Giovedì 06 Ottobre 2022 | 14:51

In Puglia e Basilicata

il processo

Omicidio Cilli a Barletta, giudizio immediato per i due imputati

«Basta silenzi, chi sa parli»: l'appello della madre del ragazzo scomparso a Barletta

Le ricerche della Polizia prima dei due arresti

La difesa ha 15 giorni per accettare o chiedere riti alternativi

21 Settembre 2022

Redazione online

ROMA - Il gip del tribunale di Trani Lucia Anna Altamura, accogliendo la richiesta del pm Giuseppe Francesco Aiello, ha emesso decreto di giudizio immediato custodiale, e fissato la data di inizio al 18 novembre prossimo, per il processo per l’uccisione e la distruzione del cadavere del 24enne barlettano Michele Cilli. Responsabili di quel delitto per l’accusa sono il 34enne Dario Sarcina, ritenuto dagli inquirenti esecutore dell’omicidio, e il 34enne Cosimo Damiano Borraccino, accusato, in concorso con Sarcina, della soppressione del cadavere. Le loro difese hanno 15 giorni di tempo per chiedere eventualmente riti alternativi.
Di Cilli si sono perse le tracce la notte fra il 15 e il 16 gennaio scorsi. Il ragazzo aveva trascorso la serata con alcuni amici in un bar per poi allontanarsi a bordo di un’auto guidata da Sarcina. Gli inquirenti ne hanno ricostruito il tragitto attraverso le immagini delle telecamere di videosorveglianza. Sarcina era tornato poco dopo in quel bar senza Cilli. Fra i due, secondo l’accusa, vi erano «pregressi dissapori». Sarcina e Borraccino furono arrestati il 22 marzo scorso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725