Sabato 28 Marzo 2020 | 15:49

NEWS DALLA SEZIONE

emergenza coronavirus
Bari, volantini-truffaldini affissi nei portoni

Bari, volantini-truffaldini affissi nei portoni

 
l'iniziativa
Policlinico Bari, un sms per informare i parenti sulle condizioni dei ricoverati per Coronavirus

Policlinico Bari, un sms per informare i parenti sulle condizioni dei ricoverati per Coronavirus

 
il gesto
Ai domiciliari per spaccio, dona 200 mascherine al Pediatrico di Bari con l'assegno di disoccupazione

Ai domiciliari per spaccio, dona 200 mascherine al Pediatrico di Bari con l'assegno di disoccupazione

 
la storia
Genitori ricoverati per Covid-19, fratelli adolescenti restano soli: comune Bari si mobilita

Genitori ricoverati per Covid-19, fratelli adolescenti restano soli: comune Bari si mobilita

 
la storia
Bari, anziano fa la fila dal market per 4 volte: «Stavo prendendo aria, a casa c'è mia moglie»

Bari, anziano si mette in fila al market per 4 volte: «Stavo prendendo aria, a casa c'è mia moglie»

 
emergenza coronavirus
Medici volontari per aiutare la Lombardia: un barese ieri è partito per Piacenza

Medici volontari per aiutare la Lombardia: un barese ieri è partito per Piacenza

 
emergenza coronavirus
Coronavirus, ospedale Molfetta infermiera positiva: chiuso pronto soccorso

Ospedale Molfetta infermiera positiva: riapertura del pronto soccorso

 
Il virus
Coronavirus a Bari, contagi all'Oncologico: chiusi due reparti per sanificazione

Coronavirus a Bari, contagi all'Oncologico: chiusi due reparti per sanificazione

 
Il caso
Bari, donna corriere della droga: licenziata. Jobs Act finisce alla Consulta

Bari, donna corriere della droga: licenziata. Jobs Act finisce alla Consulta

 
In via Sabotino
Bari, carambola a Carrassi: auto si cappotta dopo aver urtato due auto

Bari, carambola a Carrassi: auto si cappotta dopo aver urtato due auto

 
emergenza coronavirus
Policlinico Bari, una «control room» per le indagini sui contatti degli operatori sanitari positivi

Policlinico Bari, 14 dipendenti positivi: una «control room» per le indagini sui contatti dei sanitari

 

Il Biancorosso

le dichiarazioni
Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggial'allarme
Coronavirus, a Foggia muore operatore del 118: aveva 48 anni

Coronavirus, a Foggia muore operatore del 118: aveva 48 anni

 
Homeemergenza coronavirus
Bari, volantini-truffaldini affissi nei portoni

Bari, volantini-truffaldini affissi nei portoni

 
Leccel'emergenza
Coronavirus: bloccato in Montenegro, panettiere salentino torna a casa

Coronavirus: bloccato in Montenegro, panettiere salentino torna a casa

 
Potenzail bollettino
Coronavirus Basilicata: altri 29 casi nelle ultime 24 ore, 170 positivi totali

Coronavirus Basilicata: altri 29 casi nelle ultime 24 ore, 170 positivi totali

 
Tarantol'operazione
Taranto, carabinieri arrestano 30enne rumena in casa con connazionali: ricercata dal 2015

Taranto, carabinieri arrestano 30enne rumena in casa con connazionali: ricercata dal 2015

 
Potenzaregione basilicata
Coronavirus, ordinanza di Bardi chiude i comuni di Tricarico, Irsina e Grassano

Coronavirus, ordinanza di Bardi chiude i comuni di Tricarico, Irsina e Grassano

 
Batemergenza coronavirus
Bat, attivati i droni per il controllo dall'alto anti-assembramenti

Bat, attivati i droni per il controllo dall'alto anti-assembramenti

 
Brindisia cerano
Sbarco di migranti nel Brindisino in piena emergenza sanitaria: circa 30 egiziani, tutti con le mascherine

Sbarco di migranti nel Brindisino in piena emergenza sanitaria: 44 egiziani e iracheni, minorenni, tutti con le mascherine

 

gara di solidarietà

Bari, salvate 3 vite umane grazie ad un trapianto di rene in tandem

Al Policlinico è stato eseguito un trapianto di rene incrociato: il paziente ha ricevuto l'organo da un donatore di Palermo e sua moglie l'ha donato a un ricevente in lista d'attesa a Torino.

Bari, salvate 3 vite umane grazie ad un trapianto di rene in tandem

BARI - Veneto, Sicilia, Puglia, Piemonte unite in una catena di solidarietà che incrocia coppie di donatori incompatibili tra loro per salvare tre vite. Al Policlinico di Bari è stato eseguito un trapianto di rene incrociato: il paziente ha ricevuto l'organo da un donatore di Palermo e sua moglie l'ha donato a un ricevente in lista d'attesa a Torino. Ad eseguire l'intervento è stata l'equipe del professor Michele Battaglia, direttore della unità operativa complessa di urologia e trapianto di rene dell’Azienda universitario ospedaliera Policlinico di Bari.

«Il Centro Regionale Trapianti pugliese è stato tra i primi in Italia a sperimentare questa modalità di trapianto da vivente, prevista dal programma Deck, ad agosto del 2018. Questa è la terza volta che entriamo in una catena di donatori e contribuiamo a restituire una migliore qualità di vita a tre pazienti in trattamento dialitico», spiega il direttore dell’unità operativa di nefrologia e coordinatore del Centro Regionale Trapianti, prof. Loreto Gesualdo.

COME FUNZIONA IL PROGRAMMA DECK - Spesso la donazione diretta tra persone legate affettivamente, nonostante la volontà espressa, non è possibile a causa di un'incompatibilità immunologica. In questi casi può aprirsi per i soggetti con insufficienza renale cronica l'opzione di una catena di scambio, innescata da un donatore deceduto. È quello che è successo: la catena si è aperta con una donazione da un soggetto deceduto in Veneto e si è chiusa in Piemonte evitando la dialisi a un paziente in lista d'attesa da donatore deceduto.

«Oggi si tende a far viaggiare gli organi piuttosto che i donatori e i riceventi – spiega il professor Michele Battaglia che ha eseguito l'intervento - il trapianto non è un gesto tecnico ma è un modello organizzativo che vede protagoniste tante figure professionali: il personale medico-infermieristico, le forze dell'ordine che accompagnano la staffetta ma soprattutto deve vedere sempre più coinvolta la società civile. Il dono è una scelta etica consapevole ed è importante che la gente sappia cosa succede, cosa si muove con il proprio singolo gesto d'amore consapevole».

«Il Policlinico di Bari si conferma un'eccellenza della sanità pugliese – conclude il direttore generale dell'azienda ospedaliera Giovanni Migliore – le competenze del prof. Battaglia e della sua equipe si sono ancora una volta messe in luce in una catena di interventi che ha coinvolto più strutture ospedaliere sul territorio nazionale. Va riconosciuto anche il grande lavoro di coordinamento del centro regionale che con il prof. Gesualdo ha fatto segnare nell'ultimo anno un record di trapianti in Puglia».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie