo lungo, difficile momento seguito al sequestro, con dissequestro. Mi indigna che la voce più autorevole del Sud e della Puglia nella carta stampata sia messa a rischio».

Molti spettatori al cinema sono stati colpiti dalla scena finale di «Varichina», quella girata sulla lapide.
«Paradossalmente quella è la prima scena che mi è venuta in mente quando ho pensato al film. L’unica immagine reale di Lorenzo De Santis che avevamo era quella della tomba e ogni volta che la visualizzavo non riuscivo a vederla avulsa dal contesto. Allora ho pensato di aggiungercelo io l’epitaffio».

Come avete fatto a rendere così credibile il personaggio con così poche tracce?
«Grazie ai ricordi, alla bravura del protagonista Totò Onnis, della truccatrice Lolli Caldarola e della costumista Giulia Barbanente. Mentre giravamo una scena sul lungomare di Bari con Totò agghindato in stile Anni ‘70, le macchine rallentavano per salutarlo e sfotterlo come se fosse stato realmente Lorenzo Varichina: le offese fuori campo che si sentono in quella scena del film sono reali e non doppiate da attori».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie