Martedì 18 Dicembre 2018 | 13:45

NEWS DALLA SEZIONE

Agricoltura
Olivicoltura in ginocchio nel Nord Barese: «servono impegni extra»

Olivicoltura in ginocchio nel Nord Barese: «servono impegni extra»

 
Operazione dei cc
Controlli negli agriturismi della Murgia: sequestrati 500kg di prodotti, chiusa struttura ad Andria

Controlli in agriturismi Murgia: sequestrati 500kg di prodotti, chiusa una struttura

 
Multe per i trasgressori
Bisceglie, il sindaco: Capodanno senza botti

Bisceglie, il sindaco: Capodanno senza botti

 
viabilità
Canosa, ampliamento della SS93: l’appello: «Fate presto»

Canosa, ampliamento della SS93: l’appello: «Fate presto»

 
Trasporti in Puglia
Ferrotramviaria, da gennaio riapre la Ruvo-Corato, per Andria servono 2 anni

Ferrotramviaria, da gennaio riapre la Ruvo-Corato

 
A S.Ferdinando di Puglia
Sparato al volto mentre guida il suo tir: muore un 48enne campano, forse rapina

Gli sparano in faccia mentre guida: ucciso camionista nella Bat, forse rapina

 
Fucilazione tedesca
Mancato massacro del '43 a Trani, morto l'ultimo superstite

Mancato massacro del '43 a Trani, morto l'ultimo superstite

 
Il caso
Topo in ospedale a Bisceglie, il sindaco: «Bisogna approfondire»

Topo in ospedale a Bisceglie, il sindaco: «Bisogna approfondire»

 
I fatti dal 2012 al 2014
«Commissioni fantasma» a Trani: in sei a giudizio

«Commissioni fantasma» a Trani: in sei a giudizio

 
Non è imminente
Bisceglie, sfuma finanziamento per riqualificare la costa

Bisceglie, sfuma finanziamento per riqualificare la costa

 
l’inchiesta
Andria, sicurezza nei locali pubblici: sale l'attenzione

Andria, sicurezza nei locali pubblici: sale l'attenzione

 

Il sequestro

Canosa, bottega da falegnameria trasformata in «officina» della mala

All’interno l’insospettabile artigiano nascondeva armi, munizioni e droga

Canosa, bottega da falegnameria trasformata in «officina» della mala

CANOSA - Insospettabile artigiano con l’hobby delle armi. Che modificava, adattava, occultava e provava all’interno della sua bottega da falegname, un autentico «caravanserraglio» con mille cianfrusaglie. A pochi passi da Palazzo di città, in pieno centro cittadino.
L’artigiano, il 40enne Luigi Liuzzi, incensurato canosino, era noto per la passione per le armi in genere e, soprattutto, per la maestria nel modificare fucili e pistole che, grazie al suo certosino lavoro artigianale, da inoffensive riusciva a renderle funzionanti e, dunque, pronte a sparare proiettili veri e ad uccidere.
Nella sua falegnameria (ricavata in un locale a piano terra di via Varrone) i poliziotti del locale commissariato (ai comandi del vice questore aggiunto Raffaele Fiantanese) durante una mirata perquisizione hanno scoperto una vera e propria officina completa di strumentazione per alterare armi giocattolo in modo tale da renderle in grado di sparare.
Sono inoltre state rinvenute e sequestrate due pistole giocattolo già modificate (una a tamburo tipo revolver calibro 38, una replica «Beretta» marca «Bruni» completa di caricatore in calibro 7,65) ed un’altra pistola vera (una calibro 22 marca «Bernardelli») completa di caricatore e con un colpo già in canna era all’interno di un cassetto del bancone-lavoro.
Inoltre nella falegnameria sono stati trovati anche numerosi pezzi utilizzabili per modificare altre armi, 50 cartucce, alcuni silenziatori artigianali e pistole ad aria compressa maggiorate oltre la potenza consentita, un tornio artigianale per la lavorazione dell’acciaio perfettamente funzionante con residui di lavorazione recente, un tubo balistico e, in fondo al locale, era posizionato un bersaglio completo di paglia per testare le armi modificate.
Come se non bastasse in una cassettina di colore nero chiusa a chiave sono stati trovati anche due grossi involucri contenenti cocaina.
In altri angoli del locale, tra segatura, pezzi di legno e oggetti vari, erano state occultate numerose armi da taglio, tra cui alcuni maceti e balestre con dardi in acciaio.
Il 40enne canosino che ha dichiarato di non sapere come quelle armi fossero lì, dopo le formalità di rito è stato arrestato con le accuse di detenzione abusiva di munizioni e di armi non comuni, di ricettazione di armi clandestine e detenzione di stupefacenti. Dopo le formalità di rito, è stato trasferito nel carcere di Trani a disposizione del sostituto procuratore del Tribunale di Trani Marcello Catalano che ha coordinato l’attività dei poliziotti della squadra investigativa del commissariato.
Le pistole e le munizioni, invece, sono state poste sotto sequestro (così come l’intera bottega) per eventuali accertamenti tecnico-balistici che l’autorità giudiziaria vorrà disporre. Occorrerà verificare, per esempio, se quelle armi possano aver sparato in qualche circostanza.
Ma, al di là dell’attività investigativa, resta il fatto che luoghi insospettabili (come una falegnameria in questo caso) sono diventati nascondigli di numerose armi che, purtroppo, sono nella disponibilità di criminali senza scrupoli, pronti ad utilizzarle per compiere efferati reati. Occorrerà ora verificare se quelle armi possano aver sparato in qualche circostanza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400