Sabato 23 Febbraio 2019 | 07:38

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Bari, offese tra ragazzi via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

Bari, offese tra ragazzini via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

 
L'impatto
Bari, incidente su viale Kennedy: ferita bimba di 3 anni

Bari, incidente su viale Kennedy: ferita bimba di 3 anni

 
Ambiente
Bari, 3500 ricci sequestrati e rimessi in mare dalla Guardia Costiera

Bari, 3500 ricci sequestrati e rimessi in mare dalla Guardia Costiera VD

 
Salute femminile
Acquaviva, l'ospedale Miulli "in Rosa": porte aperte per visite gratuite e consulti

Acquaviva, l'ospedale Miulli "in Rosa": porte aperte per visite gratuite e consulti

 
Tecnologia
È Turi la città con la differenziata più «smart» di Puglia: schizza all'82,32%

È Turi la città con la differenziata più «smart» di Puglia: schizza all'82,32%

 
Dopo il comizio di martedì
Bari, Salvini querelato dai genitori del rapinatore ucciso da Balducci: «Ci ha offeso»

Bari, Salvini querelato dai genitori del rapinatore ucciso da Balducci:
«Ha offeso noi e Giacomo»

 
il fenomeno
Bari, reddito di cittadinanza: caos e disinformazione

Bari, reddito di cittadinanza: caos e disinformazione

 
Ambiente
Bari, in arrivo il Treno verde di Legambiente per misurare la qualità dell'aria

Bari, ecco il Treno verde di Legambiente per misurare la qualità dell'aria

 
I fatti nel 2017
Monopoli, tentò di uccidere moglie e ferì la figlia: chiesti 20 anni

Monopoli, tentò di uccidere moglie e ferì la figlia: chiesti 20 anni

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaVerso le regionali
Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

 
LecceSalento
Villa al mare del pm a Porto Cesareo, M5S fa un passo indietro e ritira l'interrogazione

Villa al mare del pm a Porto Cesareo, M5S fa retromarcia e ritira interrogazione

 
BariLa sentenza
Bari, offese tra ragazzi via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

Bari, offese tra ragazzini via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

 
HomeIl siderurgico
Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

 
BrindisiFurto in casa
San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: denunciati n 2

San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: 2 denunciati 

 
GdM.TVGli arresti della Polizia
Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

 
MateraSfruttamento
Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

 
FoggiaAtti vandalici
Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

 

La comunità islamica

Festa del sacrificio a Bari
«Nessuna macellazione»

Il 12 al Della Vittoria solo riunione di preghiera. Nessun altro «rito»; animali macellati altrove nel rispetto delle regole

Festa del sacrificio a Bari«Nessuna macellazione»

«Nessun animale verrà macellato nello Stadio della Vittoria», a Bari, dove lunedì 12 settembre si terrà la Festa del sacrificio (Eid Al-Adha): lo ribadisce il presidente della Comunità islamica d’Italia (Cidi), Sharif Lorenzini, spiegando che «il rito della macellazione Halal (lecito, ndr) avverrà nelle sedi preposte, come abbiamo sempre fatto, nel pieno rispetto delle normative vigenti».

Lorenzini interviene così nelle polemiche sorte in seguito ai dubbi sollevati dalla sezione barese della Lega italiana contro la vivisezione (Lav), che temeva fossero macellati agnelli all’interno dello stadio concesso dall’amministrazione comunale di Bari che già ieri aveva assicurato: «L'iniziativa non prevede in alcun modo il coinvolgimento di animali da sacrificare in segno di fede, ma solo il raduno di migliaia di fedeli per la preghiera collettiva». Oltre a Lorenzini interverrà anche l’Imam Adbdurrahman Ayub Said, presidente della Comunità Islamica di Puglia.

Lorenzini ricorda infine che la festa del Sacrificio è «un momento collettivo di partecipazione e di preghiera che commemora il Profeta Abramo e la sua scelta di sacrificare il suo primogenito in segno di obbedienza a Dio che, al momento del sacrificio, lo avrebbe poi sostituito con un agnello». «È un’occasione concreta - conclude - per avvicinare la nostra comunità ai baresi e a chiunque vorrà venire a trovarci. Un segno tangibile attraverso il quale vogliamo dimostrare che abbiamo cominciato a tracciare un percorso di dialogo e reciproca convivenza»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400