Giovedì 26 Novembre 2020 | 05:44

NEWS DALLA SEZIONE

Aveva 79 anni
Covid, morto ad Andria Rettore Santuario SS. Salvatore

Covid, morto ad Andria ex rettore Santuario SS. Salvatore

 
le analisi
Andria, incendio capannone: Arpa rivela elevate concentrazioni di inquinanti nell’aria

Andria, incendio capannone: Arpa rivela elevate concentrazioni di inquinanti nell’aria

 
la sentenza
Droga sull'asse Colombia-Barletta-Gargano: oltre 40 di carcere per il clan di trafficanti

Droga sull'asse Colombia-Barletta-Gargano: oltre 40 anni di carcere per il clan di trafficanti

 
indagini della gdf
Andria, scoperti in azienda 12 lavoratori in nero: 6 con il reddito di cittadinanza

Andria, scoperti in azienda 12 lavoratori in nero: 6 con il reddito di cittadinanza

 
indagini dei CC
Barletta, preso specialista dello «strappa e fuggi» agli anziani: 12 scippi in due anni

Barletta, preso specialista dello «strappa e fuggi» agli anziani: 12 scippi in due anni

 
Il caso
Covid 19 a Barletta, troppe salme in attesa al cimitero: il Comune lo chiude

Covid 19 a Barletta, troppe salme in attesa al cimitero: il Comune lo chiude

 
Operazione Gdf
Canosa, preso corriere albanese: aveva 2,3 chili di cocaina

Canosa, preso corriere albanese: aveva 2,3 chili di cocaina

 
A Barletta
Natale al tempo del Covid 19, Boccia: «Con 700 morti al giorno è fuori luogo parlare di cenoni»

Natale col Covid, Boccia: «Con 700 morti al giorno fuori luogo parlare di cenoni. Aree provinciali? Non cambia»

 
#uscirnesipuo
Covid 19, l'iniziativa a Barletta con le poltrone profumate di solidarietà

Covid 19, l'iniziativa a Barletta con le poltrone profumate di solidarietà

 
Il virus
Covid 19 a Barletta, ospedale da campo quasi pronto: in arrivo Boccia e Borrelli

Covid 19 a Barletta, ospedale da campo quasi pronto: in arrivo Boccia e Borrelli

 
stato di abbandono
Trani, incertezze e crolli in serie: la Lampara affonda ancora

Trani, incertezze e crolli in serie: la Lampara affonda ancora

 

Il Biancorosso

25 novembre
Bari calcio, videospot dei biancorossi contro violenza sulle donne

Bari calcio, videospot dei biancorossi contro violenza sulle donne

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatAveva 79 anni
Covid, morto ad Andria Rettore Santuario SS. Salvatore

Covid, morto ad Andria ex rettore Santuario SS. Salvatore

 
LecceSalento
Presicce, sigilli a depuratore: convertito senza autorizzazione

Presicce, sigilli a depuratore: convertito senza autorizzazione

 
Covid news h 24l'appello
Covid in Basilicata, governatore chiede ad Arcuri screening di massa

Covid in Basilicata, governatore chiede ad Arcuri screening di massa

 
Tarantoagricoltura
Taranto, crisi settore clementine: cambiamenti climatici hanno inciso sulla produzione

Taranto, crisi settore clementine: cambiamenti climatici hanno inciso sulla produzione

 
Covid news h 24sanità
Altamura, completata riconversione ospedale: guariti e dimessi i primi 12 pazienti dall’area Covid

Altamura, completata riconversione ospedale: guariti e dimessi i primi 12 pazienti dall’area Covid

 
Brindisiindagini dei CC
Oria, ricercato da aprile, si era nascosto in un «bunker» per sfuggire alla cattura: arrestato 46enne

Oria, ricercato da aprile, si era nascosto in un «bunker» per sfuggire alla cattura: arrestato 46enne

 
Matera25 novembre
Basilicata, in aumento i reati di genere: soprattutto maltrattamenti e violenze sessuali

Basilicata, in aumento i reati di genere: soprattutto maltrattamenti e violenze sessuali

 

i più letti

l'intervista

Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

Don Fortunato Di Noto, fondatore dell'Associazione e dell'Osservatorio Meter, lancia l’allarme dopo la denuncia di due giovani della Bat

Torino, Pedopornografia, un leccese tra i 50 indagati

BARLETTA - «È inutile nascondere che ci troviamo innanzi ad una emergenza educativa per quello che attiene alle digitalizzazione sessuale del corpo. Tutte le fasce della società sono a rischio».

E come sempre diretto don Fortunato Di Noto fondatore dell'Associazione e dell'Osservatorio Meter da sempre in prima linea per la lotta contro la  pedofilia  e la tutela dell'infanzia  in Italia e nel mondo. Dopo i recenti fatti di cronaca legati ad una chat di whatsapp pedopornografica che ha visto finire nei guai un ventenne barlettano e un minore andriese gli abbiamo chiesto alcune considerazioni in merito a questa piaga mondiale.

«Mi sembra importante sottolineare che le denunce si stanno facendo tuttavia è necessario sottolineare che questi fenomeni si stanno sviluppando sempre di più attraverso varie piattaforme social che permettono la possibilità di poter scambiare materiale e non solo materiale per adescare i minori con tutte le conseguenze annesse e connesse - ha precisato don Fortunato -. A questo devo aggiungere che alla luce dell'attento monitoraggio che effettuiamo con il nostro Osservatorio Meter (https://www.associazionemeter.org/) riscontriamo che le segnalazioni sono aumentate tantissimo più del 50% tanto durante il lockdown che fuori dal periodo. Incremento vertiginoso che delinea quanto l'orizzonte della pedopornografia e della pedofilia si sia spostato».

E poi: «Quello che forse sta venendo a mancare è un'attenta ma anche programmata campagna informativa riguardo questi problemi. Se ne dovrebbe parlare di più da parte da parte delle agenzie educative e sopratutto dovrebbe rientrare nel programma di un Governo. Ho visto che c'è il programma del Dipartimento Famiglia ma sono solo quattro righe e finisce tutto là».

Analizzando il perimetro del problema, aggiunge: «Stiamo parlando di un fenomeno estremamente grave, globale e trasversale. Non vi è alcun contesto sociale che si salva. Nessuno è immune e può dire che la mia famiglia, la mia città, la mia scuola, la mia parrocchia è esclusa. Siamo tutti ad alto rischio».

«Quando avviene su minori è importante capire il contesto per operare al meglio. Sono ferite permanenti. Mi preme far passare il concetto che la digitazione sessuale del corpo non è un gioco. Indagare sulle cause è fondamentale ben consci che tutto questo ha delle ripercussioni per tutta la vita. A parer mio, sulla scorta di una esperienza trentennale, è una vera e propria emergenza educativa che non possiamo sottacere. Abbiamo oggi tanti bambini orfani con genitori vivi. Vi è un problema legato al patto educativo che anche Papa Francesco ne ha parlato in una esortazione. I genitori devono fare seriamente i genitori. Bisogna curare una relazione educativa sin dal grembo materno. Deve essere costante e perdurante sapendo che ci sono agenti esterni come quelli della pedopornografia che vanno a sfaldare questi legami», ha precisato.

La conclusione: «Per arginare tutto questo è molto importante che ognuno si assuma la propria responsabilità. La scuola, per come è composta, si può impegnare con progetti mirati e ad educare consapevolmente all'utilizzo del web e a far sì che anche l’educazione affettiva sia fatta con programmi equilibrati seri e non ideologici. Alla famiglia che si trova in questo tunnel dico sempre e comunque denunciare ma mai colpevolizzare chi è caduto in questa trappola. E quindi nessuna stigma. Del resto un minore che si trova in quelle situazioni perché vi sono tante motivazioni che lo hanno indotto e condotto anche di omesso controllo da parte dei genitori e disattenzioni varie. Purtroppo molti ragazzi non hanno più punti di riferimento certi dove trovare sicurezza. Mi preme ribadire l'appello ai genitori di svolgere il loro dovere con grande attenzione e e consapevolezza».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie