Lunedì 25 Gennaio 2021 | 21:55

NEWS DALLA SEZIONE

viabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 
L'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 
Nella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
Il caso
Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

 
sanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
La disgrazia
Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni una transessuale vittima di insulti

 
Maltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
emergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
nel Barese
Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

 
Nella Bat
Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

 

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccela polemica
Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

 
Tarantopiano industriale
Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

 
Homela tragedia
Bari, bambino di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipoitizza suicidio

Bari, bimbo di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipotizza suicidio. Gioco online? «Non sappiamo»

 
FoggiaLa decisione
Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

 
Potenzamaltempo
Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

 
Materanel Materano
Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

 
Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 

i più letti

Arte e cultura

Lectio Magistralis di Zecchino su Federico II

Oggi e domani a Castel Del Monte si parla delle Costituzioni di Melfi

Lectio Magistralis di Zecchino su Federico II

Due prestigiosi approfondimenti, nell’ambito della mostra “Il potere dell’armonia. Federico II e il De Arte venandi cum avibus” in corso a Castel del Monte si terranno, sempre nel maniero federiciano oggi 4 e domani 5 aprile, su iniziativa de “Il Cigno GG Edizioni” e “Novapulia”.
“Federico II e le Costituzioni di Melfi. La sponda giuridica” è il titolo della lectio magistralis che Ortensio Zecchino, terrà oggi alle 16.30, presidente del Centro Europeo di Studi Normanni, che è stato curatore della mostra allestita a Castel del Monte e autore delle fotografie in esposizione.


Zecchino illustrerà “Le Costituzioni di Melfi”, volute da Federico II per disciplinare la vita istituzionale e sociale del Regno di Sicilia, furono promulgate nell’agosto del 1231 dall'imperatore svevo nella città di Melfi e raccolte nel Liber Augustalis. Il codice legislativo, fondato sul diritto romano e normanno, è considerato tra le più grandi opere della storia del diritto. Prevedeva infatti la realizzazione di uno Stato centralizzato, burocratico e tendenzialmente livellatore, con caratteristiche che gli storici hanno reputato “moderne”.


«È il primo testo legislativo scritto, dopo il crollo dell’impero romano, emanato da un legislatore laico – spiega il prof. Zecchino -. Non a caso è riconosciuto come il più grande monumento legislativo laico del Medioevo, pietra miliare della cultura politico-giuridica occidentale. È un testo molto importante perché pone le basi della sovranità, sulle quali si svilupperanno le ideologie che porteranno allo Stato moderno. Non solo. È importante perché affronta tutti gli aspetti fondamentali della vita concreta del regno meridionale”. Un vero capolavoro giuridico.


“Il testo costituzionale di Federico II contiene norme dettagliatissime in tema di istruzione, sanità, università, difesa delle donne: ha gettato così le basi di uno Stato “moderno” in grado di acquisire la pienezza delle sue funzioni, capace di ricomporre all’unità nella sovranità dello Stato. Dopo questa Costituzione, purtroppo, è seguito un lungo periodo di regresso”.
Venerdì 5 aprile alle 11 sarà Anna Laura Trombetti Budriesi, ordinaria di storia medievale all’Università di Bologna “Alma Mater Studiorum” e massima specialista del trattato “De Arte venandi cum avibus”, avendone curato l’edizione critica e la prima traduzione completa in italiano, che discuterà di “Federico II, la vita e il manoscritto del De Arte”. Trombetti ha realizzato l’apparato scientifico su cui si snoda la mostra, ancora allestita a Castel del Monte.


Anna Laura Trombetti presenterà i momenti fondamentali della vita e dell’azione politica di Federico II, per soffermarsi  quindi  sul trattato di falconeria “De arte venandi cum avibus” e sulla sua tradizione manoscritta descrivendo i due codici più antichi che recano la versione del trattato in due libri (miniati), che si deve al figlio Manfredi e quella in sei libri   che si deve al figlio Enzo, prigioniero nella Bologna guelfa tra il 1249 e il 1273.
Trombetti, inoltre, tratterà delle qualità del perfetto falconiere a partire dal trattato arabo di falconeria  “Al Bayzara” (X secolo, Egitto),  passando per il Dancus rex (scritto in Sicilia durante il regno di Ruggero II),  per finire con il Libro del falcone, opera in versi del capo militare e padre della lingua pashtu, l'afghano Khushal Khan Khattak (1613-1689), mettendo il luce analogie e  differenze con il trattato federiciano. Alle due lectio magistralis si può accedere solo con invito, che può essere richiesto, fino ad esaurimento dei posti, inviando una mail a redazione@ilcigno.org. L’ingresso è gratuito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie