Venerdì 07 Ottobre 2022 | 15:37

In Puglia e Basilicata

serie b

Bari, la libertà di inseguire un sogno e il dovere di stare con i piedi per terra

Bari e il bivio per il «suo» Cheddira: Marocco o Italia?

In azione il giocatore del Bari Cheddira

L’unica squadra imbattuta nei Cadetti. Nemmeno con Conte in panchina una partenza così sprint

19 Settembre 2022

Davide Lattanzi

BARI - «Vogliamo sognare», sospira lo spogliatoio del Bari. O forse sarebbe più giusto parlare di credere ad una realtà che il team biancorosso ha saputo costruirsi in un avvio di campionato superiore ad ogni aspettativa. I numeri parlano chiaro: gli indici dei Galletti sono da big. Le basi per pensare in grande sembrano solide. Adesso si tratta di mantenere voglia, coraggio, determinazione nel raggiungere i risultati. Custodendo gelosamente quanto seminato in questo primo mese di impegni ufficiali.

UNICA IMBATTUTA - Il fiore all’occhiello del gruppo di Michele Mignani è proprio non essere mai caduto. Eppure, il calendario proponeva quattro trasferte nelle prime sei giornate, due viaggi in casa di corazzate come Parma e Cagliari, la sfida ad una formazione ambiziosa come la Spal. La risposta dei Galletti è stata eloquente con tre vittorie ed altrettanti pareggi. Mostrando sempre un carattere di ferro che ha permesso di rimontare contro Parma e Palermo, di portare a casa tre punti a Perugia e Cagliari malgrado i match conclusi in inferiorità numerica, di imporsi a Cosenza nonostante il rigore fallito all’alba del match da Antenucci. Insomma, la volontà di ferro di superare ostacoli e ottenere punti è stata una delle note più liete.

ANIMA CORSARA - Non può essere considerato un caso. Sotto la gestione di Michele Mignani, il Bari non perde fuori casa da 18 incontri ufficiali, comprendendo serie C, supercoppa di C, Coppa Italia dei «grandi» e serie B. 11 vittorie e sette pareggi lo score esterno dei Galletti che hanno incassato l’ultima sconfitta lontano dal San Nicola nel novembre 2021, contro la Juve Stabia. Cambiano i contesti, le competizioni e gli avversari, ma permane la costante di un gruppo che non conosce timore in ogni stadio d’Italia, provando ad imporre la sua filosofia e cercando il risultato pieno senza speculazioni. Nell’attuale campionato, soltanto il Cosenza è stato impegnato in trasferta quattro volte, come i pugliesi che vantano il miglior rendimento esterno del campionato con dieci punti: seguono Reggina, Genoa e Brescia a sei, con tre match disputati. Insomma, una supremazia netta.

CHEDDIRA INARRESTABILE - Ormai è difficile trovare altri aggettivi per il 24enne italo-marocchino che da ieri si è aggregato alla nazionale nordafricana in cui proverà a trasferire il suo stato di grazia nelle amichevoli contro Cile e Paraguay, sperando di conquistare una chiamata per il mondiale in Qatar. Walid da solo ha realizzato la metà delle dieci reti complessive biancorosse, è in serie utile da cinque turni di campionato e le sue prodezze hanno portato in cassa ben undici punti su dodici. La punta nata a Loreto è il capocannoniere solitario della b, nonché il re dei bomber del calcio italiano (con undici gol: gli altri cinque li ha messi a segno in Coppa Italia), considerando tutte le competizioni ufficiali. Insomma, un’autentica miniera d’oro. Ma i numeri dell’intero reparto avanzato sono degni di nota. Più del Bari hanno segnato soltanto la Reggina (14 reti) ed il Parma (11). Il tutto, facendo affidamento soltanto su tre elementi: ovvero, Cheddira, Antenucci (tre centri) e Folorunsho. Pensando ai tanti interpreti presenti in rosa in prima linea, viene da ritenere che la capacità realizzativa abbia ulteriori margini di crescita.

RITROVATA SOLIDITA’ Allo stesso modo, sta lievitando il rendimento difensivo. Dopo qualche balbettio nelle prime quattro giornate, la porta è ora inviolata da 201’: l’ultimo a battere Elia Caprile è stato Rabbi al 24’ di Bari-Spal, quindi in clean sheet contro Cosenza e Cagliari. Si è parlato tanto delle prodezze del giovanissimo portiere veneto, gratificato dalla convocazione nella nazionale under 21 azzurra. Ma è l’intera retroguardia ad aver mostrato miglioramenti evidenti con il trascorrere delle giornate. Una crescita favorita non soltanto dai difensori di ruolo, ma da un assetto che sta trovando equilibrio nelle due fasi, limitando i pericoli che nei primi turni erano stati più numerosi. E se capitan Di Cesare sta fornendo prove da autentico highlander, anche nel caso del pacchetto arretrato va valutato il potenziale da scoprire su Vicari (appena rientrato dopo due intoppi fisici) e Zuzek che non ha ancora esordito.

NEMMENO CONTE… In epoca recente, è una delle migliori partenze in assoluto del Bari in serie B. Per trovare un avvio migliore, bisogna tornare indietro addirittura di dieci anni. Nel 2012-13, i punti in cascina furono 14, per effetto di quattro vittorie e due pareggi: in quella circostanza, però, Galletti giocarono tre gare interne e tre esterne. Ma soprattutto, la classifica segnava sltanto quota sette, a causa della penalità di sette punti dovuta ad inadempienze amministrative e alle sanzioni dal calcioscommesse. La marcia dei ragazzi all’epoca allenati da Torrente si arrestò proprio al settimo turno, con la sconfitta a Verona. Se la truppa di Mignani dovesse battere il Brescia attualmente capolista nel big match in programma dopo la sosta (il 2 ottobre), centreranno la migliore striscia iniziale in assoluto degli anni 2000. Già, perché nemmeno il super Bari di Antonio Conte vantava numeri simili. I Galletti edizione 2008-09 hanno in comune con la squadra attuale l’imbattibilità, ma i punti all’attivo in sei giornate erano dieci, per due vittorie e quattro pareggi. Insomma, sotto ogni aspetto, emergono dati stupefacenti. La città è quasi incredula dopo oltre un decennio di sofferenze. E se la squadra vuole sognare, figurarsi quanto vuole farlo un popolo che ha dentro una passione unica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725