Sabato 24 Agosto 2019 | 13:53

NEWS DALLA SEZIONE

Un 43enne
Ruvo, in manette coltivatore di cannabis legale: valori superiori alla norma

Ruvo, in manette coltivatore di cannabis legale: valori superiori alla norma

 
Preso dai Cc
Bisceglia, spacciava «fumo» in centro: in manette un 23enne

Bisceglie, spacciava «fumo» in centro: in manette un 23enne

 
Il caso
Le saline di Margherita di Savoia diventano di proprietà francese

Le saline di Margherita di Savoia diventano di proprietà francese

 
Sanità
Andria, nuovo espianto d’organi al Bonomo: donati reni e cornee

Andria, nuovo espianto d’organi al Bonomo: donati reni e cornee

 
L'arresto
Furti in appartamento, sgominata banda di ladri: operava tra Bari, Andria e Potenza

Furti in appartamento, sgominata banda di ladri: operava tra Bari, Andria e Potenza

 
La curiosità
Barletta, una Pizza «Art» per Fiorella Mannoia

Barletta, una Pizza «Art» per Fiorella Mannoia

 
L'operazione dei cc
Trani, trovato con una pistola e 1,5 grammi di cocaina: arrestato

Trani, trovato con una pistola e 1,5 grammi di cocaina: arrestato

 
Il caso
Miasmi a Barletta «salta» il Consiglio. A Trani controlli in azienda sospetta

Miasmi a Barletta «salta» il Consiglio. A Trani controlli in azienda sospetta

 
L'opificio
Trani, l’ex segheria diventerà un centro commerciale

Trani, l’ex segheria diventerà un centro commerciale

 
Il caso
Barletta appestata da puzza nauseante: cittadini costretti a chiudersi in casa

Barletta, puzza in città: la fonte è una azienda di scarti animali

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

LeccePreso dai Cc
Spocchia, 18enne segue ragazza in locale e la violenta

Spocchia, 18enne segue ragazza in locale e la violenta: in cella

 
MateraCarabinieri Forestali
Policoro Lido, sbancamento in area protetta: sequestrati 7 ettari di bosco

Policoro Lido, sbancamento in area protetta: sequestrati 7 ettari di bosco

 
BariDalla Polizia
Bari, in casa centrale dello spaccio: arrestato 33enne

Bari, in casa centrale dello spaccio: arrestato 33enne

 
TarantoAl rione Salinella
Taranto, litiga con la convivente e scatena una rissa: arrestato

Taranto, litiga con la convivente e scatena una rissa: arrestato

 
BatUn 43enne
Ruvo, in manette coltivatore di cannabis legale: valori superiori alla norma

Ruvo, in manette coltivatore di cannabis legale: valori superiori alla norma

 
PotenzaLavoro
Fca a Melfi, da settembre stop produzione per altri 30 turni

Fca a Melfi, da settembre stop produzione per altri 30 turni

 
FoggiaLotta alla droga
Trinitapoli, beccati 92 pacchi di cannabis light, ma in realtà era marijuana illegale

Trinitapoli, beccati con 92 pacchi di finta-cannabis light: arrestati in 2

 
HomeSulla strada 379
Scontro tra 2 auto sulla strada per Torre Canne: un morto e un ferito

Scontro tra 2 auto sulla strada per Torre Canne: un morto e un ferito

 

i più letti

disservizi

Canosa, dall’alba in coda
al Cup dell’ospedale

Cup ospedale di canosa

di ANTONIO BUFANO

CANOSA - Alla Settimana della Passione, religiosamente osservata dai cattolici, a Canosa segue (possiamo dire puntualmente ogni anno) il “calvario” degli utenti della sanità pubblica locale, che hanno bisogno delle prestazioni del Centro unico di prenotazione, funzionante presso l’ospedale.
Nelle ultime settimane il servizio è, di nuovo, finito al centro di un’aspra polemica e di un’accesa protesta. I toni si alzano ogni giorno di più, perché i disagi continuano, da qualche settimana, ad essere sempre più insopportabili. L’apertura del Centro è fissata alle otto di mattina, mentre gli sportelli iniziano a funzionare mezz’ora dopo.
Alle 10,30 di ieri (mercoledi 26) il tabellone elettronico indicava che avevano usufruito del sevizio anagrafe 31 utenti, di quello abilitato alle prenotazioni 20 ed, infine, della cassa ticket 28. La macchinetta dei numeri di accesso ai servizi distribuiva, nel contempo, rispettivamente il 52 per il primo, il 66 per il secondo ed il 36 per il terzo. E’ facilmente intuibile la gravità del disservizio: a distanza di due ore dall’apertura degli sportelli era stato servito meno di un terzo degli utenti alle prenotazioni, quasi la metà all’anagrafe ed un settanta per cento circa alla cassa ticket.

E bisogna pur dire che quelli che avevano avuto la fortuna di beneficiare del servizio, a poco più di due ore dalla chiusura, erano ad attendere il loro turno dalle cinque del mattino. Sì, per poter fruire, in giornata, delle necessarie prestazioni bisogna essere all’ingresso del Cup all’alba, altrimenti si corre il rischio (che è concreto osservando i numeri delle prestazioni) di ritornare il giorno successivo per lo stesso motivo. E ci sono, fra gli utenti, anziani, madri, ammalati, per i quali è problematico ritornare il giorno dopo. E tutto questo, che è giustificato motivo di protesta per l’utenza ma anche stress per gli impiegati, è prevedibile da parte della direzione dell’Azienda sanitaria locale Bat, in quanto, a partire dal 1 aprile di ogni anno, i pazienti sono tenuti a rinnovare l’esenzione del ticket, scaduta a fine marzo.

L’affollamento degli uffici e la calca agli sportelli è, quindi, risaputa dagli organi competenti. Basterebbe potenziare il servizio con personale avente le richieste particolari credenziali. O far precedere la data della scadenza del diritto alla esenzione del ticket da una capillare campagna informativa, al fine di spiegare ai pazienti che vi sono alcuni di loro ai quali viene rinnovata automaticamente l’esenzione, in presenza delle stesse condizioni che hanno dato vita al beneficio contributivo sanitario nell’anno passato e che, pertanto, non occorre avere fretta nella richiesta al Cup della prestazione.
Se per alcuni è evitabile l’urgenza; per quelli, che hanno, invece, bisogno di ottenere subito la prestazione, la richiesta si trasforma in un “calvario”. Inammissibile. Determinato dal funzionamento di appena due sportelli su quattro, destinati all’anagrafe e, quindi, anche alle esenzioni del ticket, mentre gli altri due aperti si occupano di cassa e prenotazioni. Sono condizioni, quelle di queste settimane al Centro unico di prenotazione della AslBat, inaccettabili.
Il Centro non può continuare ad offrire prestazioni da “terzo mondo”. Non vanno, innanzitutto, dimenticati i cittadini, che per primi patiscono la disorganizzazione e i disservizi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie