Lunedì 25 Maggio 2020 | 23:53

NEWS DALLA SEZIONE

La richiesta
Penalisti Bari e il «Requiem della Giustizia», l'appello a Bonafede: «Dia segno che lo Stato c'è»

Penalisti Bari e il «Requiem della Giustizia», l'appello a Bonafede: «Dia segno che lo Stato c'è»

 
La lettera
Bari, l'appello di un commerciante: «Io e la mia famiglia guariti dal Covid, ora ci ucciderà la crisi»

Bari, appello di un commerciante: «Io e la mia famiglia guariti dal Covid, ora ci ucciderà la crisi»

 
FASE 2
Bari, sui bus senza mascherina, scattano i controlli

Bari, sui bus si sale senza mascherina e scattano i controlli

 
Il caso
Mafia a Bari, uccise 16enne innocente, ora torna in cella: accusato di detenzione di armi

Mafia a Bari, uccise 16enne innocente, ora torna in cella: accusato di detenzione di armi

 
Fase 2
«A Capitolo andranno forte le pagode privé»

Prove per l'estate: a Capitolo andranno forte le pagode privé

 
La denuncia
Bari, assembramenti allo sportello Asl: interviene la Polizia. Picaro (Lega): «Situazione vergognosa»

Bari, assembramenti allo sportello Asl: interviene la Polizia. Picaro (Lega): «Situazione vergognosa»

 
TRAGEDIA SFIORATA
Molfetta, minaccia di lanciarsi dal tetto dell’ospedale

Molfetta, minaccia di lanciarsi dal tetto dell’ospedale: a salvarlo il sindaco

 
La novità
Bari vecchia, le edicole votive candidate ai Luoghi del Cuore Fai: patrimonio storico

Bari vecchia, le edicole votive candidate ai Luoghi del Cuore Fai: patrimonio storico

 
Fase 2
Ingressi contingentati, mascherine e distanza: riapre oggi il Circolo della Vela Bari

Ingressi contingentati, mascherine e distanza: riapre oggi il Circolo della Vela Bari

 
CORONAVIRUS
Bari, monopattini e bighe elettrici, la nuova mobilità post pandemia. Più piste ciclabili, isole pedonali più estese e un ripensamento dei marciapiedi, non più dedicati all’esclusivo transito delle pe

Bari, monopattini e «bighe» elettrici: ecco la nuova mobilità post-pandemia

 

Il Biancorosso

SERIE C

Il Bari vuole e prepara lo sprint. L’eventuale stop fa meno paura

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaL'ordinanza
Coronavirus in Basilicata, Bardi riapre da domani palestre e piscine

Coronavirus in Basilicata, Bardi riapre da domani palestre e piscine

 
TarantoLa provocazione
Taranto, i vucumprà si attrezzano contro il Coronavirus e vendono mascherine in spiaggia

Taranto, i vucumprà si attrezzano contro il Coronavirus e vendono mascherine in spiaggia

 
BrindisiSanità
Ospedale Ostuni, finiti i lavori a Chirurgia generale: restyling prosegue

Ospedale Ostuni, finiti i lavori a Chirurgia generale: restyling prosegue

 
BariLa richiesta
Penalisti Bari e il «Requiem della Giustizia», l'appello a Bonafede: «Dia segno che lo Stato c'è»

Penalisti Bari e il «Requiem della Giustizia», l'appello a Bonafede: «Dia segno che lo Stato c'è»

 
FoggiaA Borgo Mezzanone
Covid 19, a Foggia distribuiti 1200 kit anticontagio ai migranti

Covid 19, a Foggia distribuiti 1200 kit anticontagio ai migranti

 
LecceIl rilancio del turismo
OTRANTO

La bellezza di Otranto d'estate in totale sicurezza: lo spot con Lele Spedicato

 
Batnella bat
Bisceglie, la polizia lo pizzica mentre nasconde tre kg di marijuana in garage: arrestato 26enne

Bisceglie, la polizia lo pizzica mentre nasconde tre kg di marijuana in garage: arrestato 26enne

 

i più letti

Zona Cecilia

Modugno, dopo 50 anni sarà abbattuto lo storico «bubbone»

Giovedì 19 settembre alle ore 9, consegna dei lavori alla ditta Agoraa, aggiudicataria dell'appalto per la demolizione dell'immobile

Modugno, dopo 50 anni sarà abbattuto lo storico «bubbone»

Sono ormai contate le ore per l'ecomostro del quartiere Cecilia di Modugno, un palazzo abusivo di sei piani il cui abbattimento viene chiesto dai cittadini da 50 anni e la cui fine è stata decretata anche dalla giustizia amministrativa, che si è pronunciata al riguardo più volte. Giovedì 19 settembre alle ore 9, con la consegna dei lavori alla ditta Agoraa (aggiudicataria dell'appalto per la demolizione dell'immobile), prenderanno il via le operazioni per l'abbattimento di uno dei simboli più clamorosi degli scempi edilizi consumati nel territorio di Modugno.

Si va così verso la realizzazione di un obiettivo di portata storica dell'Amministrazione Magrone: l’eliminazione del palazzo di sei piani - situato tra le vie Pordenone, Ancona, Canne della Battaglia - la cui costruzione cominciò nel 1972 senza, però, mai essere completata. Obiettivo che si realizza soprattutto grazie al pressante e duro impegno del sindaco Magrone e del vicesindaco e assessore all'urbanistica, Francesca Benedetto, con la collaborazione tecnica del responsabile del Servizio comunale ai Lavori pubblici, Franco Bruno.

Dal 1968, anno in cui fu rilasciata la prima licenza edilizia, ad oggi l’iter di realizzazione del fabbricato ha conosciuto una serie straordinariamente tortuosa di sospensioni, sequestri e dissequestri, silenzi e dimenticanze, che ha prodotto il triste risultato, ancora per poco sotto gli occhi di tutti, di un edificio ridotto al suo pericolante scheletro, noto come il 'bubbone', svettante da decenni nel cuore del quartiere Cecilia con tutta la sua portata di degrado per l'ambiente circostante. Nessuno in questi anni è riuscito a dargli vita perché – come hanno sentenziato anche il Tar di Puglia e il Consiglio di Stato – è “certamente abusivo”; tutte le amministrazioni passate avevano promesso di abbatterlo ma nessuna lo ha fatto. Tranne l’”amministrazione della legalità”, guidata da Nicola Magrone, che al posto del ‘Bubbone’ ha progettato la nascita del ‘Parco della legalità’.

“La popolazione del quartiere Cecilia sta per essere liberata dall'oppressione di un immobile ridotto da tempo allo stato di rudere, pericolante e pericoloso, dichiarato abusivo anche dalla giustizia amministrativa. Il 'bubbone' è il simbolo tristemente eloquente di una storia, soprattutto politica, di totale mancanza di rispetto per la comunità”, dice il Sindaco Magrone. “Essere giunti finalmente all'assegnazione dei lavori di demolizione significa soprattutto - sottolinea Magrone – che stiamo per sanare un'ingiuria lunga cinquant'anni e per restituire, così, dignità alla popolazione e ai luoghi del quartiere Cecilia. Contro questa ingiuria, l'amministrazione comunale ha avuto il coraggio di battersi impegnandosi in un contenzioso complicato e faticoso pur di affermare le ragioni, riconosciute dal Tar e dal Consiglio di Stato, del quartiere Cecilia e della legalità ambientale e urbanistica nel nostro territorio.”

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie