Lunedì 25 Gennaio 2021 | 19:20

NEWS DALLA SEZIONE

viabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 
L'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 
Nella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
Il caso
Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

 
sanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
La disgrazia
Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni una transessuale vittima di insulti

 
Maltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
emergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
nel Barese
Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

 
Nella Bat
Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

 

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantopiano industriale
Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

 
Homela tragedia
Bari, bambino di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipoitizza suicidio

Bari, bimbo di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipotizza suicidio

 
FoggiaLa decisione
Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

 
Potenzamaltempo
Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

 
LecceL'iniziativa
«Io Posso»: il progetto solidale salentino compie 6 anni e festeggia con una tombolata social

«Io Posso»: il progetto solidale salentino compie 6 anni e festeggia con una tombolata social

 
Materanel Materano
Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

 
Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 

i più letti

La tecnica innovativa

Barletta, 75enne operata al ginocchio con «cemento biologico»

La donna è stata dimessa dopo due giorni e già può camminare

Barletta, feto soffocatodal cordone: tutti assolti

All’ospedale Dimiccoli di Barletta, all’interno dell’unità operativa di Ortopedia diretta dal dottor Rocco Colasuonno, è stato effettuato il primo intervento in Puglia (tra i primi nell’Italia meridionale) di cura dell’artrosi dolorosa del ginocchio con subchondroplastica, chiamata anche «cemento biologico». A beneficiarne una donna di 75 anni: due giorni dopo l’intervento la donna è stata dimessa, deambula correttamente ed è già a casa.
«Si tratta di una tecnica chirurgica mininvasiva, da utilizzare in casi selezionati, che evita l’intervento di protesi del ginocchio quando non è necessario – dice Rocco Colasuonno, il medico che ha effettuato l’intervento - la subchondroplastica consiste in un trattamento mininvasivo con il quale viene iniettato nella zona ossea infiammata un cemento osseo naturale, biologico, (Ca/P altamente poroso in forma nanocristallina). Tale procedura rinforza l’osso che diventa più resistente alle sollecitazioni meccaniche, riduce l’infiammazione e il dolore in maniera molto più rapida rispetto ai trattamenti tradizionali (farmaci, bifosfonati, magnetoterapia/ ecc.), facendo diminuire quindi anche il numero di pazienti che vengono avviati ad un trattamento protesico. Si tratta infatti di una procedura generalmente utilizzata in pazienti che altrimenti sarebbero sottoposti a protesi di ginocchio, ma il cui dolore è legato all’edema osseo e non realmente a una patologia artrosica».

In Italia, ogni anno, vengono effettuati più di 100.000 interventi chirurgici per l’artrosi dolorosa al ginocchio, ma non sempre una gonartrosi necessita di un intervento di protesi al ginocchio: ci sono svariate situazioni in cui il paziente, pur in assenza di segni radiografici di grave artrosi, lamenta una sintomatologia dolorosa violenta. In questi casi la risonanza magnetica consente di evidenziare una ampia zona di edema osseo nella zona immediatamente sottostante la cartilagine che riduce le capacità di resistenza meccanica dell’osso e che quindi scatena il dolore quando il paziente assume la posizione eretta o deambula.
Questa metodica che utilizza il “cemento biologico” è di recente introduzione: in America settentrionale sono già arrivati a trattare circa ottomila pazienti, in Gran Bretagna sono stati fatti i primi due interventi europei mentre in Italia, a Milano, nell’aprile del 2018 si sono effettuate le prime applicazioni. In Puglia, il primo intervento è stato effettuato all’ospedale Dimiccoli di Barletta mentre la clinica Ortopedica del Policlinico di Bari diretta dal Prof. B.Moretti, con la quale la Asl Bt condivide diverse iniziative, ha intrapreso uno studio di fattibilità e selezione dei pazienti per l’estensione della metodica anche in altri distretti articolari.


«Questo intervento rappresenta una via di mezzo tra il trattamento conservativo e quello chirurgico vero e proprio – continua Colasuonno - ed ha il vantaggio di essere una procedura che, come dicono gli inglesi, “doesn’t burn any bridge”, cioè se non funziona lascia aperta la possibilità dell’intervento di protesi».
«Siamo davvero molto soddisfatti del risultato raggiunto – dice Alessandro Delle Donne, Direttore Generale Asl Bt – grazie al lavoro di squadra, alla collaborazione attiva tra diverse unità operative e le aree amministrative, alla passione degli operatori è possibile sperimentare metodiche nuove che permettono ai nostri cittadini utenti di ricevere a pochi passi da casa la risposta di salute di cui hanno bisogno».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie