Lunedì 16 Settembre 2019 | 08:17

NEWS DALLA SEZIONE

La lite
Barletta, rissa tra ubriachi: uomo ferito con un fendente. Non è grave

Barletta, rissa tra ubriachi: uomo ferito con un fendente. Non è grave

 
La difesa
Andria, ucciso per mancata precedenza, il presunto killer: «Si è scagliato e ha urtato il coltellino»

Andria, ucciso per mancata precedenza, il presunto killer: «Si è scagliato e ha urtato il coltellino»

 
Nel nordbarese
Barletta, 17enne con marijuana e cocaina in casa: arrestato

Barletta, 17enne con marijuana e cocaina in casa: arrestato

 
Nel Nordbarese
Andria, nega precedenza e viene accoltellato davanti a moglie e figlia: muore 28enne

Andria, nega precedenza, muore accoltellato davanti a moglie e figlio Fermato 50enne

 
Il campione
Mennea, a 40 anni dal record i numeri e le curiosità sul barlettano che ha cambiato la storia della corsa

Mennea, a 40 anni dal record i numeri e le curiosità sul barlettano

 
Giustizia svenduta
Trani, magistrati arrestati: anche Nardi pronto a dire la sua verità

Trani, magistrati arrestati: anche Nardi pronto a dire la sua verità

 
L'inchiesta continua
Trani, «Giustizia svenduta»: ora Stato e Avvocatura chiedono i danni

Trani, «Giustizia svenduta»: ora Stato e Avvocatura chiedono i danni

 
Il caso
Margherita di Savoia, rete da pesca a strascico in mare per sfuggire ai controlli: recuperata

Margherita di Savoia, rete da pesca a strascico in mare per sfuggire ai controlli: recuperata

 
Il braccio di ferro
Trani, vertenza Piramide: via al braccio di ferro, preoccupazione per i dipendenti

Trani, vertenza Piramide: via al braccio di ferro, preoccupazione per i dipendenti

 

Il Biancorosso

Serie C
Il nuovo Bari ricomincia da tre

Il nuovo Bari ricomincia da tre

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeIncidente stradale
Massafra, perde il controllo della moto e si schianta: morto 48enne

Massafra, perde il controllo della moto e si schianta: morto 48enne

 
BrindisiL'omicidio
Brindisi, 19enne ucciso con 3 colpi alla testa: domani i funerali

Brindisi, 19enne ucciso con 3 colpi alla testa: domani i funerali

 
BatLa lite
Barletta, rissa tra ubriachi: uomo ferito con un fendente. Non è grave

Barletta, rissa tra ubriachi: uomo ferito con un fendente. Non è grave

 
BariAlla Campionaria
Bagno di folla per Ezio Bosso a Bari: sala gremita per il Maestro

Bagno di folla per Ezio Bosso a Bari: «Non posso suonare, smettete di chiedermelo»

 
Foggiai roghi
Incendio a lago Salso nel Foggiano, distrutti ettari di canneto

Incendio a lago Salso nel Foggiano, distrutti ettari di canneto. Fiamme anche a Torre Colimena, nel Tarantino

 
LecceSulla circonvallazione
Lecce, incendia il negozio attiguo al suo bar ormai chiuso: arrestato 57enne

Lecce, incendia il negozio attiguo al suo bar ormai chiuso: arrestato 57enne

 
PotenzaA reggio emilia
La birra è troppo fredda, 39enne del Potentino tenta di strangolare una barista

La birra è troppo fredda, 39enne del Potentino tenta di strangolare una barista

 
MateraNel Materano
Craco, pochi alunni: accorpate classi di medie ed elementari, protesta dei genitori

Craco, pochi alunni: accorpate classi di medie ed elementari, protesta dei genitori

 

i più letti

L'iniziativa

Nautica, a Bisceglie arriva il «Museo galleggiante in mare»

La struttura inventata da Mimmo Cormio ponte fra il futuro e il passato della nautica

Nautica, a Bisceglie arriva il «Museo galleggiante in mare»

BISCEGLIE - Di ogni imbarcazione, dopo tante miglia di navigazione e di imprese in mare, vi è una storia da raccontare, che ha per protagonisti armatori, maestri d’ascia, pescatori. Un patrimonio culturale da non sottovalutare, anzi da sfruttare livello turistico. A Bisceglie, infatti, è nato un Museo Nautico galleggiante, da un’idea di Mimmo Cormio, fondatore del Movimento culturale «Iologico».

Si tratta di un’area portuale, nell’ambito della darsena gestita dalla società «Bisceglie Approdi», dove le barche storiche vengono accolte con condizioni vantaggiose per favorirne l’affluenza. «L’attuale quantità di barche attraccate, seppur modesta, si è già rivelata un eccellente richiamo di appassionati e visitatori - spiega Cormio - arrecando giovamento alla restante offerta turistica e culturale del territorio». Ma le motivazioni del progetto, in realtà sono anche altre, di natura più profonda. «La più sentita è quella di dare un futuro ad un passato che profuma di mare, sottraendo all’oblio ciò che il mondo considera oggetti da collezionismo d’élite, ignorando che si tratta di legni che raccontano un’epoca, ci parlano di persone e antichi mestieri - dice il promotore - il Museo Nautico galleggiante è una realtà dinamica e viva dove le barche non sono semplicemente messe in bella mostra, ma sono impiegate per vivere percorsi esperienziali di marineria, eventi culturali d’ogni genere e per tutte le età». Nel Largo Porta di mare n. 3, che si affaccia sul porto di Bisceglie, ha sede il Movimento associativo. Col Museo galleggiante si entra tra le peculiarità del territorio e di chi lo popola. In questa visione le barche fungono da punto di partenza per arrivare a parlare di persone attraverso le quali valorizzare un modello sociale sostenibile e da recuperare dal passato.

“A tal fine abbiamo realizzato una raccolta fondi denominata ‘L’imbarco dei mille’ che ci permetterà di restaurare uno dei rari gozzi di legno che furono creati dal compianto maestro d’ascia Felice Pignatelli nel suo storico cantiere di Bisceglie – spiega con entusiasmo Cormio – la barca l’abbiamo chiamata ‘Grazie mille’ e la raccolta fondi le ha già procurato una considerevole notorietà, purtroppo il cantiere che era un museo all’aperto è stato chiuso dalla burocrazia ed è per noi un importante punto di partenza per avviare una pacifica rivoluzione culturale, per ora abbiamo fatto breccia nel cuore dei tanti partecipanti, ci auguriamo di sensibilizzare maggiormente le istituzioni. Intanto molti stanno riscoprendo il valore e il piacere di navigare su una barca con l’anima, un pezzo unico al mondo ottenuto attraverso la valorizzazione dell’esistente e con la possibilità di aggiungere, a quella preesistente, una personale pagina di storia”.
Il Movimento “Iologico”, inoltre, si sta prodigando per creare una sezione museale della carpenteria navale, non assoggettata alle regole del cantiere, per avviare dei restauri partecipati. “In Italia esistono altre realtà impegnate nella salvaguardia del patrimonio storico galleggiante con le quali stiamo costruendo un ponte culturale, tra queste ci sono il Museo della Marineria di Cesenatico, la Vela tradizionale di La Spezia e le Officine Maremosso di Taranto – conclude il presidente Cormio – ma per ora vi aspettiamo a bordo”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie