Giovedì 06 Ottobre 2022 | 00:59

In Puglia e Basilicata

la lettera

Brindisi, appello di una donna affetta da Sla: «Tamponi anche agli assistenti Adi»

«Resilienza a domicilio»: l'associazione salentina 2HE porta gli psicoterapeuti nelle case dei malati di Sla

Lo sfogo è stato raccolto dall’associazione «Comitato 16 novembre»

15 Novembre 2020

Redazione online

BRINDISI - «A distanza di quattro mesi e mezzo dalla nostra richiesta al presidente della Regione affinchè venissero eseguiti ogni 15 giorni i tamponi agli operatori sanitari impegnati nell'Adi, ancora non abbiamo ricevuto risposta e ci ritroviamo con operatori ai quali non vengono effettuati i tamponi con cadenza periodica e che non hanno nemmeno Dpi a sufficienza».

La denuncia proviene dal “Comitato 16 Novembre”, al quale ogni giorno giungono richieste di intervento in merito a veri e propri drammi famigliari.
«Sperando serva a riflettere su quale sia lo stato d'animo delle famiglie che rappresentiamo - evidenzia in una nota il comitato - vi riportiamo l'amaro sfogo di una nostra associata, la sig.ra Annalisa Barletta di Ceglie Messapica, di 42 anni, affetta da Sla e mamma di 3 bambini, che è seriamente preoccupata per sé e per la propria famiglia, considerando che ha 3 bambini piccoli da proteggere.

«Buongiorno, sono Annalisa Barletta da Ceglie messapica, 42 anni, con tre bambini piccoli e con Sla. Sono immobile e respiro con il supporto di una macchina. Vi denuncio uno scenario già da voi conosciuto. Ma ben tenuto coperto. Noi pazienti assistiti da questa strana Adi. Gestita da una cooperativa che ha tre nomi. Non ha personale. Non controllava fino a ieri (dopo infinite segnalazioni) le infezioni da Covid. Ora si rifiuta di eseguire, come prevede la normativa, il tracciamento dei contagi omettendo in questo modo di avvisare pazienti e familiari di essere stati probabilmente contagiati. Io stessa e la mia famiglia stiamo vivendo in questa angoscia. Ora ci domandiamo: come può avvenire tutto questo, con il vostro consenso? In attesa di una risposta, porgo distinti saluti».

Questo, dunque, lo sfogo di Annalisa, un'ammalata, fra tante come lei, che si ritrova in una situazione di vero terrore. Voler vivere nonostante la grave patologia da cui è si è affetti e non essere messi in condizione di poterlo fare.

Numerose le richieste che ogni giorno pervengono al Comitato anche in merito alla sospensione dell’erogazione dell’Assegno di Cura, fermo al 31 luglio scorso, ridotto di 100 euro al mese rispetto allo scorso anno, e rinominato dal precedente assessore regionale al Welfare, “contributo Covid”. A malincuore non possiamo che constatare che, anche in una grave emergenza sanitaria come quella che stiamo vivendo in questo periodo, i malati gravissimi restano sempre ultimi, anzi lo sono ancor di più e, puntualmente, vengono disattesi i principi di uguaglianza e tutela alla salute che restano soltanto belle parole. Auspichiamo che Annalisa riceva delle risposte a garanzia del suo stato e che alle famiglie dei disabili gravi-gravissimi e ai loro operatori vengano forniti immediatamente tutti gli strumenti necessari per garantire un supporto “sicuro e dignitoso” alle persone di cui si prendono cura. Non vorremmo mai che la carneficina registrata nelle Rsa a marzo - conclude la nota - venga registrata ora nelle abitazioni private dei disabili di tutta Italia perchè sarebbe un errore imperdonabile ed inaccettabile. Il Governo sta spingendo, in questo momento, per le cure domiciliari per i pazienti colpiti dal Covid. Noi siamo in cura domiciliare da sempre e ci aspettiamo massima attenzione, sempre».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725