Lunedì 02 Agosto 2021 | 09:14

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

 
editoria
Gazzetta, Decaro: «Una soluzione nelle prossime ore»

Gazzetta, Decaro: «Una soluzione nelle prossime ore»

 
Sicurezza
Monopoli, centri commerciali saccheggiati: tre persone denunciate

Monopoli, centri commerciali saccheggiati: tre persone denunciate

 
sangue sulle strade
Incidente mortale sulla statale 96

Incidente mortale sulla statale 96

 
nel barese
Lettini abusivi su spiaggia libera di Monopoli, scatta il sequestro

Lettini abusivi su spiaggia libera di Monopoli, scatta il sequestro

 
Accordo raggiunto
Bari calcio: bomber Antenucci rinnova fino al 2023

Bari calcio: bomber Antenucci rinnova fino al 2023

 
Allarme
Bari, terza settimana consecutiva con rialzo dei casi di positività al Sars Cov-2.

Bari, terza settimana consecutiva con rialzo dei casi di positività al Covid

 
Vari controlli
Bari, la polizia interrompe concerto non autorizzato di un neomelodico napoletano

Bari, la polizia interrompe concerto non autorizzato di un neomelodico napoletano

 
Chiuse le indagini
Bari, evasione fiscale: confiscati ville e yacht a imprenditore caseario

Bari, evasione fiscale: confiscati ville e yacht a imprenditore caseario

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

Lecce, pregiudicato trovato morto per strada: abitava in alloggio parrocchia

 
PotenzaLa curiosità
È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

È nel Potentino il ponte tibetano più lungo del mondo

 
MateraEditoria
Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

Gazzetta del Mezzogiorno, il sindaco di Matera: «Salvaguardare la testata e i lavoratori»

 
TarantoEditoria
Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

Gazzetta Mezzogiorno, sindaco Taranto: «È una scomparsa inaccettabile»

 
BariIl caso
Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

Gravina, rogo minaccia ancora bosco Difesa Grande: fiamme riprendono vigore dopo 2 giorni

 
Homeeditoria
Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

Gazzetta, Rossi: «Le ragioni di questo sostegno anche dinanzi al governo Draghi»

 
Foggianel foggiano
I carabinieri salvato il gatto dal fuoco

I carabinieri salvano il gatto dal fuoco

 
Batcontrolli sul litorale
Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

Bisceglie, tentato furto di una scooter: due arresti

 

i più letti

Il fatto

Altamura, video hard per vendetta in quattro davanti al giudice

La vicenda avvenne in un mobilificio

Posta video hard in rete pagherà 80mila euro

Altamura - Approda nelle aule della giustizia la vicenda molto chiacchierata di un video intimo di un tradimento, girato ad Altamura e fatto circolare per vendetta nel novembre del 2016. Quella vendetta si sta rivelando un boomerang perché chi filmò e lo diffuse ora è imputato.

Dinanzi al Tribunale di Bari è cominciato il processo nei confronti di quattro persone a cui sono contestati, a vario titolo, i reati di interferenze illecite nella vita privata e diffamazione. Nei loro confronti si sono costituiti parti civili l’uomo e la donna ritratte nel video. Erano stati immortalati durante “effusioni intime” nel mobilificio dell’uomo (imprenditore altamurano). Secondo l’accusa, la moglie di lui e l’ex compagno di lei - questa è la ricostruzione - si sarebbero coalizzati per vendicarsi del tradimento, facendo finire nei guai anche un familiare della donna, materiale autore del video, e il gestore del canale YouTube dove fu diffuso il filmato.

La moglie tradita, dopo aver scoperto la relazione extraconiugale, avrebbe architettato il piano diffamatorio. Ha fatto “irruzione” nell’azienda, insieme al suo familiare, cogliendo sul fatto la coppia di amanti che si era appena incontrata. Istanti che sono stati ripresi con un telefono cellulare in un video. E questo filmato, sempre secondo l’accusa, è stato poi passato all’ex compagno di lei che non aveva accettato la fine della relazione. E da questo a un’altra persona che lo ha poi diffuso in rete.

Una volta on line, il materiale bollente è diventato subito di dominio pubblico. Come accade in questi casi, è diventato “virale.” Immagini pubblicate su Youtube e su Facebook, quindi oggetto di una massiccia circolazione. In quei giorni se ne parlò tanto. Poi la vicenda, anche per le denunce presentate, è stata ricondotta in un alveo privato e il video è sparito o rimosso.

Si tornerà in aula il 7 febbraio 2022 per l’audizione dei primi testimoni dell’accusa.

Una vicenda privata che si è intrecciata con una dimensione pubblica e s’inserisce in un’ampia discussione pubblica in cui ripetutamente stanno intervenendo anche le leggi e le norme. Non è la prima volta che accade. L’utilizzo degli strumenti di comunicazione di massa richiede davvero oculatezza e tanta responsabilità per evitare storie che possono anche finire in dramma o tragedia, come purtroppo le cronache raccontano. In questo caso i due denuncianti, finiti al centro del chiacchiericcio e del pettegolezzo, hanno deciso di adire le vie giudiziarie e si è aperta così l’indagine che ora è arrivata in tribunale. Durante il processo saranno le difese ad argomentare le ragioni di quanto accaduto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie