Venerdì 07 Agosto 2020 | 06:29

NEWS DALLA SEZIONE

15° anniversario
Bari, Disastro aereo Atr, le famiglie delle vittime: «Nessuna grazia ai condannati»

Bari, disastro aereo Atr, le famiglie delle vittime: «Nessuna grazia ai condannati»

 
Il virus
Nuovo caso di Covid 19 a Bari, partoriente al Di Venere positiva al tampone

Nuovo caso di Covid 19 a Bari, partoriente nell'ospedale Di Venere positiva al tampone. Personale e degenti di Ostetricia tutti negativi

 
La novità
Fiera del Levante lancia il salone mediterraneo «Be Wine!» sponsor dei vini del Sud

Fiera del Levante lancia il salone mediterraneo «Be Wine!» sponsor dei vini del Sud

 
L'INIZIATIVA
Vacanze sociali, la barca anti-mafia diventa uno svago a portata di tutti

Bari, con la barca anti-mafia 200 mini crociere per i meno fortunati

 
La denuncia
Bari, vola dal monopattino a causa di una buca e finisce in ospedale: sarà operata alla gamba

Bari, vola dal monopattino a causa di una buca e finisce in ospedale: sarà operata alla gamba

 
Il caso
Bari, nuova pista ciclabile di corso Vittorio Emanuele sbiadisce con la pioggia, il Comune: «Impresa la rifarà a sue spese»

Bari, nuova pista ciclabile di corso Vittorio Emanuele sbiadisce con la pioggia, il Comune: «Impresa la rifarà a sue spese»

 
LE INIZIATIVE
Arene culturali nell'estate in città a Bari

Arene culturali nell'estate in città a Bari

 
Occupazione
Sanità, Asl Bari assume 507 sociosanitari dal 1 settembre

Sanità, Asl Bari assume 507 sociosanitari dal 1 settembre

 
Nuovo contagio
Bari, commessa positiva la Covid, profumeria chiusa in via Sparano

Bari, commessa di Sephora positiva al Covid, profumeria chiusa in via Sparano

 
LA CERIMONIA
Mola, le chiavi della città alla regista Mangini

Mola, le chiavi della città alla regista Mangini

 

Il Biancorosso

SERIE C
Bari, Vivarini in stand by e ora vacilla anche Scala

Bari, Vivarini in stand by e ora vacilla anche Scala

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Call center, Cgil denuncia la Tim per interposizione manodopera

Call center, Cgil denuncia la Tim per interposizione manodopera

 
BatI fondi
Barletta, in arrivo 20 mln dal governo per il porto

Barletta, in arrivo 20 mln dal governo per il porto

 
Bari15° anniversario
Bari, Disastro aereo Atr, le famiglie delle vittime: «Nessuna grazia ai condannati»

Bari, disastro aereo Atr, le famiglie delle vittime: «Nessuna grazia ai condannati»

 
MateraA Ferrandina
Coronavirus, positivi 20 migranti arrivati dalla Sicilia e ospiti in struttura del Materano

Coronavirus, positivi 20 migranti arrivati dalla Sicilia e ospiti in struttura del Materano

 
LecceLa storia
Zorba, il gabbiano con le ali ai piedi è tornato a Porto Cesareo

Zorba, il gabbiano con le ali ai piedi è tornato a Porto Cesareo

 
PotenzaLA SVOLTA
Barresi «sfrattato» dai giudici: nomina, al S. Carlo di Potenza, illegittima

Barresi «sfrattato» dai giudici: nomina, al S. Carlo di Potenza, illegittima

 
FoggiaLA PROTESTA
Foggia, ospedale Don Uva: in agitazione 410 lavoratori

Foggia, ospedale Don Uva: in agitazione 410 lavoratori

 
BrindisiI DANNI
Maltempo, Brindisino ko: danni e disagi ovunque

Maltempo, Brindisino ko: danni e disagi ovunque

 

i più letti

Il caso

Lettera di minacce recapitata al sindaco di Cellamare

L’avviso: «Ti consigliamo di non fare tanto il rispettoso della legalità, altrimenti...»

Lettera di minacce recapitata al sindaco di Cellamare

BARI - «Al signor sindaco di Cellamare, paladino della giustizia di Cellamare. Ti consigliamo di non fare tanto il rispettoso della legalità. Hai capito male su come funzionano le cose. A Cellamare, non puoi comandare tu. Ci siamo capiti. Sindaco avvisato, mezzo salvato, altrimenti… a buon intenditore poche parole».
Queste poche righe, scritte in maiuscolo con l’ausilio di un computer, contenute in una lettera ordinaria recapitata a Palazzo di città ieri mattina, hanno «gelato» il sangue del sindaco Gianluca Vurchio.

Una missiva dai toni duri e chiaramente minatori che il giovane primo cittadino, salito sullo scranno più alto del Comune da circa sei mesi, certo non si aspettava. «La lettera ha creato certamente turbamento - spiega Gianluca Vurchio - ma non fa arretrare l’azione mia e dell’amministrazione di un centimetro. Certo, mi sorprende molto questa missiva non riuscendo proprio a capire da chi provenga e quale sia una qualche iniziativa amministrativa che, in qualche modo, possa aver dato “fastidio” a qualcuno. Sono, comunque, sereno sull’operato del nostro programma», ribadisce.

La lettera, spedita da un ufficio postale di Bari il giorno prima, era contenuta in una busta da spedizione con affrancatura ordinaria riportante il solo recapito di destinazione, scritto a penna e a stampatello, con una grafia dall’andamento alquanto incerto e forme lessicali elementari. «Ho scritto immediatamente al prefetto - dice ancora Vurchio - perché l’episodio venga preso nella massima considerazione a tutela non tanto della mia persona, ma soprattutto della serenità di un’intera comunità, soprattutto di quella parte più buona di essa. Chiederò anche l’intervento di nuclei investigativi specializzati perché si possa andare in fondo a questa questione».

La lettera è stata presa in consegna dai Carabinieri della compagnia di Triggiano, coordinati dal capitano Ugo Chiosi, che stanno effettuando le indagini per risalire all’autore della missiva e, soprattutto, per valutare la serietà delle chiare minacce rivolte al sindaco. La speranza è che si tratti di un mitomane o di uno scherzo di cattivo gusto. Tra l’altro, è la prima volta che si registra un episodio di tal fatta in una delle più piccole comunità della provincia di Bari, notoriamente ancora legata a valori tradizionali e dove tutti si conoscono.

Resta l’interrogativo, tuttavia, su chi possa essere stato «disturbato» dall’azione amministrativa del neosindaco a soli sei mesi dalla sua elezione, tanto da minacciarlo pesantemente e senza troppi giri di parole. La risposta l’attende un’intera comunità (6.500 abitanti) che vuole recuperare la sua serenità.

LA SOLIDARIETÀ DELL'ANCI - «Sostegno e solidarietà» di Anci Puglia al sindaco di Cellamare (Bari), Gianluca Vurchio, 34 anni, minacciato con una lettera ieri mattina perché «tanto rispettoso della giustizia». Sull'episodio indagano i Carabinieri. A Vurchio, che è anche coordinatore regionale Anci Giovani, la lettera è giunta ieri mattina, con minacce dirette.
«A Gianluca Vurchio va il sostegno e la solidarietà dei sindaci pugliesi - sottolinea in una nota il presidente di Anci Puglia, Domenico Vitto -. Confidiamo nell’operato delle forze dell’ordine affinché sia fatta subito chiarezza sulla vicenda, per consentire al sindaco Vurchio di proseguire la sua azione amministrativa in un clima di sicurezza e serenità».


OSSERVATORIO VIMINALE - Sulla vicenda è intervenuto anche il presidente nazionale dell’Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro, che annuncia che la prossima settimana porterà il caso Vurchio, e «purtroppo tanti altri casi, al tavolo dell’osservatorio sugli atti intimidatori nei confronti degli amministratori locali al ministero dell’Interno, perché «bisogna passare dalle parole di solidarietà ai fatti».
«Busta e parole minacciose. Questa volta - dice Decaro - perfino irridenti di chi crede nella legalità. L’ennesimo atto intimidatorio nei confronti di un sindaco colpisce un giovane collega mio amico. Non ci fa paura chi vede nelle battaglie per la legalità un pericolo per i propri comodi. Non ci fa paura chi usa la più vile delle modalità: l’anonimato. Non ci fa paura chi pensa di intimorire un uomo solo. Perché Gianluca non è solo. Ha tutti noi sindaci al suo fianco»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie