Lunedì 25 Marzo 2019 | 00:12

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

 
Guidava l'auto del padre
I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

 
Tra Cellino S.Marco e S.pietro Vernotico
Scontro fra due auto nel Brindisino, morti 3 ragazzi, 2 persone gravi in ospedale

Scontro fra due auto nel Brindisino, morti 3 ragazzi, 2 feriti in ospedale

 
Fino al 25 marzo
Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

 
A brindisi
In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

 
Nel Brindisino
Graffitaro imbratta 25 pareti a Cisternino, anche pubbliche: denunciato

Graffitaro imbratta 25 pareti a Cisternino, anche pubbliche: denunciato

 
Nel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
Centrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
L'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
Dopo due anni
Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

 

Il Biancorosso

DOPO I 5 ANNI DI DASPO
La difesa dello steward della Turris"False accuse e tanta cattiveria"

La difesa dello steward della Turris
"False accuse e tanta cattiveria"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa storia
Andria, sfrattata la bancarella dei Mansi, la famiglia della bimba uccisa

Andria, sfrattata la bancarella dei Mansi, la famiglia della bimba uccisa

 
Lecce
Leuca, intercettata da Gdf barca a vela con 25 migranti

Leuca, intercettata da Gdf barca a vela con 25 migranti

 
TarantoAmbiente
Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

 
FoggiaAnche lei premiata da Mattarella
È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

 
MateraDroga
Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

 
BrindisiIl caso
Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

 
Altre notizie HomeTra sacro e profano
Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

 

sindacalista Cobas

Roberto Aprile (Bobo) assolto
per non aver commesso il fatto

L’accusa era di manifestazione non autorizzata

Roberto Aprile (Bobo) assolto per non aver commesso il fatto

Assolto per non aver commesso il fatto. Vicenda giudiziaria a lieto fine per il sindacalista Roberto Aprile, imputato in un processo per manifestazione non autorizzata.

«I fatti - si legge in una nota del sindacato Cobas - si riferivano al sit-in sotto il Comune di Brindisi del 30 giugno 2014 in concomitanza di un Consiglio comunale. L’assoluzione  è potuta avvenire grazie alla testimonianza di Livia Antonucci e dimostra ancora di più il carattere persecutorio nei confronti di Roberto Aprile. Per avere un’idea, è bene raccontare i fatti di un processo  dagli aspetti paradossali e tragicomici. Il Cobas organizza un presidio sotto Palazzo di Città e in concomitanza di un’assise civica per esprimere le proprie preoccupazioni relative ad un possibile fallimento dello stesso Comune che avrebbe mandato a gambe all’aria i dipendenti diretti e quelli che ci girano intorno, portando una intera città allo sbando».

«Contemporaneamente - prosegue la nota del Cobas - Livia Antonucci, referente di un partito dell’pposizione, organizza anch’ella un sit-in per lo stesso giorno sul problema dei rifiuti e invia la comunicazione alla questura. Aprile, venuto a conoscenza del sit-in, chiama Livia Antonucci e insieme concordano di stare in piazza con lo stesso avviso. Le manifestazioni si svolgono regolarmente e i due trascorrono la mattinata insieme davanti al Comune».

Non la pensa allo stesso modo il personale della questura inviato sul posto: «Per un ispettore - evidenzia ancora la nota sindacale - le cose sono andate diversamente. Aprile avrebbe  commesso il reato di manifestazione non autorizzata, il tutto accompagnato da circa 50 foto. Addirittura con le  foto della macchina di Roberto Aprile, ed una in particolare che ritrae la targa che conoscono tutti. Arriviamo al dunque: dopo le testimonianza di Aprile e dell’ispettore (che conferma la sua versione) è arrivata quella di Livia Antonucci, la quale ha riferito al giudice che la manifestazione era comune e che Aprile non ha parlato illegalmente. Ha inoltre affermato che il tutto era stato spiegato ai vigili urbani a cui aveva mostrato la informativa alla questura e la condivisione della piazza. A questo punto l’avv. Mauro Masiello (difensore di Aprile nel processo) ha chiesto di non sentire gli altri testimoni e ottenere la assoluzione. Il tribunale ha accolto la richiesta e ha concluso il processo con la assoluzione legata alla formula “per non aver commesso il fatto”. Questa assoluzione allenta un attimo questa corsa alla repressione nei confronti del sindacalista Roberto Aprile, cosa che sicuramente continuerà e alla quale il Cobas continuerà ad opporsi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400