Sabato 20 Aprile 2019 | 04:59

NEWS DALLA SEZIONE

È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 
I controlli
Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

 
La tragedia nel 2016
Scontro treni Ferrotramviaria, oggi via al processo a Trani: 18 imputati

Scontro treni Andria, via al processo a Trani: 19 imputati
«Regione sia responsabile civile»

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl caso
Cerignola, beccato mentre smontava delle auto: arrestato 41enne

Cerignola, beccato mentre smontava delle auto: arrestato 41enne

 
LecceLa decisione
Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

 
BrindisiIl batterio killer
Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

 
TarantoA grottaglie (Ta)
Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

 
Materavittima un materano
Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

 
PotenzaL'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
BatÈ incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 

La sentenza

Trani, donna si infortunò per una buca: Comune risarcirà

Alla signora è stata accordata una somma di 45mila euro che fra interessi legali ed altre spese sono diventati 60mila euro

Donna si infortunò a causa di una buca il Comune di Trani condannato a risarcirla

TRANI - Aveva chiesto un risarcimento di quasi 100mila euro. La sentenza del Tribunale di Trani ha accolto parzialmente la sua domanda, accordandole una somma di 45mila euro. Tuttavia, fra interessi legali ed altre spese il consiglio comunale, nel corso della seduta di ieri, ha dovuto riconoscere un debito fuori bilancio di 60mila euro. Si tratta della somma più alta che concorreva a formare i 150mila euro complessivi, riconosciuti dall’assemblea in dieci, diversi provvedimenti legati a debiti contratti dall’ente.

LA VICENDA - La storia, ancora una volta, è legata alla caduta di una cittadina per strada ed alle conseguenze che tale incidente ha determinato, in maniera pressoché permanente sulle condizioni fisiche della donna. L’atto di citazione veniva notificato il 18 maggio 2012, quando la cittadina conveniva in giudizio il Comune per ottenere il risarcimento dei danni subiti in occasione di una caduta avvenuta il 29 agosto 2009, alle 20.30, mentre percorreva a piedi piazza Generale Carlo Alberto dalla Chiesa.

La donna, giunta in prossimità dell’attraversamento pedonale che conduce dalla piazza al marciapiede, posto sul lato nord verso via Maraldo da Trani, accingendosi ad attraversare sulle strisce pedonali cadeva rovinosamente al suolo a causa di una buca situata immediatamente sotto il marciapiede. Tale buca, nelle ore serali, non era né visibile, né segnalata.

I DANNI CAUSATI - Alla cittadina veniva diagnosticata la frattura scomposta dell’estremità distale dell’omero destro, circostanza che la obbligava ad un intervento chirurgico per la riduzione della frattura con mezzi di sintesi, confezionamento di una doccia gessata e successivi trattamenti riabilitativi. All’epoca dell’introduzione del giudizio la paziente risultava guarita, ma con postumi permanenti tali da incidere anche sulla sua attività specifica di casalinga.

LE CONTESTAZIONI - Il Comune contestava totalmente la domanda dell’attrice, «evidenziando come la responsabilità della pubblica amministrazione per eventi dannosi determinati da eventuali buchi presenti sulle strade e marciapiedi di proprietà comunali - si legge nel provvedimento - sussiste solo nelle ipotesi di pericolo occulto non visibile e non prevedibile, non potendo ricadere sull’amministrazione pubblica le conseguenze dannose di condotte negligenti o impedite dell’utente». Pertanto, chiedeva il rigetto della domanda.

Nell’evoluzione del giudizio si è potuta documentare la sussistenza di un dislivello proprio a ridosso del cordolo del marciapiede dal quale la donna era scesa, causa erosione dell’asfalto, che creava una cavità su manto stradale. Allo stesso modo si è arrivati a stabilire che i danni riportati dalla cittadina erano compatibili con l’evento per cui è causa, trattandosi di lesione di chiara natura traumatica provocata dal impatto diretto al suolo del gomito in flessione.

CONCORSO DI COLPA - Il giudice, tuttavia, ha anche riconosciuto un comportamento colposo della danneggiata: «La donna avrebbe dovuto adottare maggiore prudenza e attenzione nel passo, in ragione della necessità di affrontare il dislivello creato da marciapiede stesso». Pertanto le responsabilità sono state accertate nella misura del 55 per cento, a carico del Comune, per la mancata manutenzione della sede stradale, e del 45 per cento, a carico della donna, per il suo comportamento non del tutto accorto.

Così, a distanza di ben nove anni dall’evento, la vicenda si chiude con un concorso di colpa e l’accoglimento parziale della domanda risarcitoria.

Di certo 60.000 euro restano una somma particolarmente rilevante, mentre con poche migliaia di euro si sarebbe potuta sicuramente ripristinare quella parte di sede stradale, con una ordinaria manutenzione che avrebbe evitato che il Comune finisse, anche questa volta, nei guai.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400