Domenica 21 Aprile 2019 | 23:04

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
BariL'analisi
Bari, La Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

Bari, la Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

 
LecceIl caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 

La tecnica innovativa

Barletta, 75enne operata al ginocchio con «cemento biologico»

La donna è stata dimessa dopo due giorni e già può camminare

Barletta, feto soffocatodal cordone: tutti assolti

All’ospedale Dimiccoli di Barletta, all’interno dell’unità operativa di Ortopedia diretta dal dottor Rocco Colasuonno, è stato effettuato il primo intervento in Puglia (tra i primi nell’Italia meridionale) di cura dell’artrosi dolorosa del ginocchio con subchondroplastica, chiamata anche «cemento biologico». A beneficiarne una donna di 75 anni: due giorni dopo l’intervento la donna è stata dimessa, deambula correttamente ed è già a casa.
«Si tratta di una tecnica chirurgica mininvasiva, da utilizzare in casi selezionati, che evita l’intervento di protesi del ginocchio quando non è necessario – dice Rocco Colasuonno, il medico che ha effettuato l’intervento - la subchondroplastica consiste in un trattamento mininvasivo con il quale viene iniettato nella zona ossea infiammata un cemento osseo naturale, biologico, (Ca/P altamente poroso in forma nanocristallina). Tale procedura rinforza l’osso che diventa più resistente alle sollecitazioni meccaniche, riduce l’infiammazione e il dolore in maniera molto più rapida rispetto ai trattamenti tradizionali (farmaci, bifosfonati, magnetoterapia/ ecc.), facendo diminuire quindi anche il numero di pazienti che vengono avviati ad un trattamento protesico. Si tratta infatti di una procedura generalmente utilizzata in pazienti che altrimenti sarebbero sottoposti a protesi di ginocchio, ma il cui dolore è legato all’edema osseo e non realmente a una patologia artrosica».

In Italia, ogni anno, vengono effettuati più di 100.000 interventi chirurgici per l’artrosi dolorosa al ginocchio, ma non sempre una gonartrosi necessita di un intervento di protesi al ginocchio: ci sono svariate situazioni in cui il paziente, pur in assenza di segni radiografici di grave artrosi, lamenta una sintomatologia dolorosa violenta. In questi casi la risonanza magnetica consente di evidenziare una ampia zona di edema osseo nella zona immediatamente sottostante la cartilagine che riduce le capacità di resistenza meccanica dell’osso e che quindi scatena il dolore quando il paziente assume la posizione eretta o deambula.
Questa metodica che utilizza il “cemento biologico” è di recente introduzione: in America settentrionale sono già arrivati a trattare circa ottomila pazienti, in Gran Bretagna sono stati fatti i primi due interventi europei mentre in Italia, a Milano, nell’aprile del 2018 si sono effettuate le prime applicazioni. In Puglia, il primo intervento è stato effettuato all’ospedale Dimiccoli di Barletta mentre la clinica Ortopedica del Policlinico di Bari diretta dal Prof. B.Moretti, con la quale la Asl Bt condivide diverse iniziative, ha intrapreso uno studio di fattibilità e selezione dei pazienti per l’estensione della metodica anche in altri distretti articolari.


«Questo intervento rappresenta una via di mezzo tra il trattamento conservativo e quello chirurgico vero e proprio – continua Colasuonno - ed ha il vantaggio di essere una procedura che, come dicono gli inglesi, “doesn’t burn any bridge”, cioè se non funziona lascia aperta la possibilità dell’intervento di protesi».
«Siamo davvero molto soddisfatti del risultato raggiunto – dice Alessandro Delle Donne, Direttore Generale Asl Bt – grazie al lavoro di squadra, alla collaborazione attiva tra diverse unità operative e le aree amministrative, alla passione degli operatori è possibile sperimentare metodiche nuove che permettono ai nostri cittadini utenti di ricevere a pochi passi da casa la risposta di salute di cui hanno bisogno».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400