Martedì 11 Agosto 2020 | 12:00

NEWS DALLA SEZIONE

Serie B
Lecce calcio, Pantaleo Corvino: «Tornare in Salento è una scelta di cuore»

Lecce calcio, Pantaleo Corvino: «Tornare in Salento è una scelta di cuore»

 
L'intervista
«Bene Corvino, ora porti nel Salento una punta con la fame di La Mantia»

«Bene Corvino, ora porti nel Salento una punta con la fame di La Mantia»

 
SERIE B
Lecce, c'è folla alle partenze

Lecce, c'è folla alle partenze: Falco-Petriccione-Mancosu suonano le sirene della A

 
La decisione
Il Lecce calcio licenzia Meluso, il nuovo dg è Corvino

Il Lecce calcio licenzia Meluso, il nuovo dg è Corvino

 
LA TRATTATIVA
Corvino-Lecce, ultimi dettagli

Corvino-Lecce, ultimi dettagli per il futuro del nuovo direttore sportivo

 
CALCIO
Lecce guarda subito avanti

Lecce guarda subito avanti: Corvino direttore sportivo

 
calcio
La promessa solenne di Sticchi Damiani:«Ripartiremo dalla B con un progetto serio»

Lecce, la promessa di Sticchi Damiani: «Ripartiremo dalla B con un progetto serio»

 
SERIE A
Parma - Lecce

Nulla di fatto per il Lecce: 3-4 in casa col Parma e scende in B

 
Calcio
Lecce, notte batticuore. Ecco la partita della vita

Lecce, notte al cardiopalma: tutto pronto per la partita della vita

 
SERIE A
L'urlo di Sticchi Damiani: «Orgoglioso del Lecce»

L'urlo di Sticchi Damiani: «Orgoglioso del Lecce»

 
SERIE A
Il Lecce si aggrappa a nuovi eroi

Il Lecce si aggrappa a nuovi eroi, da Mancosu a Lapadula

 

Il Biancorosso

LEGA PRO
Fatti il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

Fatto il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccel'iniziativa
Benessere e fisioterapia, un «mare» di solidarietà

Benessere e fisioterapia, l'Ordine dei Medici supporta il progetto «Il mare di tutti»

 
BatIL RACCONTO
Nella Murgia di notte fino all'alba con Federico

Nella Murgia di notte fino all'alba con Federico

 
PotenzaPOLITICA
Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

 
Tarantonel Tarantino
«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

 
FoggiaRIQUALIFICAZIONE
San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

 
BariLA TRAGEDIA
Ruvo, malore fatale in spiaggia per un 82enne

Specchiarica, malore fatale in spiaggia per un 82enne di Ruvo di Puglia

 
MateraCovid 19
Coronavirus, altri 2 migranti positivi dal Materano a Roma

Coronavirus, altri 2 migranti positivi dal Materano a Roma

 

i più letti

Serie A

Liverani e la voglia matta di sgambetti: «Il Lecce sa come arginare le corazzate»

Stasera la Lazio. E all’amico Inzaghi: «Non ci accontenteremo di poco»

Liverani: cercare di trasformare un gruppo in squadra

LECCE -  «Ci serve un risultato positivo che ci dia autostima ed entusiasmo». Indica l’obiettivo, Liverani, nell’analizzare la sfida che, questa sera, alle 19.30, al «Via del Mare», vedrà il Lecce opposto alla Lazio. A Sassuolo, i salentini hanno dato segnali incoraggianti, ma hanno perso e per sperare di restare in A, invece, hanno bisogno di punti preziosi per la classifica e per il morale.

Le cifre testimoniano il divario enorme esistente tra giallorossi e biancocelesti. La formazione capitolina è seconda, con 68 punti. Con 66 gol messi a segno, l’attacco capitolino è il più prolifico del torneo dopo quello dell’Atalanta e può contare su quell’Immobile che è il capocannoniere del campionato con 29 reti all’attivo e che tornerà in campo dopo avere saltato per squalifica il match con il Milan. Il Lecce è terz’ultimo ed ha 25 lunghezze, 43 meno dei rivali. Con 70 gol al passivo, è la formazione più perforata della A.

Sulla carta, l’incontro non dovrebbe avere storia, ma all’andata l’undici salentino ha creato più di un grattacapo al team romano ed è lecito chiedersi come sarebbe finita la sfida, vinta dagli uomini di Inzaghi per 4-2, se, come da regolamento, fosse stato fatto ripetere il rigore calciato da Babacar. «I ragazzi hanno le qualità per mettere in difficoltà anche ad una corazzata come la Lazio – rimarca Liverani - Dobbiamo mettere in mostra personalità, gamba, cattiveria. A noi non basta poco per ottenere tanto».

Risultati alla mano, con le ovvie differenze dovute ad organici di caratura diametralmente opposta, il Lecce e la Lazio sono due tra i complessi maggiormente danneggiati dal lockdown in quanto, dopo la ripresa, stanno stentando a mettere in mostra il proprio volto migliore. «Entrambe le squadre vengono da una sconfitta ed avrebbero bisogno di voltare pagina – nota il trainer giallorosso - ma dobbiamo pensare a noi stessi, a dare il massimo».

L’importanza di muovere la classifica fa passare in secondo piano il fatto che Liverani affronti l’amico ed ex compagno di squadra Simone Inzaghi ed una delle formazioni nelle quali ha militato da calciatore. Per il Lecce, strappare anche un solo punto alla Lazio potrebbe significare fare scoccare quella scintilla della quale ha bisogno per giocarsi al meglio le proprie carte nella volata finale, lottando sino agli ultimi 90’: «Senza nulla togliere al passato in biancoceleste, che per me è stato importante, conterà solo il presente. Ci serve un risultato positivo. I biancocelesti lottano per lo scudetto, ma noi all’andata abbiamo disputato un buon incontro».

Sono tornati a lavorare in gruppo Majer, Dell’Orco, Meccariello e Deiola. «Sul loro utilizzo – taglia corto Liverani - c’è da verificare che minutaggio abbiano».

Le scelte sugli uomini da schierare e sul modulo, come sempre da quando si gioca a ritmi serrati, saranno fatte in extremis. Se il tecnico opterà per la più collaudata difesa a quattro, probabilmente toccherà ancora a Donati, Lucioni, Paz e Calderoni, a meno che Liverani non preferisca utilizzare Donati da centrale al posto dell’argentino, ed impiegare Rispoli a destra.

A centrocampo, stante l’assenza per squalifica di Tachtsidis, il ruolo di play lo ricoprirà Petriccione, ai cui lati potrebbero esserci Barak e Mancosu, mentre Saponara, Farias e Falco si contenderanno i due posti da trequartisti, alle spalle di Babacar. Ma il trainer romano potrebbe anche preferire una squadra un tantino più abbottonata, inserendo Shakhov come uno dei due ispiratori dietro l’unica punta centrale.

L’eventuale retroguardia a cinque, invece, sarebbe obbligata, con Rispoli a destra e Donati a fungere da terzo centrale. In un simile caso, in quattro si giocherebbero i due posti avanzati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie