Sabato 20 Aprile 2019 | 04:57

NEWS DALLA SEZIONE

È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 
I controlli
Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

 
La tragedia nel 2016
Scontro treni Ferrotramviaria, oggi via al processo a Trani: 18 imputati

Scontro treni Andria, via al processo a Trani: 19 imputati
«Regione sia responsabile civile»

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl caso
Cerignola, beccato mentre smontava delle auto: arrestato 41enne

Cerignola, beccato mentre smontava delle auto: arrestato 41enne

 
LecceLa decisione
Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

 
BrindisiIl batterio killer
Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

 
TarantoA grottaglie (Ta)
Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

 
Materavittima un materano
Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

 
PotenzaL'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
BatÈ incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 

Discarica di Trani
manganese sopra i limiti

discarica diTrani

di NICO AURORA

TRANI - Alla discarica di Trani il manganese si mantiene ancora al di sopra dei livelli previsti per legge. L’ultima rilevazione della società New Kem, rilasciata lo scorso 7 ottobre dal professor Gaetano Nuovo, all’esito di analisi effettuate il 5 ottobre, ha accertato che, da un campione d’acqua prelevato dal pozzo P6v (il più vicino al luogo dell’incidente che il 5 settembre 2014 provocò la chiusura dell’impianto per perdita di percolato in falda) il manganese è presente in una quantità di 79,9 microgrammi per litro, a fronte dei 50 previsti per legge.
Anche nei precedenti rapporti il livello di questo metallo s’era sempre mantenuto al di sopra della soglia minima, anzi se ne rileva un consistente calo rispetto ai 104 microgrammi per litro della precedente rilevazione, del 22 settembre.
Conforta, invece, il ritorno del nichel al di sotto del valore limite: 13,3 microgrammi per litro a fronte dei 20 previsti per legge, ed in questo caso il pozzo di prelievo è il P2m, che è l’altro luogo di riferimento oggetto delle attenzioni della Procura della Repubblica di Trani.

Nel recente provvedimento di dissequestro della discarica il sostituto procuratore titolare dell’inchiesta, Michele Ruggiero, ha comunque richiamato la circostanza per cui i due metalli citati, per tutto l’arco di tempo intercorso tra il sequestro (15 gennaio 2015) ed il dissequestro (25 ottobre 2016) si sono mantenuti quasi sempre al di sopra dei limiti di legge. Lo scorso 20 ottobre, inoltre, Arpa ha effettuato a sua volta delle analisi il cui esito, però, non è ancora noto. Si resta pertanto nell’attesa di conoscere se vi sia sostanziale coincidenza degli esiti e, sulla base di questi, la Procura potrà a sua volta ottenere maggiori informazioni per le valutazioni in merito al fascicolo aperto sull’ipotesi di disastro ambientale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400