Domenica 12 Luglio 2020 | 11:17

NEWS DALLA SEZIONE

Ambiente
Barletta, «Illegalità diffusa sul fiume Ofanto»

Barletta, «Illegalità diffusa sul fiume Ofanto»

 
Incidente ferroviario
Andria, quattro anni di dolore in attesa della sentenza

Nordbarese: 4 anni fa lo scontro fra treni, il dolore e l'attesa per la sentenza

 
Musica
Piero Pelù torna in Puglia per Battiti Live: immortalato ai piedi di Castel Del Monte

Piero Pelù torna in Puglia per Battiti Live: immortalato ai piedi di Castel Del Monte

 
Comunali
Andria, il M5s punta su Coratella

Andria, il Movimento 5 Stelle punta su Coratella

 
Beni storici
Canosa, chiesetta di Sant'Antonio da salvare

Canosa, la chiesetta di Sant'Antonio da salvare

 
Nella Bat
Trinitapoli, scoperta maxi piantagione ci cannabis con oltre 3400 piante

Trinitapoli, scoperta maxi piantagione di cannabis con oltre 3400 piante

 
la decisione
Barletta, si dimette il vicesindaco Lanotte: si candida alla Regionali

Barletta, si dimette il vicesindaco Lanotte: si candida alla Regionali

 
Verso il voto
Andria, centrodestra unito con Scamarcio

Comunali Andria, centrodestra unito con Scamarcio

 
Controlli polizia ferroviaria
Trani, sottrae da un vagone del treno martelletti frangivetro: denunciato 17enne insospettabile

Trani, sottrae da un vagone del treno martelletti frangivetro: denunciato 17enne insospettabile

 
nella bat
Trani, minacce ed estorsioni ai genitori per comprare alcol: arrestato 50enne

Trani, minacce ed estorsioni ai genitori per comprare alcol: arrestato 50enne

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il giorno più lungo. «Pronti a fare la storia»

Bari, il giorno più lungo. «Pronti a fare la storia»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Brindisinel Brindisino
Marijuana e hashish in casa: arrestato 46enne a S.Vito dei Normanni

Marijuana e hashish in casa: arrestato 46enne a S.Vito dei Normanni

 
MateraManutenzione
Matera, la vasca della Villa non più una palude

Matera, la vasca della Villa non più una palude

 
PotenzaCentro storico
Potenza, tavoli e locali all’aperto . La piazza rivive causa Covid

Potenza, tavoli e locali all’aperto. La piazza rivive dopo il Covid

 
TarantoTrasporti
Taranto, tornano i container e il porto si rianima

Taranto, tornano i container e il porto si rianima

 
Lecceil caso in salento
Otranto, «È un lupo oppure un cane inselvatichico?. Di certo è aggressivo e va preso quanto prima»

«È un lupo o un cane inselvatichito? Di certo è aggressivo e va preso quanto prima»: parla l'esperto

 
BariIl caso
«Quell’uomo sui monti era Pietro»

«Quell’uomo sui monti era Pietro»: presunto avvistamento di un uomo scomparso nel Barese un anno fa

 
BatAmbiente
Barletta, «Illegalità diffusa sul fiume Ofanto»

Barletta, «Illegalità diffusa sul fiume Ofanto»

 
FoggiaSolidarietà
S. Severo, un fondo di solidarietà della Diocesi: da 400 a 700 euro per chi è in crisi

San Severo, un fondo di solidarietà della Diocesi: da 400 a 700 euro per chi è in crisi

 

i più letti

la decisione

Scontro treni Puglia, Cassazione conferma ricusazione giudici

L’aggettivo «inaffidabile - attribuito dal collegio ricusato alla società nel provvedimento con il quale citava la Regione Puglia come responsabile civile - avrebbe vulnerato l’imparzialità del Tribunale»

incidente ferroviario Bari Nord

l'immagine della tragedia

La Cassazione ha confermato la ricusazione dei giudici del Tribunale di Trani nel processo per il disastro ferroviario che il 12 luglio 2016, sulla tratta tra Andria e Corato, causò la morte di 23 persone e il ferimento di altri 51 passeggeri. La quinta sezione penale della Suprema Corte ha dichiarato inammissibile il ricorso di alcune parti civili, assistite dagli avvocati Andrea Moreno e Giuseppe Modesti, contro il provvedimento della Corte di Appello di Bari che nel giugno scorso aveva accolto la richiesta di ricusazione della società Ferrotramviaria, difesa dagli avvocati Michele Laforgia (Polis Avvocati) e Tullio Bertolino, condannando alle spese i ricorrenti. Stando alla decisione dei giudici baresi, confermata oggi dalla Cassazione, l’aggettivo «inaffidabile" attribuito dal collegio ricusato alla società nel provvedimento con il quale citava la Regione Puglia come responsabile civile "avrebbe vulnerato l’imparzialità del Tribunale», costituendo "una irrituale ed illegittima anticipazione del giudizio in ordine alla responsabilità dell’ente».

Nel processo in corso a Trani dinanzi ad un nuovo collegio di giudici (prossima udienza l’11 dicembre) sono imputate la società Ferrotramviaria e 17 persone fisiche, dipendenti e dirigenti dell’azienda pugliese di trasporti e del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, accusate, a vario titolo, di disastro ferroviario, omicidio colposo, lesioni gravi colpose, omissione dolosa di cautele e violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro. Sono costituiti parti civili i familiari delle vittime, i Comuni di Andria, Corato e Ruvo di Puglia, diverse associazioni e la Regione Puglia, citata anche come responsabile civile insieme con Ferrotramviaria e con il Mit.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie