Domenica 27 Settembre 2020 | 08:14

NEWS DALLA SEZIONE

post voto
Andria, anche sui social il «ballottaggio» Pd-M5s

Andria, anche sui social il «ballottaggio» Pd-M5s

 
il bel gesto
Bisceglie, eseguito l’espianto di 5 organi grazie a una famiglia di Corato

Bisceglie, eseguito l’espianto di 5 organi grazie a una famiglia di Corato

 
ambiente
Andria capannone incendiato, Arpa Puglia: «In corso indagini per definire inquinamento provocato»

Andria capannone incendiato, Arpa Puglia: «In corso indagini per definire inquinamento provocato»

 
la novità
Andria, inaugurato impianto biogas tra i primi in Europa

Andria, inaugurato impianto biogas tra i primi in Europa

 
verso il ballottaggio
Di Maio ad Andria: «Grazie alla Puglia. Referendum, qi il 75% ha votato Sì»

Di Maio ad Andria: «Grazie alla Puglia. Referendum, qi il 75% ha votato Sì»

 
Al Cafiero
Barletta, studente positivo: chiuso per due giorni liceo scientifico

Barletta, studente positivo al Covid: chiuso per due giorni liceo scientifico

 
post voto
Trani, con il Bottaro bis ecco il nuovo consiglio comunale

Trani, con il Bottaro bis ecco il nuovo consiglio comunale

 
Il contagio
Barletta docenti positivi al Covid: restano chiuse due elementari e una media

Barletta docenti positivi al Covid: restano chiuse due elementari e una media

 
Ambiente
Barletta, giovani volontari con impegno ripuliscono tutta la città

Barletta, giovani volontari con impegno ripuliscono tutta la città

 
Lavori pubblici
Bisceglie, manutenzione del Ponte Lama: arrivano 5 milioni

Bisceglie, manutenzione del Ponte Lama: arrivano 5 milioni

 

Il Biancorosso

Serie C
bari calcio, mister Auteri: « A Francavilla imporremo nostro gioco»

Bari calcio, mister Auteri: « A Francavilla imporremo nostro gioco»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Materaturiste minorenni violentate
Stupro a Marconia, al via incidente probatorio: una delle vittime ha riconosciuto i 4 indagati

Stupro a Marconia, al via incidente probatorio: una delle vittime ha riconosciuto i 4 indagati

 
BariIl caso
Bari, il lungomare di Santo Spirito è al buio da 2 giorni: l'allarme dei cittadini

Bari, il lungomare di Santo Spirito è al buio da 2 giorni: l'allarme dei cittadini

 
PotenzaIl virus
Coronavirus in Basilicata, 4 nuovi positivi a Potenza: tutti della stessa famiglia

Coronavirus in Basilicata, 4 nuovi positivi a Potenza: tutti della stessa famiglia

 
TarantoA Torre Ovo
Taranto, marito e moglie entrambi poliziotti salvano anziano dalla furia del mare

Taranto, marito e moglie entrambi poliziotti salvano anziano dalla furia del mare

 
BrindisiA Punta della Contessa
Brindisi, allarme morìa di pesci, l’Arpa: «Cause naturali»

Brindisi, allarme morìa di pesci, l’Arpa: «Cause naturali»

 
LecceControlli dei CC
Poggiadro, coppia di pusher nascondevano in casa cocaina e marijuana: due in manette

Poggiardo, coppia di pusher nascondeva in casa cocaina e marijuana: arrestati

 
GdM.TVTragedia sfiorata
Foggia, auto contro carro-attrezzi sulla SS16: ferita donna, trasportata in elisoccorso

Foggia, auto contro carro-attrezzi sulla SS16: ferita donna, trasportata in elisoccorso

 

i più letti

EMERGENZA ABITATIVA

Trani, casa occupata di via Olanda assegnata dal Comune

È l’appartamento, ora libero, di una palazzina popolare che fino a giugno 2018 era occupato da un anziano, poi «sfrattato» da altri abusivi

Trani, casa occupata assegnata dal Comune

Trani - La casa del nonnetto assegnata in via ufficiale all’occupatore seriale di immobili del Comune. Si chiude così nella maniera più inattesa, ma forse allo stesso tempo più logica, il cerchio di due storie che avevano caratterizzato l’emergenza abitativa in città negli ultimi anni.

Siamo in via Olanda e l’appartamento si trova al terzo piano di una palazzina popolare. Al suo interno, fino al 20 giugno 2018, aveva vissuto un anziano il quale, dopo essere finito in ospedale, si vide la casa occupata abusivamente da una famiglia disagiata. L’appartamento restò a lungo in mano agli abusivi, che poi furono fatti sgomberare il 22 novembre 2018 solo a seguito dell’intervento della forza pubblica, impiegando un centinaio di operatori.

Nel frattempo, però, l’uomo aveva rinunciato al suo diritto e, da lì a poco, addirittura morì. L’Arca fece blindare l’appartamento nell’attesa dell’assegnazione al primo beneficiario utile in graduatoria. Lo scorso anno se ne evitò in tempo una nuova occupazione abusiva dopo che ignoti avevano già dissaldato i sigilli con la fiamma ossidrica.

Parallelamente, e già alcuni anni prima, aveva preso forma la figura del capofamiglia di un nucleo formato da ben cinque minori. I sette avevano occupato per due volte la casa natale di Giovanni Bovio (prima al primo piano e poi al piano terreno), poi la casa del custode della scuola media Bovio ed infine - e tuttora - la casa del custode della scuola elementare Papa Giovanni XXIII, chiusa da un anno e mezzo per pericolo di crollo.

A cavallo fra fine 2019 ed inizio 2020 il Comune di Trani aveva emanato due indagini di mercato per l’individuazione di un immobile in locazione passiva ad uso abitazione privata, che sarebbe stata utilizzata proprio da quella famiglia.
Nessuno però ha mai risposto a quel doppio bando ed a quel punto il dirigente del Settore servizi sociali, Alessandro Attolico, ha inviato una richiesta di disponibilità di un immobile per uso abitativo all’Agenzia del demanio di Puglia e Basilicata, alla Regione Puglia, alla Provincia Bat, senza ottenere alcun riscontro.

Poi, però, si è fatta avanti l’Arca Puglia sollecitando il Comune di Trani all’assegnazione dell’alloggio rimasto libero in via Olanda e dandone comunicazione alla stessa agenzia: da qui la decisione di assegnare proprio quell’alloggio alla famiglia in questione.
Il giudice minorile aveva da tempo confermato l’affidamento dei minori al Servizio sociale di Trani, disponendo il collocamento dei cinque figli, tutti minori, insieme con la madre, presso idonea struttura, ma che tale collocamento cessasse immediatamente in caso di reperimento di idonea abitazione.

Secondo quanto ricostruito dalla giunta comunale prima dell’emanazione dei due bandi andati deserti, «la situazione economica del nucleo familiare non consente allo stesso di reperire una soluzione abitativa in autonomia».
Inoltre, e soprattutto, «si è verificata nel tempo l’impossibilità di accogliere il nucleo familiare da parte della rete familiare - si legge nella delibera dell’esecutivo - e l’eventuale allontanamento della prole, ed in particolare del minore con disabilità, dalle figure genitoriali potrebbe essere dannoso per tutti i minori».

Peraltro, il servizio affidatario ha sempre cercato di supportare il nucleo familiare con i mezzi a disposizione, «ma la eventuale collocazione dei minori assieme alla madre, se disponibile, in struttura protetta, in assenza di indicazioni temporali, rappresenterebbe un notevole e gravoso esborso economico per l’amministrazione comunale - si legge nel provvedimento -, in considerazione delle tariffe regionali per l’accoglienza da parte delle comunità».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie