Venerdì 19 Agosto 2022 | 07:01

In Puglia e Basilicata

Sanità

Bari: screening per i fumatori all’Oncologico

Bari: screening per i fumatori all’Oncologico

A settembre test gratuiti. Si potrà aderire prenotando direttamente in farmacia. L’Istituto Tumori è fra i 18 centri italiani partecipanti al programma nazionale Risp

05 Agosto 2022

G. Flavio Campanella

BARI - Il messaggio è rivolto a chi fuma (e anche a chi ha smesso) e arriva in anteprima dall’Istituto Tumori di Bari: da settembre sarà possibile prenotare una tac spirale, a dosi minime, per la diagnosi precoce del tumore del polmone. L’accesso a questo esame, che è gratuito, rientra nel programma di screening nazionale denominato Risp (Rete Italiana di Screening Polmonare), finanziato dal Ministero della Salute e promosso dall’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. L’Istituto Tumori di Bari, già impegnato in programmi di disassuefazione da fumo, rientra fra i 18 centri partecipanti. Nel dettaglio si tratta di un esame che si esegue in pochissimo tempo, meno di un secondo, con una bassissima dose di radiazioni, che però garantisce un’altissima qualità diagnostica, senza mezzo di contrasto: rileva infatti anche tumori polmonari di pochissimi millimetri.

L’Istituto Tumori Giovanni Paolo II di Bari - afferma il direttore generale Alessandro Delle Donne - sarà l’unico centro di riferimento in Puglia per questo programma pilota. È per noi un importante risultato che ci permetterà di lavorare in team con altri centri di eccellenza in tutta Italia. Ma è soprattutto un servizio essenziale a disposizione di tanti pugliesi, fumatori ed ex fumatori. Il nostro Istituto già partecipa ai programmi di screening oncologico per mammella, colon-retto e cervice uterina, così come previsto dai protocolli operativi approvati dalla Giunta regionale. L’adesione a questo progetto, ci permetterà, per la prima volta in assoluto, di avviare un vasto programma di prevenzione secondaria per un tipo di tumore, quello del polmone, fra i più aggressivi e meno indagati. In questa battaglia, abbiamo voluto con noi l’Ordine dei Farmacisti di Puglia e Federfarma che, attraverso la rete delle farmacie capillarmente diffusa sul territorio, ci daranno un importante contributo in termini di informazione e orientamento dei pazienti da arruolare».

ACCORDO In base all’accordo di collaborazione sottoscritto nei giorni scorsi, da settembre sarà possibile rivolgersi direttamente in farmacia per aderire al progetto e prenotare il proprio esame di screening gratuito. Le farmacie saranno inoltre a disposizione per la distribuzione del materiale informativo. “Le competenze professionali del farmacista e il suo antico e solido rapporto fiduciario con le persone - dichiarano Luigi D’Ambrosio Lettieri, presidente della Consulta dell’Ordine dei farmacisti di Puglia, e Francesco Fullone, presidente di Federfarma Puglia - si intrecciano saldamente con la funzione strategica della farmacia e con il suo ruolo di presidio polifunzionale della sanità territoriale. Anche in questa lodevole iniziativa di prevenzione siamo accanto alle istituzioni e ai cittadini, rappresentando un punto di riferimento per il malato, il caregiver e il cittadino in generale. Grazie alla presenza capillare, all’ampia accessibilità e alla professionalità del farmacista, viene fornito un contributo importante nell’erogazione di servizi sanitari di prima assistenza, nelle attività di prevenzione e di orientamento del cittadino verso i presidi sanitari adeguati, oltre a dispensare farmaci e dispositivi necessari per il trattamento di molte patologie. Il farmacista coltiva e sviluppa un rapporto di fiducia con i cittadini, ricopre un ruolo fondamentale nella promozione di stili di vita sani, attività di informazione e di prevenzione. Le farmacie, su base volontaria, parteciperanno al progetto di screening del tumore del polmone proprio seguendo questi principi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725