Domenica 25 Ottobre 2020 | 23:40

NEWS DALLA SEZIONE

Il virus
Coronavirus, il Policlinico di Bari è saturo: in arrivo altri 50 posti letto

Coronavirus, il Policlinico di Bari è saturo: in arrivo altri 50 posti letto

 
L'emergenza
Dopo Dpcm i ristoratori pugliesi sono in agitazione: al vaglio serie di proteste

Dopo Dpcm i ristoratori pugliesi sono in agitazione: al vaglio serie di proteste

 
L'emergenza
Dpcm, le parole di Decaro: «Necessario saldare un patto tra cittadini e Stato»

Dpcm, le parole di Decaro: «Ci vuole un patto tra cittadini e Stato. I sindaci fermeranno le violenze»

 
Il safe tracer
L'idea di un'azienda barese: basta un «bip» per garantire i distanziamenti

L'idea di un'azienda barese: basta un «bip» per garantire i distanziamenti

 
Il virus
Bitonto, l'allarme del sindaco: «Il 30% dei contagiati ha tra i 12 e i 25 anni»

Bitonto, l'allarme del sindaco: «Il 30% dei contagiati ha tra i 12 e i 25 anni»

 
La novità
Bari, le piazze di Carbonara prendono vita: dipinte come un quadro di Mondrian

Bari, le piazze di Carbonara prendono vita: dipinte come un quadro di Mondrian

 
L'appello
Misure anti Covid, Teatri di Bari contro chiusura cinema e politeami Al Petruzzelli stagione concerti in streaming

Misure anti Covid, Teatri di Bari contro chiusura cinema e politeami. Al Petruzzelli stagione concerti in streaming

 
Emergenza
Alberobello, focolaio Covid: muore quarto anziano in casa di riposo

Alberobello, focolaio Covid: muore quarto anziano in casa di riposo

 
la manifestazione
Bari, chiusure anticipate locali in arrivo: protestano davanti Prefettura

Bari, chiusure anticipate locali in arrivo: protestano davanti Prefettura Ft

 
la decisione
Casamassima, troppi assembramenti in centro commerciale: il sindaco prevede ingressi contingentati

Casamassima, troppi assembramenti in centro commerciale: previsti ingressi contingentati

 

Il Biancorosso

Serie c
Bari calcio, dopo Dpcm la partita con il Catania sarà a porte chiuse

Bari calcio, dopo Dpcm la partita con il Catania sarà a porte chiuse

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Lecce, positivo giudice popolare: Corte d'Assise in isolamento fiduciario

Lecce, positivo giudice popolare: Corte d'Assise in isolamento fiduciario

 
Covid news h 24Il virus
Coronavirus, il Policlinico di Bari è saturo: in arrivo altri 50 posti letto

Coronavirus, il Policlinico di Bari è saturo: in arrivo altri 50 posti letto

 
Covid news h 24Il virus
Coronavirus, positivo il cantautore tarantino Renzo Rubino

Coronavirus, positivo il cantautore tarantino Renzo Rubino

 
BrindisiL'incidente
Francavilla Fontana, impatto tra auto e moto: muore 24enne sul colpo

Francavilla Fontana, impatto tra auto e moto: muore 24enne sul colpo

 
PotenzaIl bollettino regionale
Coronavirus, 81 nuovi contagi in Basilicata: 58 i ricoverati in ospedale

Coronavirus, 81 nuovi contagi in Basilicata: 58 i ricoverati in ospedale

 
Foggiaemergenza Covid
Foggia, Polizia locale: sanzioni in arrivo per chi segnale falsi assembramenti

Foggia, Polizia locale: sanzioni in arrivo per chi segnala falsi assembramenti

 
Batla scorsa notte
Trani, scontro tra auto, una vola dal parapetto: solo danni

Trani, scontro tra auto, una vola dal parapetto: solo danni

 
MateraControlli dei CC
Calciano, positivo al Covid e in isolamento esce di casa: denunciato 63enne

Calciano, positivo al Covid e in isolamento esce di casa: denunciato 63enne

 

i più letti

la protesta

Bari, processo Casa Pound: rinvio prima udienza per difetti notifiche
Manifestazione antifascista davanti Tribunale

Alla sbarra 28 militanti di CasaPound accusati di un’aggressione ad un gruppo di manifestanti antifascisti avvenuta nel settembre 2018

Aggressione al corteo antirazzista: sequestrata sede Casapound Bari

BARI - Per difetti di notifiche è stata rinviata al 21 dicembre la prima udienza del processo sull'aggressione avvenuta a Bari il 21 settembre 2018 da parte di militanti di CasaPound nei confronti di un gruppo di manifestanti antifascisti.

In un’aula del Tribunale di via Dioguardi a Bari, troppo piccola per contenere tutti e dove l'appello è stato fatto facendo entrare le parti una alla volta per non creare assembramenti, erano presenti quasi tutti gli imputati e anche le persone offese.

Avevano già annunciato che avrebbero chiesto la costituzione di parte civile, oltre alle vittime dell’aggressione, l’Anpi, Rifondazione comunista, Comune di Bari e Regione Puglia. Nel processo è contestato a 28 persone il reato di riorganizzazione del disciolto partito fascista e a dieci di loro anche quello di lesioni personali aggravate.

Sono imputati anche cinque compagni delle vittime, accusati di violenza e minaccia a pubblico ufficiale, perché dopo l’aggressione, «nel tentativo di sfondare il cordone dei militari», avrebbero minacciato e colpito con calci, pugni e spintoni poliziotti e carabinieri.

A dicembre, dopo la costituzione delle parti, le difese potranno sollevare eventuali eccezioni preliminari. L’accusa è rappresentata dal procuratore facente funzione Roberto Rossi. 

MANIFESTAZIONE DAVANTI AL TRIBUNALE - Una manifestazione antifascista è stata organizzata dinanzi al Tribunale di Bari in occasione della prima udienza del processo sull'aggressione ad un gruppo di manifestanti antifascisti, compiuta nel settembre 2018 da parte di 28 militanti di CasaPound.

Le persone aggredite, accompagnate da attivisti dell’Anpi, di Rifondazione comunista e di diverse altre associazioni baresi, hanno presidiato l'ingresso del Tribunale, sventolando bandiere, esponendo cartelli e striscioni e cantando «Bella ciao».

«Vogliamo raccogliere il testimone antifascista dopo la condanna di Alba Dorata in Grecia. Pensiamo che anche CasaPound vada messa fuori legge. Oggi è a processo non soltanto per l'aggressione di quel 21 settembre ma anche per ricostituzione del partito fascista. CasaPound va sciolta e speriamo che la verità che emergerà da questo processo ci aiuterà nello scioglimento di CasaPound» ha dichiarato l’ex europarlamentare di Sinistra Europea Eleonora Forenza, tra le persone aggredite.

«Oggi sono qui con noi due donne, Carla Nespolo e Maria Celeste Nardini. Carla Nespolo, da presidente dell’Anpi, ha fortemente voluto la costituzione di parte civile in questo processo e pensiamo che questo sia importante non soltanto per la storia di questa città ma per la lotta al fascismo in Italia e in Europa». 

PARTE CIVILE - Intanto Rifondazione comunista-Sinistra europea chiederà di costituirsi parte civile al processo che inizia oggi a Bari nei confronti di 28 militanti di CasaPound accusati di un’aggressione ad un gruppo di manifestanti antifascisti avvenuta nel settembre 2018.

«Questi signori, ad avviso della Procura di Bari e nostro - scrivono in una nota il segretario nazionale Prc, Maurizio Acerbo, con Giovanni Russo Spena e Gianluca Schiavon - hanno premeditato un attacco violento contro un novero di antifascisti impegnati nella difesa della Costituzione, tra i quali il nostro dirigente nazionale Antonio Perillo e la nostra deputata Eleonora Forenza, capodelegazione italiana del Partito della Sinistra europea nel Parlamento europeo».

«Il tentativo di riorganizzare il partito fascista e il conseguente proditorio attacco - prosegue la nota - meritano una giusta punizione, un equo risarcimento e, soprattutto, un’eco nazionale per risvegliare le coscienze sulla minaccia violenta di queste organizzazioni. Se questa gente tocca un militante per le lotte democratiche, per le battaglie femministe, per le lotte sociali e antirazziste, tocca tutte e tutti noi». 

LA TESTIMONIANZA: «FU ASSALTO SQUADRISTA» -  «Ho ricevuto un colpo alla testa e me la cavai con nove punti di sutura, molto sangue e molto spavento. Dopo due anni siamo qua perché venga riconosciuta la natura squadrista di quella aggressione». Lo dichiara Antonio Perillo, una delle persone ferite nell’aggressione da parte di un gruppo di militanti di CasaPound, avvenuta a Bari nel settembre 2018. Perillo, all’epoca assistente parlamentare di Eleonora Forenza, anche lei presente all’aggressione, lo ha detto oggi a Bari in occasione della prima udienza del processo nei confronti di 28 militanti di CasaPound, dove chiederà di costituirsi parte civile.

«Ci aggredirono alle spalle selvaggiamente - ricorda Perillo - , non ci furono provocazione né insulti, eravamo quattro persone con due passeggini di ritorno da una manifestazione. Ci rincorsero e ci colpirono alle spalle». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie