Giovedì 28 Maggio 2020 | 20:41

NEWS DALLA SEZIONE

tecnologia
Policlinico Bari, il corso di preparazione al parto si segue online

Policlinico Bari, il corso di preparazione al parto si segue online

 
matrimoni
Bari, via libera alle nozze civili in sicurezza: ecco le nuove regole anti-Covid

Bari, via libera alle nozze civili in sicurezza: ecco le nuove regole anti-Covid

 
dal gup
Bari, fece uccidere ex amante davanti all'Amiu: imprenditrice condannata a 30 anni

Bari, fece uccidere ex amante davanti all'Amiu: imprenditrice condannata a 30 anni

 
nel Barese
Altamura, GdF sequestra immobile per oltre 1 milione di euro: ottenuto dopo usura

Altamura, presta 20mila euro e ottiene immobile da 1mln, pronto per diventare B&B: sequestrato

 
il sorvolo a sorpresa
Le Frecce Tricolori illudono e «beffano» Bari: l'abbraccio è solo per pochi

Le Frecce Tricolori illudono e «beffano» Bari: l'abbraccio è solo per pochi Video

 
La decisione
Salvataggio Popolare Bari, via libera del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi con 1,17 miliardi

Salvataggio PopBari, via libera del Fondo interbancario con 1,17 miliardi

 
L'INIZIATIVA
«Sorvoleremo Bari, restate sui balconi»

Bari, arrivano le Frecce Tricolori: la diretta sul sito della «Gazzetta»

 
trasporti
Aeroporti, dal 19 giugno arriva il volo Bari-Firenze

Aeroporti, dal 19 giugno arriva il volo Bari-Firenze

 
giustizia
Processo Pandora a Bari, 4 condanne e 4 assoluzioni (anche vice presidente Antiracket)

Processo Pandora a Bari, 4 condanne e 4 assoluzioni (anche vicepresidente Antiracket)

 

Il Biancorosso

serie C
Il tecnico biancorosso Vincenzo Vivarini

Il Bari pronto a tornare in campo: i play-off l’ipotesi più credibile

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaLa decisione
Basilicata, i tamponi si fanno come al «drive-in» a Villa d'Agri

Basilicata, i tamponi si fanno come al «drive-in» a Villa d'Agri

 
Tarantoil siderurgico
ArcelorMittal, non c'è accordo tra azienda e sindacati su proroga cig Covid

ArcelorMittal, non c'è accordo tra azienda e sindacati su proroga cig Covid

 
Leccel'incidente
Operaio morto in cantiere gasdotto Salento: indagato autista macchina posatubi

Operaio morto in cantiere gasdotto Salento: indagato autista macchina posatubi

 
Foggial'indagine
Foggia, conclusi test sierologici al Policlinico: positivo al Covid l'1,9% dei dipendenti

Foggia, conclusi test sierologici al Policlinico: positivo al Covid l'1,9% dei dipendenti

 
Baritecnologia
Policlinico Bari, il corso di preparazione al parto si segue online

Policlinico Bari, il corso di preparazione al parto si segue online

 
Brindisinel Brindisino
Ambiente, Emiliano: «Enel dismetterà Gruppo 2 centrale Cerano

Ambiente, Emiliano: «Enel dismetterà Gruppo 2 centrale Cerano

 
Batnella bat
Bisceglie, carabinieri smantellano piazza di spaccio: arrestati in 2 con 1,3kg di marijuana

Bisceglie, carabinieri smantellano piazza di spaccio: arrestati in 2 con 1,3kg di marijuana

 
Materatecnologia
veduta di Montescaglioso

Montescaglioso, dal Comune un «no» deciso alla sperimentazione 5G

 

i più letti

La sentenza

Bari, spaccio e ed estorsioni del clan Mercante e Strisciuglio: 36 condanne

Pene comprese tra 4 mesi e 16 anni di reclusione, condanna inflitta ai pluripregiudicati Alessandro De Bernardis e Domenico De Caro

Gli uffici giudiziari a Bari

Gli uffici giudiziari a Bari

Il gup del Tribunale di Bari Maria Teresa Romita ha condannato 36 persone a pene comprese tra i 16 anni e i 4 mesi di reclusione e ne ha assolte tre nel processo di primo grado su estorsioni, traffico e spaccio di droga, tentati omicidi, detenzione di armi e furti di auto e moto a carico di affiliati dei clan Mercante e Strisciuglio di Bari. La sentenza è stata emessa al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato. Le condanne più elevate, a 16 anni di reclusione, sono state inflitte ai pluripregiudicati Alessandro De Bernardis e Domenico De Caro. Altri sette imputati sono attualmente a processo con il rito ordinario, tra i quali il boss Giuseppe Mercante, soprannominato «Pinuccio il drogato».

Stando alle indagini della Polizia, coordinate dai pm della Dda di Bari Lidia Giorgio e Giuseppe Gatti, tra il 2013 e il 2014 i due gruppi criminali, all’epoca in conflitto tra loro per il controllo delle attività illecite nel quartiere Libertà di Bari, avrebbero costretto numerosi commercianti del rione a pagare il pizzo, fino a 2mila euro al mese (nella maggior parte dei casi non denunciato), rubato moto e auto parcheggiate in strada o all’interno di strutture come la Fiera del Levante e il Policlinico di Bari per poi chiedere centinaia di euro per la restituzione dei mezzi.

Agli atti c'è l’episodio di un medico del Policlinico che chiamò il boss Mercante per riottenere i due motorini che gli erano stati rubati. Nel corso delle indagini furono sequestrate armi e droga e rinvenuto il libro mastro della droga con appunti manoscritti indicanti i quantitativi di stupefacente venduto e le relative somme di denaro. Sono circa 200 gli episodi di spaccio documentati, nei quali la droga veniva di volta in volta chiamata «candele bianche», «cuccioli», "bistecche», «birre», «scarpe» e «medicina».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie