Giovedì 26 Novembre 2020 | 04:47

NEWS DALLA SEZIONE

sanità
Altamura, completata riconversione ospedale: guariti e dimessi i primi 12 pazienti dall’area Covid

Altamura, completata riconversione ospedale: guariti e dimessi i primi 12 pazienti dall’area Covid

 
l'iniziativa
Bari, violenza donne: numeri di emergenza su buste farmacie e confezioni pizze

Bari, violenza donne: numeri di emergenza su buste farmacie e confezioni pizze

 
la replica
Frasi sessiste, la verità del Prof: «Io vittima degli studenti e cultore delle donne sospeso ingiustamente»

Frasi sessiste, la verità del Prof: «Io vittima degli studenti e cultore delle donne sospeso ingiustamente»

 
25 Novembre
Violenza contro le donne in Puglia: calano gli omicidi, aumentano le denunce per stupri e maltrattamenti. Oltre 2mila gli accessi ai Cav

Violenza contro le donne in Puglia: meno omicidi, più stupri e maltrattamenti.
Oltre 2mila gli accessi ai Cav

 
La polemica
Bari, prof sospeso dopo frasi sessiste replica al Rettore: «Nessun passo indietro, parole fraintese»

Bari, prof sospeso dopo frasi sessiste replica al Rettore: «Nessun passo indietro, parole fraintese»

 
Il nuovo impianto
Bari, si accendono le luci nel parco della Caserma Rossani: il videotour di Decaro

Bari, si accendono le luci nel parco della Caserma Rossani: il videotour di Decaro

 
Covid 19
Bari, sindacati denunciano: operatrice Amiu positiva «ha continuato a lavorare». Il caso finisce in aula

Bari, sindacati denunciano: operatrice Amiu positiva «ha continuato a lavorare». Il caso finisce in aula

 
Il caso
Covid 19, focolaio in una Rssa di Bari: 28 contagi e 6 decessi

Covid 19, focolaio in una Rssa di Bari: 28 contagi e 6 decessi

 
Dopo le elezioni
Puglia, la nuova Giunta di Emiliano

Puglia, ecco la prima riunione della nuova Giunta di Emiliano

 
Il virus
Covid, lo sfogo di un anestesista: il terrore, il silenzio e quegli sguardi che ti chiedono aiuto

Covid, lo sfogo di un anestesista: il terrore, il silenzio e quegli sguardi che ti chiedono aiuto

 

Il Biancorosso

25 novembre
Bari calcio, videospot dei biancorossi contro violenza sulle donne

Bari calcio, videospot dei biancorossi contro violenza sulle donne

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatAveva 79 anni
Covid, morto ad Andria Rettore Santuario SS. Salvatore

Covid, morto ad Andria ex rettore Santuario SS. Salvatore

 
LecceSalento
Presicce, sigilli a depuratore: convertito senza autorizzazione

Presicce, sigilli a depuratore: convertito senza autorizzazione

 
Covid news h 24l'appello
Covid in Basilicata, governatore chiede ad Arcuri screening di massa

Covid in Basilicata, governatore chiede ad Arcuri screening di massa

 
Tarantoagricoltura
Taranto, crisi settore clementine: cambiamenti climatici hanno inciso sulla produzione

Taranto, crisi settore clementine: cambiamenti climatici hanno inciso sulla produzione

 
Covid news h 24sanità
Altamura, completata riconversione ospedale: guariti e dimessi i primi 12 pazienti dall’area Covid

Altamura, completata riconversione ospedale: guariti e dimessi i primi 12 pazienti dall’area Covid

 
Brindisiindagini dei CC
Oria, ricercato da aprile, si era nascosto in un «bunker» per sfuggire alla cattura: arrestato 46enne

Oria, ricercato da aprile, si era nascosto in un «bunker» per sfuggire alla cattura: arrestato 46enne

 
Matera25 novembre
Basilicata, in aumento i reati di genere: soprattutto maltrattamenti e violenze sessuali

Basilicata, in aumento i reati di genere: soprattutto maltrattamenti e violenze sessuali

 

i più letti

L’operazione

Mafia, le mani della Società foggiana sui fondi europei: 48 arresti, in cella 4 funzionari regionali e il «re» del Psr pugliese

Nei confronti di altrettanti indagati per vari reati, anche estorsione, concorrenza illeciti e armi. In carcere anche due funzionari regionali

Bari, blitz dei Ros smantella organizzazione mafiosa: 48 misure cautelari

Questa mattina all'alba i carabinieri del Ros e i colleghi dei comandi provinciali hanno dato esecuzione a misure cautelari emesse dal Tribunale di Bari nei confronti di 48 persone, tutte arrestate, 41 in carcere e 7 ai domiciliari, indagate a vario titolo per associazione di tipo mafioso, riciclaggio, estorsione, concorrenza illecita con minaccia o violenza, sequestro di persona a scopo di estorsione, detenzione illegale di armi ed esplosivi, truffe per il conseguimento di erogazioni pubbliche. 

Tra gli altri, in carcere anche tre funzionari regionali, Cosimo Specchia, Giovanni Bozza e Giovanni Granatiero. Rispondono di associazione a delinquere per i finanziamenti ad alcune società agricole che avrebbero truffato la Regione. Cosimo Specchia è il responsabile della attuale sottomisura 4.2 del Psr 2014-2020. Bozza è accusato anche di corruzione per aver preso 30mila euro, oltre a cisterne di nafta e l’uso di una automobile Hyundai per chiudere un occhio sui controlli. Carcere anche per Luigi Cianci, funzionario dell'ufficio di Foggia.

È finito in carcere anche Manlio Cassandro, agronomo, 61 anni, titolare dell’omonimo studio di Barletta che si occupa di finanziamenti europei, a cui fa capo al momento il maggior numero di domande presentate in Regione (oltre mille) sul Piano di sviluppo rurale. In anni passati fu protagonista di un aspro scontro con Coldiretti. Più recentemente, nel corso dell’estate, è stato (con una lettera a sua firma) uno degli ispiratori delle modifiche al Psr.

Cassandro è accusato di associazione per delinquere finalizzata alla truffa ai fondi comunitari: secondo la Procura di Bari avrebbe sottoscritto una relazione che avallava le sovrafatturazioni presentate dagli imprenditori arrestati. La truffa ai fondi europei erogati dalla Regione ammonta a circa 16 milioni.

Questa inchiesta - commenta Francesco Giannella, il procuratore aggiunto di Bari che coordina la Direzione distrettuale antimafia - conferma che la Società foggiana è molto più potente di quello che si pensi. E' una mafia vera che penetra nel tessuto sano della società condizionandone l'economia". Sono complessivamente 48 le persone indagate a vario titolo per associazione a delinquere di stampo mafioso, riciclaggio, estorsione, illecita concorrenza con minaccia o violenza, sequestro di persona a scopo di estorsione, detenzione illegale di armi e esplosivi, e truffe allo Stato per l'erogazione di fondi pubblici.

L'indagine del Ros dei Carabinieri, dopo la cattura del latitante Francesco Russo in Romania, si è concentrata sul clan "Sinesi-Francavilla'', una delle organizzazioni mafiose egemoni in provincia di Foggia. Oltre ai reati classici dei clan, il gruppo criminale avrebbe riciclato i propri proventi illeciti all'estero oltre a truffare la Regione Puglia con la complicità dei tre dipendenti e del consulente finiti in carcere. [m.s.]

PROCURATORE NAZIONALE CAFIERO DE RAHO: MAFIA DA FOGGIA INFILTRATA IN ECONOMIA EUROPA - «La proiezione internazionale ha evidenziato come la criminalità organizzata sia andata ancora una volta a dirigersi e posizionarsi in quei Paesi nei quali è minore la resistenza e più debole la legge, quindi abbiamo Bulgaria, Romania, Repubblica Ceca, laddove sono state sviluppate indagini grazie alla collaborazione che questi Paesi hanno dato». Lo ha detto il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho nella conferenza stampa sui 48 arresti eseguiti oggi dai carabinieri del Ros (41 in carcere e 7 ai domiciliari) su disposizione della Dda di Bari, relativi a reati di mafia, estorsioni e frode sui fondi europei che ruota attorno alla batteria mafiosa dei Sinesi-Francavilla di Foggia. "L'Europa - ha detto il procuratore - deve stare tranquilla e serena sul monitoraggio che viene sviluppato non solo dalle procure distrettuali ma anche delle forze di polizia, con arresti e sequestri all’ordine del giorno». "E' un’operazione a 360 gradi - ha spiegato - che ha colpito struttura criminale anche nella sua componente militare ma anche in quella economico-imprenditoriale. Ciò che credo costituisca l'aspetto più significativo è che la Società foggiana non si muove solo per la consumazione di reati tradizionalmente mafiosi, ma ha assunto il modello tipico delle organizzazioni mafiose attraverso la gestione di affari e quindi attraverso una articolazione imprenditoriale con articolazione economico - finanziaria».

«Ancora una volta funzionari pubblici, quindi soggetti corrotti, anziché sviluppare quei compiti di controllo e vigilanza per i quali avrebbero dovuto ricoprire l’ufficio dell’ispettorato, hanno invece essi stessi dato sostegno per la consumazione delle frodi comunitari»

EMILIANO: REGIONE SI COSTITUIRÀ PARTE CIVILE - “La Regione Puglia si costituirà parte civile, non appena sarà esercitata l’azione penale, sostenendo convintamente l'impianto accusatorio della Procura, per recuperare le eventuali somme illecitamente incamerate dal presunto sodalizio criminoso; somme per le quali l’Amministrazione aveva già adottato provvedimenti di revoca”: lo dichiara il presidente Michele Emiliano con riferimento alle notizie di stampa in merito all'esecuzione di misure custodiali carcerarie, tra gli altri, di tre funzionari regionali, che rispondono di associazione a delinquere finalizzata alla truffa in danno della Regione per l'illecita acquisizione di fondi comunitari riferiti alle programmazioni delle precedenti amministrazioni, 2000/2006 e 2007/2013, nonché di corruzione. “Ringrazio gli organi inquirenti per la proficua attività investigativa svolta e per aver fatto luce su questa grave vicenda”, conclude il presidente Emiliano.

LE INTERCETTAZIONI - «Dobbiamo fare pure i politici, se non fai quello, non fai niente». E’ lo stralcio di una intercettazione contenuta negli atti della Dda di Bari che oggi hanno portato all’arresto di 48 persone alle quali sono contestate, tra gli altri reati, frodi su fondi Ue per l'agricoltura. Nella telefonata i due interlocutori, Aldo e Francesco Delli Carri, esponenti del gruppo mafioso foggiano dei Sinesi-Francavilla ed entrambi coinvolti nell’indagine, spiegano che «per il loro cartello delinquenziale era indispensabile avere l’appoggio politico presso la Regione Puglia».
Per questo si sarebbero «attivati in occasione delle elezioni tenute, nel maggio 2014, per il rinnovo dell’amministrazione comunale di Foggia, su richiesta di un consigliere regionale - si legge negli atti - , impegno registrato anche per le elezioni previste per il rinnovo del Consiglio regionale del maggio 2015. L'impegno assunto era funzionale ad ottenere agevolazioni nell’erogazione dei finanziamenti comunitari, in materia agroalimentare, veicolati per il tramite della Regione».
«Lui fa qualche cosa per noi? Noi dobbiamo fare qualche cosa per lui? Arrivano i voti al partito suo, hai capito? ... che me ne frega...destra, sinistra, qua devi fare i fatti tuoi» dicono, spiegando che «a noi ci serve perché noi dipendiamo dalla Regione Puglia - dicono - ... noi dipendiamo da Bari... allora, a noi ora ci serve...hai comunque la Regione che manda i soldi... a noi del Comune c'interessa poco quanto niente. A me m'interessa la Regione... dove stanziano un sacco di soldi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie