Domenica 14 Agosto 2022 | 18:03

In Puglia e Basilicata

il caso

Detenuto suicida nel carcere di Bari, in aumento il numero delle vittime in Puglia

suicidio carcere

La denuncia del sindacato Sappe che chiede la chiusura dell'ex carcere femminile divenuto un vero e proprio lager per detenuti psichiatrici

28 Giugno 2022

BARI - Ormai si inizia a perdere il conto dei detenuti suicidati nei penitenziari della regione Puglia, senza che ciò scuota la  coscienza  di alcuno. A riportare l'attenzione delle istituzioni su questo annoso problema è ancora una volta il Sappe, il sindacato di Polizia Penitenziaria. «Ma è possibile che in un cosiddetto paese civile ci si indigni per un animale maltrattato,  e nessuno si preoccupi di affrontare seriamente il problema delle carceri, diventate ormai una discarica  sociale ove buttare le anime ed i corpi degli ultimi, dei pazzi, dei diseredati -scrive in una nota il segretario nazionale Sappe, Federico Pilagatti -. Era stato portato in carcere nella serata di ieri 27 giugno,  il detenuto  trentenne  della provincia di Bari condannato per omicidio (fine pena 2042) con problemi psichiatrici, che questa mattina si è impiccato alla finestra della propria stanza dopo aver annodato le lenzuola alle inferriate. Lo stesso era stato allocato nell’inferno del carcere di Bari, che è diventata la sezione ex femminile chiusa per inagibilità, ma riaperta per l’emergenza covid e poi diventata la discarica dei detenuti psichiatrici».

Proprio il Sappe, nelle scorse settimane aveva  prima chiesto all’amministrazione locale e regionale di chiudere quella sezione, e poi aveva denunciato ai mass media le pessime condizioni igienico sanitarie e gli ambienti fatiscenti in cui si ritrovano i detenuti, quasi tutti con problemi psichiatrici, abbandonati a se stessi. «Che quella sezione fosse diventata un lager non lo ha denunciato  solo il Sappe, ma anche i medici psichiatri  che lamentavano il fatto che non era corretto ammassare i detenuti psichiatrici  in quel reparto (poiché gli altri detenuti non li volevano nelle loro stanze) , poiché è  impensabile curarli con le sole terapie, senza poter accedere ad un minimo programma di trattamento - è scritto nella nota del sindacato -. Ci dicano i vertici del carcere di Bari , se lo sanno, a quale trattamento vengono sottoposti i detenuti con patologie psichiatriche. Di fatto la sezione ex femminile fatta chiudere dal DAP poiché inagibile e pericolosa,  è diventato il piccolo manicomio  del carcere di Bari con un solo poliziotto a gestire la situazione . Nei giorni scorsi i vertici del carcere di Bari  hanno informato del loro difficile lavoro  con tutte le problematiche collegate al sovraffollamento e carenza di poliziotti, “dimenticando” però di segnalare quello che accade in quella sezione  che doveva essere chiusa da tempo. Il Sappe diffida  perciò l’amministrazione  penitenziaria nel  praticare il solito gioco di scarico di responsabilità, per poi incolpare i poveri  poliziotti costretti a lavorare in quel reparto  in  una situazione di emergenza sia per quando riguarda le condizioni igienico sanitarie, sia per la tipologia di detenuti abbandonati da tutti al loro destino».

«Vorremmo  infine capire  - conclude Pilagatti - il perché la senatrice Cirinnà (ed i professionisti del carcere), invece di riempirsi la bocca dell’ articolo 27 della costituzione per la rieducazione che nei fatti non esiste, oppure di preoccuparsi delle casette dell’amore per malavitosi, non si preoccupa di assicurare condizioni di vita dignitose  e di cura ai   detenuti affetti da problemi psichiatrici,  a  quelli che  hanno patologie  anche gravi che non vengono curati adeguatamente, nonché a tutti quei detenuti che vorrebbero avere la possibilità  concreta di reinserimento».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725