Sabato 27 Febbraio 2021 | 23:14

NEWS DALLA SEZIONE

L'appello
Bari, vaccini anti-Covid: «Priorità anche per la Polizia Locale»

Bari, vaccini anti-Covid: «Priorità anche per la Polizia Locale»

 
Nel barese
In trasferta dalla Sicilia a Monopoli per molestare showgirl: divieto di dimora in Puglia per un fan ossessionato

In trasferta dalla Sicilia a Monopoli per molestare showgirl: divieto di dimora in Puglia per un fan ossessionato

 
Sanità
Morti legionella, il Policlinico di Bari chiede il dissequestro dei padiglioni. Dal 3 marzo torna dg Migliore

Morti legionella, il Policlinico di Bari chiede il dissequestro dei padiglioni. Dal 3 marzo torna dg Migliore

 
Il video
«Luoghi del cuore», la Puglia è nella top ten

«Luoghi del cuore», la Puglia è nella top ten

 
Campagna vaccinale
Covid a Bari, altri 2 palazzetti per le vaccinazioni: il PalaCarrassi e il PalaLaforgia

Covid a Bari, altri 2 palazzetti per le vaccinazioni: il PalaCarrassi e il PalaLaforgia

 
La decisione
Parà barese morì dopo lancio, gip rigetta l'archiviazione del caso

Parà barese morì dopo lancio, gip rigetta l'archiviazione del caso

 
Salute
SMA NEONATALE

Puglia, arriva il sì allo screening neonatale obbligatorio per la Sma

 
Il caso
Bari, prete positivo al Covid: sanificata chiesa a Fesca e benedice la comunità su Fb

Bari, prete positivo al Covid: sanificata chiesa a Fesca e benedice la comunità su Fb

 
Mons. Satriano
Bari, l'arcivescovo è positivo al Covid ma non è ricoverato

Bari, l'arcivescovo è positivo al Covid ma non è ricoverato

 
Alla Zona indistriale
Bari, allarme bomba: evacuata la Motorizzazione dopo telefonata anonima

Bari, falso allarme bomba: evacuata la Motorizzazione dopo telefonata anonima

 

Il Biancorosso

Serie C
Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaTragedia sfiorata
Auto esce di strada tra Foggia e Manfredonia e si ribalta: due persone ferite

Auto esce di strada tra Foggia e Manfredonia e si ribalta: 2 persone ferite

 
Leccel'aggressione
Cannole, bambina azzannata alla gola da un cane: ricoverata in codice rosso

Cannole, bambina azzannata alla gola da un cane: ricoverata in codice rosso

 
PotenzaCoronavirus
«Vaccinateci!», in Basilicata il coro unanime dei malati rari

«Vaccinateci!», in Basilicata il coro unanime dei malati rari

 
TarantoIl caso
Taranto, spara per errore all'amico: 20enne si consegna in Questura, arrestato

Taranto, spara per errore all'amico: 20enne si consegna in Questura, arrestato

 
BatL'episodio
Trani, a fuoco portone del sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

Trani, a fuoco portone sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

 
Covid news h 24Lotta al virus
Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

 
BrindisiIl ricordo
Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

 

Il caso

Policlinico Bari, la Procura fa appello: «Nei tubi c'è ancora legionella»

L'accusa: ai manager almeno 6 mesi di interdizione. Le difese: fatto tutto il possibile

Bari, sequestrato padiglione Asclepios al Policlinico: legionella. I pm: via il dg Migliore

A due mesi dal sequestro dei padiglioni Asclepios e Chini il problema della legionella nel Policlinico non è ancora stato risolto. È per questo che, secondo la Procura di Bari, non bastano i tre mesi di interdizione a carico dei manager dell’ospedale decisi a dicembre dal gip Giuseppe De Benedictis: ne servono 12, o comunque almeno sei così come prevedono nella parte di motivazione le ordinanze del 7 dicembre. Forse un refuso, che nel loro appello al Tribunale del Riesame la pm Grazia Errede e il procuratore aggiunto Alessio Coccioli chiedono di correggere.

Ma nell’udienza fissata a giovedì 28 si discuteranno anche gli appelli del direttore generale Giovanni Migliore, del direttore sanitario Matilde Carlucci e del responsabile tecnico Claudio Forte. Una battaglia di carte per stabilire se, come ritiene l’accusa, i vertici del Policlinico di Bari si siano scientemente rifiutati di mettere in atto le misure necessarie a bonificare i reparti dalla legionella, causando così il decesso di quattro pazienti. O viceversa se, come sostengono i difensori, sia stato fatto tutto il possibile.

Carlucci (con l’avvocato Michele Laforgia) ritiene infatti totalmente sbagliata l’impostazione dell’accusa, basata sulle indagini dei Nas: né le linee guida nazionali né quelle della Regione «prescrivono la chiusura dei reparti ospedalieri, tantomeno in presenza di un solo caso nosocomiale e di una fonte d’ispezione sospetta». L’utilizzo della monoclorammina, suggerita dal consulente tecnico della Procura, non può essere ritenuto una soluzione al problema perché si tratta di una sostanza «considerata sperimentale in Italia per la possibilità di generare nitrosammine cancerogene». E, sempre secondo la difesa, non è nemmeno certo il nesso di causalità tra la legionella e i quattro decessi: in un caso, ad esempio, il batterio rilevato nel paziente è di tipo diverso da quello trovato nelle analisi sulle acque del reparto.

L’accusa (e il gip) sono ovviamente di opinione diversa. E, riprendendo l’argomentazione in base a cui in due anni dal primo decesso ci sarebbero state solo «missive su missive» e nessun atto concreto per risolvere il problema della legionella, ritengono che i vertici del Policlinico non possano essere rimessi al loro posto. Esisterebbe dunque il rischio - scrive l’accusa - di reiterare il rifiuto di atti d’ufficio: «una volta che riprenderanno le funzioni a loro interdette», i manager potrebbero semplicemente continuare a non fare nulla.

L’interdizione dei vertici dell’ospedale (lunedì il gip interrogherà il medico della direzione sanitaria Giuseppe Calabrese, che però nel frattempo ha rinunciato alle responsabilità connesse con la legionella così da far venire meno i presupposti di una possibile sospensione) dovrebbe scadere il 6 marzo. La decisione dell’appello avrà risvolti anche sulle decisioni della Regione, perché il Policlinico di Bari al momento è retto da un commissario, Vitangelo Dattoli. Il contratto di Migliore scade a settembre. Se il Tribunale dovesse accogliere la sua richiesta, la Regione dovrà valutare la possibilità di reintegrarlo: trattandosi di contratti dirigenziali di diritto privato, quelli dei direttori generali possono essere rescissi in qualunque momento. In caso di accoglimento dell’appello della Procura, ovviamente le cose si complicherebbero.

Negli scorsi giorni, intanto, il Policlinico ha provveduto al trasferimento dei reparti di degenza dal padiglione «Chini», così da poter effettuare la bonifica dalla legionella. Si tratta di attività molto complesse e molto costose che potrebbero richiedere alcuni mesi. Ma intanto le indagini della Procura vanno avanti per stabilire le eventuali responsabilità di chi aveva l’appalto di manutenzione della rete idrica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie