Sabato 20 Ottobre 2018 | 07:59

NEWS DALLA SEZIONE

E' ai domiciliari
Bari, a spasso con 50 grammi di cocaina nei boxer: in manette

Bari, a spasso con 50 grammi di cocaina nei boxer: in m...

 
Commercio
Bari, dopo 66 anni chiudestorica salumeria De Carne«Il marchio lo porto con me»

Bari, dopo 66 anni chiude storica salumeria De Carne «I...

 
Il nodo intramoenia
Ospedali, il giallo visite a pagamentodei medici: le Asl non forniscono i dati

Ospedali, il giallo visite a pagamento dei medici: le A...

 
Svolta nelle indagini
Pizzaiolo di Gravina uccisoa Ravenna: fermato straniero

Pizzaiolo di Gravina ucciso a Ravenna: fermato stranier...

 
Operazione Ragnatela
Bari, blitz della Finanza contro usurai: 5 arresti, sequestrati beni

Bari, blitz della Gdf contro clan usurai Capodiferro: 5...

 
Aveva 31 anni
Bari, cadavere di georgianopescato nel molo S. Antonio

Bari, cadavere di georgiano
pescato nel molo S. Antonio

 
Il bando
Bari, sfrattati e sostegno agli affitti: il Comune stanzia 300mila euro

Bari, sfrattati e sostegno agli affitti: Comune stanzia...

 
Il riconoscimento
Il fotografo barese Luca Turi riceve la cittadinanza onoraria di Durazzo

Il fotografo barese Luca Turi riceve la cittadinanza on...

 
La proposta
Test d’ingresso a Medicina? Abolirli (per ora) è impossibile

Bari, test d’ingresso a Medicina? Abolirli (per ora) è ...

 
Il reportage
Bari, gli alloggi abusivi traslocano dal Libertà a San Pasquale

Bari, gli alloggi abusivi traslocano dal Libertà a San ...

 
In via Corridoni
Senzatetto abbandona valigia per fare doccia: falso allarme bomba a Bari vecchia

Senzatetto abbandona valigia per fare doccia: falso all...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Operazione dei Carabinieri

Rapine ai Tir, 12 arresti a Bari
inchiodati dalla tecnologia

Rapine ai Tir, arresti nel Bareserecuperata refurtiva per 500mila euro

Sono 15 i provvedimenti cautelari notificati all’alba dai carabinieri, nel barese, ai presunti componenti di un gruppo specializzato nell’assalto ai tir in transito sul territorio. Per dieci indagati si sono aperte le porte del carcere, in due hanno beneficiato degli arresti domiciliari e altri tre indagati sono stati sottoposti all’obbligo di presenza e di dimora. Oltre agli arrestati ci sono 15 indagati, tra cui presunti ricettatori, fiancheggiatori e basisti.
Si tratta per lo più di pregiudicati locali, anche di grosso spessore, e delle zone limitrofe, non legati alla criminalità organizzata, ma che, secondo gli investigatori, avevano messo su un sodalizio molto agguerrito fondendo due distinte bande al cui vertice c'erano Carlo Mininni, di 54 anni, e Michele Pellegrino di 45 anni. Le indagini, avviate dopo l’arresto di due rapinatori, si sono svolte dal marzo 2015 fino al luglio 2016.

Al gruppo vengono attribuiti almeno sei colpi eseguiti con il solito modus operandi: blocco del mezzo in transito in zona con la minaccia delle armi, sequestro dell’autotrasportatore, in alcuni casi legato e imbavagliato, che veniva poi rilasciato in campagna, e trasferimento della merce a ricettatori compiacenti. Il gruppo agiva solitamente di notte o all’alba e rapinava qualunque tipo di carico: elettrodomestici, generi alimentari, pellame che in qualche caso veniva venduto in casa, mentre sembra escluso il ricorso alla vendita online. Merce che per lo più finiva in depositi di stoccaggio della zona industriale.
Le indagini sono state condotte con la collaborazione delle aziende di autotrasporto, multinazionali che hanno sede nella zona industriale di Modugno (Bari), consentendo, attraverso il ricorso a dispositivi elettronici e ad una tecnologia di nuova generazione, di risalire al presunto gruppo malavitoso.

In carcere sono finiti Carlo Mininni, di 54 anni, Giuseppe Laricchia, di 37 anni, Francesco Calò, di 39, Giuseppe Massari, di 35, Giovanni Del Core, di 56, Michele Pellegrino, di 45, Michele Carone, di 46 anni, Vincenzo Carone, di 29 anni, Sebastiano Cellamare, di 47 anni, e Tommaso Amendolagine, di 51 anni. Gli arresti domiciliari sono stati concessi a Francesco Ferrigno, di 39 anni, e Giuseppe Gernone, di 30 anni. L'obbligo di dimora e firma è stato notificato a Giuseppe Colucci, di 63 anni, Domenico Fiore, di 27 anni, e Antonello Sasanelli, di 40 anni. Tutti sono accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere armata finalizzata alla rapina e al sequestro di persona.

Reati «perfidi» li ha definiti il comandante provinciale di Bari dei carabinieri, Vincenzo Molinese, perché vanno a minare la situazione patrimoniale delle aziende creando una disaffezione a investire sul territorio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400