Sabato 15 Maggio 2021 | 01:19

NEWS DALLA SEZIONE

Turismo
Otranto e Bari regine sulla stampa internazionale

Otranto e Bari regine sulla stampa internazionale

 
La novità
San Nicola  multimediale apre le porte a turisti e pellegrini

San Nicola multimediale apre le porte a turisti e pellegrini

 
Il caso
Bari, divieto senza preavviso a San Pasquale: automobilisti in rivolta

Bari, divieto senza preavviso a San Pasquale: automobilisti in rivolta

 
Nel Barese
Monopoli, negozio vendeva centinaia di mascherine FFP2 non conformi: denunce

Monopoli, negozio vendeva centinaia di mascherine FFP2 non conformi: denunce

 
Nel Barese
Carbonara, 46enne ucciso e abbandonato in un casolare: arrestato presunto omicida

Carbonara, 46enne ucciso e abbandonato in un casolare: arrestato presunto killer

 
Lotta al virus
Vaccini in Puglia, trasferite a Bari dalla Sicilia 50mila dosi AstraZeneca

Vaccini in Puglia, trasferite a Bari dalla Sicilia 50mila dosi AstraZeneca

 
Il caso
Cassa Prestanza a Bari, sit in di protesta di lavoratori e pensionati del Comune davanti la Procura

Cassa Prestanza a Bari, sit in di protesta di lavoratori e pensionati del Comune davanti la Procura

 
Il caso
Bari, detenzione di arsenale da guerra: nuovo arresto per ex gip De Benedictis

Bari, nuovo arresto per ex gip: sospetto Dda che custodisse armi per il clan La difesa rinuncia al Riesame. Chiariello resta in carcere

 
Lutto
Bari, addio a Lillino D'Erasmo storico dirigente Msi-An

Bari, addio a Lillino D'Erasmo storico dirigente Msi-An

 
Il caso
Fuga di notizie su tangenti, due avvocati di Bari rischiano processo

Fuga di notizie su tangenti, due avvocati di Bari rischiano processo

 

Il Biancorosso

L'intervista
Galano tra due grandi amori: «Bari e Foggia, che brividi»

Galano tra due grandi amori: «Bari e Foggia, che brividi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaDibattito
Moles, «da Forza Italia contributo fondamentale al Governo»

Moles, «da Forza Italia contributo fondamentale al Governo»

 
LecceL'iniziativa
Il riso della Coldiretti contro gli scafisti

Il riso della Coldiretti contro gli scafisti

 
TarantoEx Ilva
«L'aria di Taranto 20 volte più pulita di quella di Milano»

«L'aria di Taranto 20 volte più pulita di quella di Milano»

 
LecceTurismo
Otranto e Bari regine sulla stampa internazionale

Otranto e Bari regine sulla stampa internazionale

 
Brindisila denuncia
Brindisi, arrivano le fototrappole ma il centro storico resta una vergogna

Brindisi, arrivano le fototrappole ma il centro storico resta una vergogna

 
BatLa curiosità
Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

Canosa, volontari dell'Enpa salvano la maialina Mariarosa

 
MateraLa novità
Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

Protocollo di collaborazione per la «Carta del potenziale archeologico di Matera»

 

i più letti

la sentenza

Bari, aggredì cronista: moglie boss clan Strisciuglio condannata a 16 mesi

Un anno e 4 mesi di reclusione per i reati di lesioni con l’aggravante mafiosa e minacce gravi ai danni della giornalista del Tg1 Maria Grazia Mazzola

L'avvocati di parte civile Sisto: «L’informazione e la giustizia sono più forti di qualsiasi tentativo di intimidazione»

Giornalista Rai aggredita a Bariintervistava moglie di un boss

BARI - Il gup del Tribunale di Bari Giovanni Anglana ha condannato la pregiudicata 44enne barese Monica Laera, moglie del boss del clan Strisciuglio di Bari Lorenzo Caldarola, alla pena di 1 anno e 4 mesi di reclusione per i reati di lesioni con l’aggravante mafiosa e minacce gravi ai danni della giornalista del Tg1 Maria Grazia Mazzola.

L’episodio risale al 9 febbraio 2018. Laera era a processo per aver minacciato la cronista e averla colpita con un pugno al volto, in reazione alla richiesta di informazioni sui procedimenti penali a carico del figlio Ivan, all’epoca minorenne, mentre in quel momento all’interno dell’abitazione della famiglia Caldarola (la giornalista era in strada), era allestita una camera ardente perché la stessa mattina era deceduta una familiare.

La sentenza è stata emessa al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato. Nei confronti della coimputata, la 59enne Angela Ladisa, consuocera della Laera, il giudice ha emesso sentenza di condanna a 4 mesi di reclusione (pena sospesa) per oltraggio a pubblico ufficiale. E’ stato riconosciuto il risarcimento dei danni alle costituite parti civili, oltre alla vittima, Rai, Associazione Stampa romana, Fnsi, Comune di Bari, Ordine nazionale dei Giornalisti e Libera. 

LA SODDISFAZIONE DEL SINDACO DECARO - Il sindaco Antonio Decaro esprime «soddisfazione» per la pena inflitta. «La condanna per lesioni e minacce con l’aggravante del metodo mafioso - commenta Decaro - riconosce la brutalità dell’aggressione subita da Maria Grazia Mazzola mentre svolgeva il suo lavoro. Il Comune, nel costituirsi parte civile con gli avvocati civici Biancalaura Capruzzi e Camilla Caporusso nel processo ai danni di Monica Laera, ha voluto sin da subito condannare con fermezza quest’atto violento chiaramente riconducibile a logiche di supremazia e controllo del territorio proprie dei clan criminali». 

«A Maria Grazia Mazzola, che con coraggio ha denunciato l’accaduto, giunga l’abbraccio dell’intera città e la solidarietà di tutti i baresi che come lei non si sono mai arresi davanti a queste logiche. L'informazione, il diritto alla cronaca e il lavoro di denuncia nella nostra città - conclude - sono un diritto sacrosanto da difendere in tutte le circostanze». 

L'AVVOCATO DI PARTE CIVILE - Anche in questa occasione, come sempre, la Federazione nazionale della Stampa italiana - anche a nome dell’Usigrai - era parte civile. Il sindacato dei giornalisti, rappresentato in giudizio dall’avvocato Roberto Eustachio Sisto, si era mobilitato con l'Usigrai già all’indomani dell’aggressione, promuovendo una manifestazione pubblica nel quartiere Libertà di Bari, dov'era avvenuto il fatto. «Continueremo ad assicurare senza sosta la nostra presenza al fianco di tutte le croniste e i cronisti minacciati, a tutela della loro sicurezza e del diritto dei cittadini a essere informati. Non ci possono essere temi o territori oscurati per le intimidazioni delle organizzazioni criminali», affermano Fnsi e Usigrai.
Per l’avvocato Roberto Eustachio Sisto, «la condanna con l'aggravante mafiosa costituisce il riconoscimento che nel nostro Paese l’informazione e la giustizia sono più forti di qualsiasi tentativo di intimidazione, fisica e non. Anche il riconoscimento del risarcimento dei danni nei confronti della Fnsi legittima ancora una volta l’operato del sindacato».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie