Giovedì 04 Giugno 2020 | 13:26

NEWS DALLA SEZIONE

l'agguato
Trinitapoli, omicidio in via dei Mulini: 43enne freddato da colpi di pistola

Trinitapoli, ucciso con 3 colpi di pistola in pieno volto: forse guerra tra clan

 
dopo il lockdown
Bisceglie, appello ai turisti: «venite qui in vacanza»

Bisceglie, l'appello ai turisti: «Venite qui in vacanza»

 
nella bat
Bisceglie, 16enne picchiato in piazza durante una rissa: naso rotto, indagano i cc

Bisceglie, 16enne picchiato in piazza durante una rissa: naso rotto, indagano i cc

 
Nel Nord Barese
Trani porto

Trani, stop alla movida irresponsabile

 
Il caso
Rssa «Bilanzuoli» di Minervino

Minervino, anziani abbandonati: chiusa pure la Rsa «Bilanzuoli»

 
la scoperta della GdF
Gel «non igienizzante» venduto in tutta Italia: sequestri e denunce a Trani

Gel «non igienizzante» venduto in tutta Italia: sequestri e denunce a Trani

 
Cultura
Trani, ecco le idee per far rivivere il vecchio Conservatorio

Trani,ex Conservatorio: ecco le idee per farlo rivivere

 
LA PROTESTA
Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

Barletta Borgovilla, ancora chiuso il mercato settimanale

 
l'ordinanza
Foggia, partecipò a rapina in Emilia, arrestato capoclan di Trinitapoli

Foggia, partecipò a rapina in Emilia, arrestato capoclan di Trinitapoli

 

Il Biancorosso

serie C
C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariTecnologia
«Immuni, applicazione pericolosa e inutile»

«Immuni, applicazione pericolosa e inutile», il parere dell'avvocato

 
Potenzafase 2
Dalla grande distribuzione ai villaggi turistici: l’obiettivo sono 1.250 test ogni giorno

Dalla grande distribuzione ai villaggi turistici: in Basilicata l’obiettivo sono 1.250 test al giorno

 
Tarantol'onorificenza
Beniamino Laterza

Taranto, un vigilante del «Moscati» ora è Cavaliere della Repubblica

 
Materadalla polizia
Matera, palpeggia 17enne che cammina per strada: arrestato 46enne

Matera, palpeggia 17enne che cammina per strada: arrestato 46enne

 
Foggianel foggiano
San Severo, in casa eroina e cocaina: giovane pusher ai domiciliari

San Severo, in casa eroina e cocaina: giovane pusher ai domiciliari

 
BrindisiL'intimidazione
Ostuni, incendiata auto a ex sindaco

Ostuni, incendiata auto in pieno giorno: terzo attentato all' ex sindaco

 

i più letti

La tragedia di Andria

Scontro treni, no a parti civili
contro la Ferrotramviaria

«Inammissibile». Ammessa la costituzione solo nei confronti dei 18 imputati

scontro tra treni

Il gup del Tribunale di Trani Angela Schiralli ha dichiarato inammissibile la costituzione di parte civile di tutte le persone offese (familiari delle vittime, associazioni ed enti) nei confronti di Ferrotramviaria, accogliendo l’eccezione proposta dal difensore della società, l'avvocato Michele Laforgia. Il giudice ha sciolto la riserva nell’udienza preliminare in corso a Trani per il rinvio a giudizio dei presunti responsabili del disastro ferroviario che il 12 luglio 2016, sulla tratta Andria-Corato, costò la vita a 23 persone e il ferimento di altri 51 passeggeri. 

Il gup ha ammesso le costituzioni di parte civile nei confronti delle 18 persone fisiche imputate. Oltre ai familiari delle vittime, sono state ammesse Regione Puglia, Comuni di Andria, Corato e Ruvo di Puglia e le associazioni Acu-Consumatori e utenti, Anmil (Associazione nazionale dei lavoratori mutilati e invalidi del Lavoro). Escluse le associazioni Asso-Consum, Gepa (Guardie Ecozoofile Protezione Ambientale), Codici Onlus (Centro per i Diritti del Cittadino), Anpana (Associazione nazionale protezione animali natura e ambiente), Lac-Lega per l’abolizione del caccia, Associazione Nazionale utenti bancari e finanziari, Codacons. In udienza le parti civili ammesse hanno chiesto la citazione dei responsabili civili (c'è tempo fino al 13 settembre per formalizzare tali richieste), individuati in Ferrotramviaria, Ministero delle Infrastrutture e Regione Puglia. Si tornerà in aula il prossimo 11 ottobre. 

Rischiano il processo la società Ferrotramviaria e 18 imputati tra dirigenti e dipendenti della società Ferrotramviaria e del Ministero accusati, a vario titolo, di disastro ferroviario, omicidio colposo, lesioni gravi colpose, omissione dolosa di cautele, violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro e falso. Secondo le indagini della magistratura tranese il disastro ferroviario sarebbe stato causato da un errore umano, ma sono ritenuti responsabili anche coloro che non avrebbero vigilato sulla sicurezza di quella tratta a binario unico con blocco telefonico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie