Martedì 23 Aprile 2019 | 00:25

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa raccolta differenziata
Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

 
TarantoIl caso
Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

 
BrindisiMolestie in famiglia
Turturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

Tuturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

 
LecceA Ugento
Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

 
BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 

A Barletta

Arresto cardiaco durante la messa, prete salva parrocchiana

L'episodio, accaduto lo scorso marzo, è venuto alla luce solo ora che la signora, 70 anni, si è completamente ristabilita

Arresto cardiaco durante la messa, prete salva parrocchiana

Non è stato un gesto eroico, ma un’azione sicuramente importante e determinante per evitare gravi e spiacevole conseguenze per la vita di una signora. È l’episodio che ha coinvolto un prete, don Massimo Serio, viceparroco della Parrocchia di San Paolo Apostolo, autore di un’operazione di soccorso in chiesa ad una signora di circa 70 anni, colpita da arresto cardiaco durante la messa. L’accaduto è di quelli da raccontare non certo per clamore e visibilità quanto per testimoniare la provvidenzialità di un intervento non semplice, dove l’accortezza dei particolari e la conoscenza delle proprie azioni sono stati elementi utili e decisivi.
A raccontare l’accaduto è lo stesso don Massimo: «Era iniziata la Messa, si era all’atto penitenziale, stava celebrando don Rino (Caporusso, il parroco, ndr), io stavo confessando. In quel momento si è avvertito un trambusto. Sono uscito dal confessionale e ho visto un gruppo di fedeli intorno ad una signora che era a terra. Mi sono lanciato al soccorso. Insieme a me tra i fedeli c’erano due dottoresse. Subito ci siamo accorti che la signora era priva di conoscenza, con assenza di respiro e assenza di polso radiale e carotideo, e quindi mi sono prodigato a farle un massaggio cardiaco. Nel frattempo è stato chiamato il 118 che è giunto dopo dieci minuti. I soccorritori sono intervenuti. Sul posto hanno prestato le cure e stabilizzato la signora, trasportandola poi in ospedale». Andata via l’ambulanza, la messa è proseguita, non senza lo sconcerto e il dispiacere dei presenti per l’accaduto. Dall’altare, don Rino ha esortato i fedeli ad una preghiera speciale per la signora. All’ospedale, la signora è stata sottoposta agli interventi necessari per rianimarla, in quanto si è venuti a conoscenza che aveva subito ben tre infarti. E a proposito, si è saputo che il massaggio cardiaco praticato da don Massimo, per tutto il tempo sino all’arrivo dei soccorsi, ha evitato che le coronarie si occludessero definitivamente. Praticamente il viceparroco di San Paolo è stato determinante nel soccorso alla signora.
L’episodio è avvenuto lo scorso 10 marzo: lecito chiedersi come mai solo dopo sei mesi sia stato divulgato? «Sinceramente - spiega don Massimo - abbiamo voluto aspettare che la signora si ristabilisse in quanto è stata presso un centro di riabilitazione neuro e cardiologica. Non mi sembrava opportuno fare cassa di risonanza mentre la signora era alle prese con i problemi che derivano dall’aver subito tre infarti». Uscita definitivamente dalla convalescenza, la signora è tornata lo scorso 5 settembre in parrocchia per ringraziare don Massimo e la coincidenza ha voluto che l’incontro avvenisse nel terzo anniversario di sacerdozio del prete. Tornando all’episodio, probabilmente ad aiutare don Massimo nell’opera di soccorso è stata anche la conoscenza derivante dall’aver frequentato la facoltà di Medicina e chirurgia dell’università di Bari prima che scegliesse di diventare prete, oltre ad essere stato un soccorritore di Croce rossa per diversi anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400